Un dizionario di 297.519 parole consultabile
Un rimario di 609.491 parole sempre a disposizione
Un lavoro di 18 anni messo liberamente a disposizione.

Ricerca rime:

Specificare la parola con cui fare rima ed il numero di caratteri finali che devono corrispondere

 
 




Ti sei accorto di un errore o di una definizione sbagliata? Ti chiediamo di segnalarla cliccando

Parola:
infuriarmi : (in-fu-riàr-mi)
dal v.tr. infuriare, (rendere furioso), più la part pron mi.


Trovate 615  Rime. VERBI    NOMI    NON DEFINITO    



VERBI  TOP
abbagliarmi
(ab-ba-gliàr-mi) dal v.tr. abbagliare, (offendere la vista con luce troppo viva; affascinare), più la part pron mi.
abbindolarmi
(ab-bin-do-làr-mi) dal v.tr. abbindolare, (raggirare, ingannare), più la part pron mi.
accasarmi
(ac-ca-sàr-mi) dal v.tr. accasare, (far sposare un figlio od una figlia), più la part pron mi.
accertarmi
(ac-cer-tàr-mi) dal v.tr. accertare, (appurare; riconoscere per certo), più la part pron mi.
accodarmi
(ac-co-dàr-mi) dal v.tr. accodare, (legare le bestie da soma in modo che la testa di una sia vicina alla coda dell’altra; mettersi in fila), più la part pron mi.

accomiatarmi
(ac-co-mia-tàr-mi) od accommiatarmi, dal v.tr. accomiatare od accommiatare, (dare commiato), più la part pron mi.
accopparmi
(ac-cop-pàr-mi) dal v.tr. accoppare, (uccidere), più la part pron mi.
acquattarmi
(ac-quat-tàr-mi) dal v.tr. acquattare, (nascondere), più la part pron mi.
addentarmi
(ad-den-tàr-mi) dal v.tr. addentare, (mordere), più la part pron mi.
adeguarmi
(a-de-guàr-mi) dal v.tr. adeguare, (rendere adatto, proporzionato), più la part pron mi.

affacciarmi
(af-fac-ciàr-mi) dal v.tr. affacciare, (far vedere specialmente da una porta o finestra), più la part pron mi.
affiancarmi
(af-fian-càr-mi) dal v.tr. affiancare, (mettere a fianco), più la part pron mi.
aiutarmi
(a-iu-tàr-mi) dal v.tr. aiutare, (prestare aiuto), più la part pron mi.
allarmarmi
(al-lar-màr-mi) dal v.tr. allarmare, (mettere in agitazione), più la part pron mi.
allontanarmi
(al-lon-ta-nàr-mi) dal v.tr. allontanare, (mandar via), più la part pron mi.

appagarmi
(ap-pa-gàr-mi) dal v.tr. appagare, (soddisfare, esaudire), più la part pron mi.
appiedarmi
(ap-pie-dàr-mi) dal v.tr. appiedare, (costringere a scendere da un veicolo), più la part pron mi.
arruffarmi
(ar-ruf-fàr-mi) dal v.tr. arruffare, (scompigliare; mettere in disordine), più la part pron mi.
assodarmi
(as-so-dàr-mi) dal v.tr. assodare, (rendere sodo; consolidare), più la part pron mi.
atteggiarmi
(at-teg-giàr-mi) dal v.tr. atteggiare, (imporre al corpo o ad una parte di esso determinate posizioni), più la part pron mi.

avviarmi
(av-viàr-mi) dal v.tr. avviare, (mettere in moto; iniziare una nuova attività; indirizzare in un luogo), più la part pron mi.
bendarmi
(ben-dàr-mi) dal v.tr. bendare, (fasciare con bende), più la part pron mi.
buttarmi
(but-tàr-mi) dal v.tr. buttare, (gettare, lanciare lontano), più la part pron mi.
calmarmi
(cal-màr-mi) dal v.tr. calmare, (rendere calmo; sedare), più la part pron mi.
camuffarmi
(ca-muf-fàr-mi) dal v.tr. camuffare, (travestire, mascherare), più la part pron mi.

cibarmi
(ci-bàr-mi) dal v.tr. cibare, (dar da mangiare), più la part pron mi.
confermarmi
(con-fer-màr-mi) dal v.tr. confermare, (ribadire in forma solenne), più la part pron mi.
curvarmi
(cur-vàr-mi) dal v.tr. curvare, (piegare a forma di arco), più la part pron mi.
depilarmi
(de-pi-làr-mi) dal v.tr. depilare, (rendere privo di peli), più la part pron mi.
disperarmi
(di-spe-ràr-mi) dal v.intr. disperare, (perdere la speranza), più la part pron mi.

dissanguarmi
(dis-san-guàr-mi) dal v.tr. dissanguare, (privare del sangue), più la part pron mi.
divagarmi
(di-va-gàr-mi) dal v.tr. divagare, (allontanarsi da un argomento, da un proposito), più la part pron mi.
emozionarmi
(e-mo-zio-nàr-mi) dal v.tr. emozionare, (turbare; suscitare emozioni), più la part pron mi.
esiliarmi
(e-si-liàr-mi) dal v.tr. esiliare, (condannare, mandare in esilio), più la part pron mi.
fiaccarmi
(fiac-càr-mi) dal v.tr. fiaccare, (privare della forza sia morale, sia fisica), più la part pron mi.

fossilizzarmi
(fos-si-liz-zàr-mi) dal v.tr. fossilizzare, (ridurre allo stato fossile), più la part pron mi.
gasarmi
(ga-sàr-mi) dal v.tr. gasare, (rendere effervescente, specialmente un liquido), più la part pron mi.
giovarmi
(gio-vàr-mi) dal v.intr. giovare, (recare vantaggio), più la part pron mi.
impinguarmi
(im-pin-guàr-mi) dal v.tr. impinguare, (riempire; far ingrassare), più la part pron mi.
incappottarmi
(in-cap-pot-tàr-mi) dal v.tr. incappottare, (avvolgere bene in un cappotto), più la part pron mi.

incappucciarmi
(in-cap-puc-ciàr-mi) dal v.tr. incappucciare, (ricoprire con un cappuccio), più la part pron mi.
incolonnarmi
(in-co-lon-nàr-mi) dal v.tr. incolonnare, (disporre in colonna), più la part pron mi.
infervorarmi
(in-fer-vo-ràr-mi) dal v.tr. infervorare, (infiammare di passione), più la part pron mi.
inguaiarmi
(in-gua-iàr-mi) dal v.tr. inguaiare, (mettere nei guai), più la part pron mi.
iniettarmi
(i-niet-tàr-mi) dal v.tr. iniettare, (introdurre nelle cavità o nei tessuti liquidi a scopo curativo), più la part pron mi.

laurearmi
(lau-reàr-mi) dal v.tr. laureare, (conferire la laurea; addottorare), più la part pron mi.
licenziarmi
(li-cen-ziàr-mi) dal v.tr. licenziare, (accomiatare; dichiarare licenziato da un corso di studi; porre fine ad un rapporto di lavoro), più la part pron mi.
modernizzarmi
(mo-der-niz-zàr-mi) dal v.tr. modernizzare, (adeguare ai tempi moderni), più la part pron mi.
mortificarmi
(mor-ti-fi-càr-mi) dal v.tr. mortificare, (far vergognare di sè), più la part pron mi.
abbonarmi
(ab-bo-nàr-mi) od abbuonarmi, 1 dal v.tr. abbuonare, (defalcare una parte di debito), 2 dal v.tr. abbonare, (fare un abbonamento per conto di altri), più la part pron mi.

abbottonarmi
(ab-bot-to-nàr-mi) dal v.tr. abbottonare, (infilare i bottoni nei rispettivi occhielli), più la part pron mi.
acclimatarmi
(ac-cli-ma-tàr-mi) dal v.tr. acclimatare, (adattare ad un clima diverso da quello nativo), più la part pron mi.
adattarmi
(a-dat-tàr-mi) dal v.tr. adattare, (adeguare una cosa ad un’altra), più la part pron mi.
affaticarmi
(af-fa-ti-càr-mi) dal v.tr. affaticare, (procurare fatica, stanchezza), più la part pron mi.
affidarmi
(af-fi-dàr-mi) dal v.tr. affidare, (consegnare alla cura, alla custodia di qualcuno di fiducia), più la part pron mi.

aggrapparmi
(ag-grap-pàr-mi) dal v.tr. aggrappare, (prendere con forza; afferrare), più la part pron mi.
aggraziarmi
(ag-gra-ziàr-mi) dal v.tr. aggraziare, (rendere grazioso), più la part pron mi.
allargarmi
(al-lar-gàr-mi) dal v.tr. allargare, (rendere più largo), più la part pron mi.
allearmi
(al-le-àr-mi) dal v.tr. alleare, (unire con vincolo di alleanza), più la part pron mi.
alleviarmi
(al-le-vàr-mi) dal v.tr. alleviare, (attenuare, rendere più lieve), più la part pron mi.

amarmi
(a-màr-mi) dal v.tr. amare, (voler bene), più la part pron mi.
ammogliarmi
(am-mo-gliàr-mi) dal v.tr. ammogliare, (far sposare, dare moglie), più la part pron mi.
angosciarmi
(an-go-scià-rmi) dal v.tr. angosciare, (dare angoscia), più la part pron mi.
annotarmi
(an-no-tàr-mi) dal v.tr. annotare, (prendere nota), più la part pron mi.
appaiarmi
(ap-pa-iàr-mi) dal v.tr. appaiare, (unire insieme due cose, accoppiare), più la part pron mi.

appassionarmi
(ap-pas-sio-nàr-mi) dal v.tr. appassionare, (destare trasporto, passione), più la part pron mi.
appestarmi
(ap-pe-stàr-mi) dal v.tr. appestare, (infettare di peste; riempire di cattivo odore), più la part pron mi.
appostarmi
(ap-po-stàr-mi) dal v.tr. appostare, (spiare tenendosi in aguato), più la part pron mi.
attaccarmi
(at-tac-càr-mi) dal v.tr. attaccare, (unire fra loro; andare all’assalto), più la part pron mi.
attrezzarmi
(at-trez-zàr-mi) dal v.tr. attrezzare, (fornire di attrezzi), più la part pron mi.

avvantaggiarmi
(av-van-tag-giàr-mi) dal v.tr. avvantaggiare, (procurare vantaggio), più la part pron mi.
avvelenarmi
(av-ve-le-nàr-mi) dal v.tr. avvelenare, (uccidere con il veleno), più la part pron mi.
avvicendarmi
(av-vi-cen-dàr-mi) dal v.tr. avvicendare, (alternare periodicamente), più la part pron mi.
avvilupparmi
(av-vi-lup-pàr-mi) dal v.tr. avviluppaare, (avvolgere tutt’intorno), più la part pron mi.
cambiarmi
(cam-biàr-mi) dal v.tr. cambiare, (modificare), più la part pron mi.

collocarmi
(col-lo-càr-mi) dal v.tr. collocare, (mettere in un luogo; trovare una sistemazione; vendere), più la part pron mi.
confessarmi
(con-fes-sàr-mi) dal v.tr. confessare, (ammettere come vero un reato, una colpa, un peccato), più la part pron mi.
confrontarmi
(con-fron-tàr-mi) dal v.tr. confrontare, (mettere a confronto più cose per valutarne le somiglianze e le differenze), più la part pron mi.
consacrarmi
(con-sa-cràr-mi) dal v.tr. consacrare, (rendere sacro), più la part pron mi.
consegnarmi
(con-se-gnàr-mi) dal v.tr. consegnare, (affidare a qualcuno una cosa), più la part pron mi.

consolarmi
(con-so-làr-mi) dal v.tr. consolare, (confortare), più la part pron mi.
consorziarmi
(con-sor-ziàr-mi) dal v.tr. consorziare, (riunire in consorzio), più la part pron mi.
crucciarmi
(cruc-ciàr-mi) dal v.tr. crucciare, (affliggere, tormentare), più la part pron mi.
destarmi
(de-stàr-mi) dal v.tr. destare, (svegliare), più la part pron mi.
dispregiarmi
(di-sprez-zàr-mi) dal v.tr. dispregiare, (avere in poco od in nessun pregio), più la part pron mi.

disprezzarmi
(di-sprez-zàr-mi) dal v.tr. disprezzare, (ritenere qualcuno indegno di stima), più la part pron mi.
disseccarmi
(dis-sec-càr-mi) dal v.tr. disseccare, (rendere secco, asciutto), più la part pron mi.
districarmi
(di-stri-càr-mi) dal v.tr. districare, (sbrogliare ciò che è intricato), più la part pron mi.
dondolarmi
(don-do-làr-mi) dal v.tr. dondolare, (mandare in qua ed in là qualcosa sospesa in equilibrio instabile), più la part pron mi.
fracassarmi
(fra-cas-sàr-mi) dal v.tr. fracassare, (ridurre in pezzi), più la part pron mi.

immolarmi
(im-mo-làr-mi) dal v.tr. immolare, (offrire, sacrificare), più la part pron mi.
impiccarmi
(im-pic-càr-mi) dal v.tr. impiccare, (giustiziare qualcuno appendendolo con il capio per il collo), più la part pron mi.
impuntarmi
(im-pun-tàr-mi) dal v.tr. impuntare, (inciampare con la punta del piede; balbettare), più la part pron mi.
inarcarmi
(i-nar-càr-mi) dal v.tr. inarcare, (curvare a forma d’arco), più la part pron mi.
indebitarmi
(in-de-bi-tàr-mi) dal v.tr. indebitare, (riempire di debiti), più la part pron mi.

infettarmi
(in-fet-tàr-mi) dal v.tr. infettare, (provocare un’infezione), più la part pron mi.
influenzarmi
(in-fluen-zàr-mi) dal v.tr. influenzare, (far modificare il comportamento di qualcuno esercitando la propria influenza), più la part pron mi.
insediarmi
(in-se-diàr-mi) dal v.tr. insediare, (investire qualcuno di una carica importante), più la part pron mi.
abbinarmi
(ab-bi-nàr-mi) dal v.tr. abbinare, (riunire in coppie cose particolarmente affini fra loro), più la part pron mi.
abituarmi
(a-bi-tuàr-mi) dal v.tr. abituare, (far prendere una abitudine), più la part pron mi.

accalorarmi
(ac-ca-lo-ràr-mi) dal v.tr. accalorare, (rendere caldo, vivace, acceso), più la part pron mi.
addormentarmi
(ad-dor-men-tàr-mi) dal v.tr. addormentare, (far dormire), più la part pron mi.
affaccendarmi
(af-fa-cen-dàr-mi) dal v.tr. affaccendare, (impegnare in attività), più la part pron mi.
affannarmi
(af-fan-nàr-mi) dal v.tr. affannare, (dare affanno), più la part pron mi.
affezionarmi
(af-fe-zio-nàr-mi) dal v.tr. affezionare, (rendere affezionato; spingere all’interessamento), più la part pron mi.

aggrottarmi
(ag-grot-tàr-mi) dal v.tr. aggrottare, (contrarre le sopracciglia), più la part pron mi.
alienarmi
(a-lie-nàr-mi) dal v.tr. alienare, (vendere; rendere ostile), più la part pron mi.
ammalarmi
(am-ma-làr-mi) dal v.tr. ammalare, (provocare malattie), più la part pron mi.
ammazzarmi
(a-maz-zàr-mi) dal v.tr. ammazzare, (uccidere in modo violento), più la part pron mi.
annebbiarmi
(an-neb-biàr-mi) dal v.tr. annebbiare, (offuscare, oscurare con nebbia), più la part pron mi.

arrogarmi
(ar-ro-gàr-mi) dal v.tr. arrogare, (attribuirsi qualcosa senza averne il diritto), più la part pron mi.
assicurarmi
(as-si-cu-ràr-mi) dal v.tr. assicurare, (rendere sicuro; garantire), più la part pron mi.
augurarmi
(auguràrmi) dal v.tr. augurare, (esprimere un augurio per sé o per altri), più la part pron mi.
capacitarmi
(ca-pa-ci-tàr-mi) dal v.tr. capacitare, (convin
catapultarmi
(ca-ta-pul-tàr-mi) dal v.tr. catapultare, (scaraventare; lanciare con grande potenza), più la part pron mi.

comportarmi
(com-por-tàr-mi) dal v.tr. comportare, (implicare; avere come conseguenza), più la part pron mi.
confidarmi
(con-fi-dàr-mi) dal v.intr. confidare, (rivelare qualcosa di personale, di riservato), più la part pron mi.
congratularmi
(con-gra-tu-làr-mi) dal v.intr. congratulare, (mostrare gioia, piacere), più la part pron mi.
corrucciarmi
(cor-ruc-ciàr-mi) dal v.tr. corrucciare, (far adirare), più la part pron mi.
costiparmi
(co-sti-pàr-mi) dal v.tr. costipare, (comprimere il terreno per diminuire la sofficità; rendere stitico), più la part pron mi.

cullarmi
(cul-làr-mi) dal v.tr. cullare, (dondolare un bambino per calmarlo), più la part pron mi.
dilettarmi
(di-let-tàr-mi) dal v.tr. dilettare, (procurar piacere, divertire), più la part pron mi.
disegnarmi
(di-se-gnàr-mi) dal v.tr. disegnare, (rappresentare per mezzo di segni), più la part pron mi.
disorientarmi
(di-so-rien-tàr-mi) dal v.tr. disorientrare, (far perdere l’orientamento, la direzione), più la part pron mi.
emanciparmi
(e-man-ci-pàr-mi) dal v.tr. emancipare, (liberare da ogni soggezione), più la part pron mi.

esaltarmi
(e-sal-tàr-mi) dal v.tr. esaltare, (far risaltare; magnificare con lodi), più la part pron mi.
esasperarmi
(e-sa-spe-ràr-mi) dal v.tr. esasperare, (irritare oltre il limite di sopportazione), più la part pron mi.
frenarmi
(fre-nàr-mi) dal v.tr. frenare, (sottoporre ciò che è in movimento all’azione del freno), più la part pron mi.
impiagarmi
(im-pia-gàr-mi) dal v.tr. impiagare, (coprire di piaghe), più la part pron mi.
implicarmi
(im-pli-càr-mi) dal v.tr. implicare, (sottintendere; racchiudere in sé; rendere qc partecipe e corresponsabile in qc), più la part pron mi.

inchinarmi
(in-chi-nàr-mi) dal v.tr. inchinare, (piegare verso il basso), più la part pron mi.
indignarmi
(in-di-gnàr-mi) dal v.tr. indignare, (provocare risentimento, sdegno), più la part pron mi.
infatuarmi
(in-fa-tu-àr-mi) dal v.tr. infatuare, (produrre in qualcuno un entusiasmo eccessivo), più la part pron mi.
inoltrarmi
(i-nol-tràr-mi) dal v.tr. inoltrare, (trasmettere una pratica all’ufficio competente), più la part pron mi.
intrufolarmi
(in-tru-fo-làr-mi) dal v.tr. intrufolare, (introdurre di nascosto), più la part pron mi.

inzupparmi
(in-zup-pàr-mi) dal v.tr. inzuppare, (bagnare completamente), più la part pron mi.
irritarmi
(ir-ri-tàr-mi) dal v.tr. irritare, (far perdere la pazienza), più la part pron mi.
liberarmi
(li-be-ràr-mi) dal v.tr. liberare, (rendere libero), più la part pron mi.
masturbarmi
(ma-stur-bàr-mi) dal v.tr. masturbare, (provocare orgasmo sessuale su altri), più la part pron mi.
orientarmi
(o-rien-tàr-mi) dal v.tr. orientare, (girare qualcosa in modo che risulti nella direzione di un determinato punto), più la part pron mi.

rasserenarmi
(ras-se-re-nàr-mi) dal v.tr. rasserenare, (rendere sereno; liberare da un timore), più la part pron mi.
riappacificarmi
(ri-ap-pa-ci-fi-càr-mi) o rappacificarmi, dal v.tr. riappacificare o rappacificare, (far tornare la pa-
ribaltarmi
(ri-bal-tàr-mi) dal v.tr. ribaltare, (rovesciare, mandare sottosopra), più la part pron mi.
riguardarmi
(ri-guar-dàr-mi) dal v.tr. riguardare, (guardare nuovamente; conservare con riguardo), più la part pron mi.
ritirarmi
(ri-tràr-mi) dal v.tr. ritirare, (tirare di nuovo; togliere dalla circolazione; riscuotere; revocare), più la part pron mi.

salvarmi
(sal-vàr-mi) dal v.tr. salvare, (tirar fuori da un pericolo; mettere in salvo), più la part pron mi.
abbandonarmi
(ab-ban-do-nàr-mi) dal v.tr. abbandonare, (lasciare per sempre persone o cose; ritirarsi da una gara sportiva; lasciare senza aiuto; lasciare nell’incuria), più la part pron mi.
abbeverarmi
(ab-be-ve-ràr-mi) dal v.tr. abbeverare, (far bere, specialmente il bestiame), più la part pron mi.
abbigliarmi
(ab-bi-gliàr-mi) dal v.tr. abbigliare, (vestire con raffinatezza), più la part pron mi.
accarezzarmi
(ac-ca-rez-zàr-mi) dal v.tr. accarezzare, (li-

accattivarmi
(ac-cat-ti-vàr-mi) dal v.tr. accattivare, (saper conquistare, per merito o con arte, ll’amicizia, l’affetto e la stima altrui), più la part pron mi.
acchetarmi
(ac-che-tàr-mi) dal v.tr. acchetare, (calmare, acquietare), più la part pron mi.
accorarmi
(ac-co-ràr-mi) dal v.tr. accorare, (addolorare, affliggere), più la part pron mi.
addentrarmi
(ad-den-tràr-mi) dal v.tr. addentrare, (andar o mandar dentro), più la part pron mi.
adontarmi
(a-don-tàr-mi) dal v.tr. adontare, (offendere),

adornarmi
(a-dor-nàr-mi) dal v.tr. adornare, (rendere più bello), più la part pron mi.
affogarmi
(af-fo-gàr-mi) dal v.tr. affogare, (annegare), più la part pron mi.
affossarmi
(af-fos-sàr-mi) dal v.tr. affossare, (incavare; insabbiare), più la part pron mi.
affrancarmi
(af-fran-càr-mi) dal v.tr. affrancare, (apporre l’affrancatura ad una lettera), più la part pron mi.
allenarmi
(al-le-nàr-mi) dal v.tr. allenare, (preparare ad una competizione), più la part pron mi.

ammaccarmi
(am-mac-càr-mi) dal v.tr. ammaccare, (deformare leggermente una superficie mediante urti o pressioni), più la part pron mi.
amputarmi
(am-pu-tàr-mi) dal v.tr. amputare, (asportare chirurgicamente un arto), più la part pron mi.
arrabbiarmi
(ar-rab-biàr-mi) dal v.intr. arrabbiare, (detto di cani, ammalarsi di rabbia), più la part pron mi.
arrangiarmi
(ar-ran-giàr-mi) dal v.tr. arrangiare, (aggiustare alla meglio), più la part pron mi.
arrotarmi
(ar-ro-tàr-mi) dal v.tr. arrotare, (affilare una lama), più la part pron mi.

attestarmi
(at-te-stàr-mi) dal v.tr. attestare, (affermare per diretta conoscenza), più la part pron mi.
azzopparmi
(az-zop-pàr-mi) dal v.tr. azzoppare, (rendere zoppo), più la part pron mi.
candidarmi
(can-di-dàr-mi) dal v.tr. candidare, (proporre come candidato), più la part pron mi.
concentrarmi
(con-cen-tràr-mi) dal v.tr. concentrare, (raccogliere, riunire in un luogo), più la part pron mi.
condannarmi
(con-dan-nàr-mi) dal v.tr. condannare, (comminare una pena all’imputato riconosciuto colpevole), più la part pron mi.

confortarmi
(con-for-tàr-mi) dal v.tr. confortare, (consolare), più la part pron mi.
degnarmi
(de-gnàr-mi) dal v.tr. degnare, (giudicare degno), più la part pron mi.
detestarmi
(de-te-stàr-mi) dal v.tr. detestare, (avere in orrore, odiare), più la part pron mi.
disciplinarmi
(di-sci-pli-nàr-mi) dal v.tr. disciplinare, (abituare alla disciplina; regolare con norme), più la part pron mi.
disdegnarmi
(di-sde-gnàr-mi) dal v.tr. disdegnare, (considerare indegno), più la part pron mi.

disgustarmi
(di-sgu-stàr-mi) dal v.tr. disgustare, (provocare disgusto, ripugnanza), più la part pron mi.
documentarmi
(do-cu-men-tàr-mi) dal v.tr. documentare, (corredare e dimostrare con documenti), più la part pron mi.
dominarmi
(do-mi-nàr-mi) dal v.tr. dominare, (tenere soggetto alla propria autorità, alla propria volontà), più la part pron mi.
emendarmi
(e-men-dàr-mi) dal v.tr. emendare, (liberare da difetti od imperfezioni), più la part pron mi.
entusiasmarmi
(en-tu-sia-smàr-mi) dal v.tr. entusiasmare, (appassionare), più la part pron mi.

fermarmi
(fer-màr-mi) dal v.tr. fermare, (fissare qc che si muove; interrompere un movimento), più la part pron mi.
imbacuccarmi
(im-ba-cuc-càr-mi) dal v.tr. imbacuccare, (avvolgere il capo ed il corpo con abiti larghi e pesanti), più la part pron mi.
imbarcarmi
(im-bar-càr-mi) dal v.tr. imbarcare, (far salire merci e persone su una nave, su una imbarcazione), più la part pron mi.
impersonarmi
(im-per-so-nàr-mi) dal v.tr. impersonare, (detto di attore, interpretare una parte), più la part pron mi.
impicciarmi
(im-pic-ciàr-mi) dal v.tr. impicciare, (ostaocolare), più la part pron mi.

inclinarmi
(in-cli-nàr-mi) dal v.tr. inclinare, (far propendere; piegare in modo che penda da un lato), più la part pron mi.
incomodarmi
(in-co-mo-dàr-mi) dal v.tr. incomodare, (recare disturbo), più la part pron mi.
incontrarmi
(in-con-tràr-mi) dal v.tr. incontrare, (trovare per caso davanti a sè), più la part pron mi.
infilzarmi
(in-fil-zàr-mi) dal v.tr. infilzare, (riunire più cose assieme formando una filza; trafiggere), più la part pron mi.
informarmi
(in-for-màr-mi) dal v.tr. informare, (modellare secondo una forma; passare, dare informazioni), più la part pron mi.

infuriarmi
(in-fu-riàr-mi) dal v.tr. infuriare, (rendere furioso), più la part pron mi.
inimicarmi
(i-ni-mi-càr-mi) dal v.tr. inimicare, (rendere ostile), più la part pron mi.
inquietarmi
(in-quie-tàr-mi) dal v.tr. inquietare, (turbare, preoccupare), più la part pron mi.
installarmi
(ins-tal-làr-mi) od istallarmi, dal v.tr. installare od istallare, (sistemare qc o qc in un dato luogo, in un dato posto), più la part pron mi.
invogliarmi
(in-vo-làr-mi) dal v.tr. invogliare, (rendere voglioso, desideroso), più la part pron mi

adombrarmi
(a-dom-bràr-mi) dal v.tr. adombrare, (coprire d’ombra; esprimersi in modo velato, discreto), più la part pron mi.
adoperarmi
(a-do-pe-ràr-mi) od adoprarmi, dal v.tr. adoperare o adoprare, (far uso), più la part pron mi.
aerarmi
(a-e-ràr-mi) dal v.tr. aerare, (dare aria), più la part pron mi.
affamarmi
(af-fa-màr-mi) dal v.tr. affamare, (far patire la fame), più la part pron mi.
allietarmi
(al-lie-tàr-mi) dal v.tr. allietare, (rendere lieto), più la part pron mi.

allinearmi
(al-li-ne-àr-mi) dal v.tr. allineare, (disporre sulla stessa linea; schierare), più la part pron mi.
analizzarmi
(a-na-liz-zàr-mi) dal v.tr. analizzare, (sottoporre ad analisi), più la part pron mi.
appartarmi
(ap-par-tàr-mi) dal v.tr. appartare, (mettere in disparte), più la part pron mi.
appiccicarmi
(ap-pic-ci-càr-mi) dal v.tr. appiccicare, (attaccare con sostanze vischiose), più la part pron mi.
applicarmi
(ap-pli-càr-mi) dal v.tr. applicare, (attaccare una cosa sopra un’altra), più la part pron mi.

appoggiarmi
(ap-pog-giàr-mi) dal v.tr. appoggiare, (poggiare delicatamente una cosa sopra un’altra), più la part pron mi.
arenarmi
(a-re-nàr-mi) dal v.intr. arenare, (detto di imbarcazione, incagliarsi in un fondo sabbioso), più la part pron mi.
arruolarmi
(ar-ruo-làr-mi) dal v.tr. arruolare, (chiamare alle armi), più la part pron mi.
assiderarmi
(as-si-de-ràr-mi) dal v.tr. assiderare, (venire intorpidito dal freddo), più la part pron mi.
bearmi
(be-àr-mi) dal v.tr. beare, (rendere felice, beato), più la part pron mi.

civilizzarmi
(ci-vi-liz-zàr-mi) dal v.tr. civilizzare, (rendere civile; portare la civiltà), più la part pron mi.
conturbarmi
(con-tur-bàr-mi) dal v.tr. conturbare, (turbare profondamente), più la part pron mi.
copularmi
(co-pu-làr-mi) dal v.tr. copulare, (unire in matrimonio, accoppiare), più la part pron mi.
defilarmi
(de-fi-làr-mi) dal v.tr. defilare, (sottrarre al tiro od alla vista del nemico), più la part pron mi.
delimitarmi
(de-li-mi-tàr-mi) dal v.tr. delimitare, (segnare i limiti, i confini), più la part pron mi.

denudarmi
(de-nu-dàr-mi) dal v.tr. denudare, (spogliare; privare dei vestiti), più la part pron mi.
depravarmi
(de-pra-vàr-mi) dal v.tr. depravare, (volgere al male, al vizio), più la part pron mi.
depurarmi
(de-pu-ràr-mi) dal v.tr. depurare, (privare delle impurità), più la part pron mi.
diplomarmi
(di-plo-màr-mi) dal v.tr. diplomare, (conferi-
disobbligarmi
(di-sob-bli-gàr-mi) dal v.tr. disobbligare, (liberare da un obbligo), più la part pron mi.

disonorarmi
(di-so-no-ràr-mi) dal v.tr. disonorare, (privare dell’onore), più la part pron mi.
drogarmi
(dro-gàr-mi) dal v.tr. drogare, (condire con droghe alimentari; somministrare droghe), più la part pron mi.
esecrarmi
(e-se-cràr-mi) dal v.tr. esecrare, (detestare), più la part pron mi.
esercitarmi
(e-ser-ci-tàr-mi) dal v.tr. esercitare, (tenere in esercizio, in attività), più la part pron mi.
fratturarmi
(frat-tu-ràr-mi) dal v.tr. fratturare, (provocare una frattura ossea), più la part pron mi.

gemellarmi
(ge-mel-làr-mi) dal v.tr. gemellare, (unire due città mediante gemellaggio), più la part pron mi.
graffiarmi
(graf-fiàr-mi) dal v.tr. graffiare, (lacerare la pelle con le unghie), più la part pron mi.
illuminarmi
(il-lu-mi-nàr-mi) dal v.tr. illuminare, (rendere chiaro e luminoso con la luce), più la part pron mi.
imbellettarmi
(im-bel-let-tàr-mi) dal v.tr. imbellettare, (ornare con belletto), più la part pron mi.
imbrattarmi
(im-brat-tàr-mi) dal v.tr. imbrattare, (insudiciare con liquidi o sostanze appiccicose), più la part pron mi.

imbronciarmi
(im-bron-ciàr-mi) dal v.tr. imbronciare, (assumere un’espressione infastidita e contrariata), più la part pron mi.
impigliarmi
(im-pi-gliàr-mi) dal v.tr. impigliare, (trattene
incamminarmi
(in-cam-mi-nàr-mi) dal v.tr. incamminare, (mettere in cammino), più la part pron mi.
indugiarmi
(in-du-giàr-mi) dal v.intr. indugiare, (lasciar passare del tempo prima di decidere), più la part pron mi.
ingioiellarmi
(in-gio-iel-làr-mi) dal v.tr. ingioiellare, (ornare di gioielli), più la part pron mi.

ingrassarmi
(in-gras-sàr-mi) dal v.tr. ingrassare, (rendere frasso), più la part pron mi.
innalzarmi
(in-nal-zàr-mi) od inalzarmi, dal v.tr. innalzare od inalzare, (portare più alto; elevare di grado), più la part pron mi.
intrigarmi
(in-tri-gàr-mi) dal v.tr. intrigare, (affascinare, stuzzicare la curiosità), più la part pron mi.
invischiarmi
(in-vi-schiàr-mi) dal v.tr. invischiare, (spal-
maritarmi
(ma-ri-tàr-mi) dal v.tr. maritare, (far sposare una donna; darle marito), più la part pron mi.

occultarmi
(oc-cul-tàr-mi) dal v.tr. occultare, (nascondere; fare in modo che qualcosa non venga a conoscenza di altri), più la part pron mi.
pettinarmi
(pet-ti-nàr-mi) dal v.tr. pettinare, (mettere in ordine i capelli), più la part pron mi.
profumarmi
(pro-fu-màr-mi) 1 dal v.tr. profumare, (cospargere di profumo). 2 dal v.intr. profumare, (emanare profumo; mandare buon odore), più la part pron mi più la part pron mi.
rafforzarmi
(raf-for-zàr-mi) dal v.tr. rafforzare, (rendere forte), più la part pron mi.
abbassarmi
(ab-bas-sàr-mi) dal v.tr. abbassare, (portare più in basso; diminuire di altezza, di intensità, di valore), più la part pron mi.

accettarmi
(ac-cet-tàr-mi) dal v.tr. accettare, (ricevere di buon grado ciò che viene offerto), più la part pron mi.
acconciarmi
(ac-con-ciàr-mi) dal v.tr. acconciare, (sistemare con arte ed eleganza), più la part pron mi.
accontentarmi
(ac-con-ten-tàr-mi) dal v.tr. accontentare, (soddisfare), più la part pron mi.
accostarmi
(ac-co-stàr-mi) dal v.tr. accostare, (porre accanto), più la part pron mi.
adagiarmi
(a-da-giàr-mi) dal v.tr. adagiare, (posare con riguardo), più la part pron mi.

afferrarmi
(af-fer-ràr-mi) dal v.tr. afferrare, (prendere e tenere con forza), più la part pron mi.
affinarmi
(af-fi-nàr-mi) dal v.tr. affinare, (rendere fine e sottile; rendere puro un metallo; aguzzare la vista, la mente), più la part pron mi.
alternarmi
(al-ter-nàr-mi) dal v.tr. alternare, (fare in modo che due elementi diversi fra loro si susseguano alternandosi), più la part pron mi.
alzarmi
(al-zàr-mi) dal v.tr. alzare, (levare in alto), più la part pron mi.
ambientarmi
(am-bien-tàr-mi) dal v.tr. ambientare, (adattare all’ambiente), più la part pron mi.

angustiarmi
(an-gu-stiàr-mi) dal v.tr. angustiare, (causare preoccupazione, angoscia), più la part pron mi.
annoiarmi
(an-no-iàr-mi) dal v.tr. annoiare, (dare, provocare noia), più la part pron mi.
apparentarmi
(ap-pa-ren-tàr-mi) dal v.tr. apparentare, (legare con vincoli di parentela), più la part pron mi.
appellarmi
(ap-pel-làr-mi) dal v.tr. appellare, (chiamare per nome), più la part pron mi.
arrampicarmi
(ar-ram-pi-càr-mi) dal v.intr. arrampicare, (nell’alpinismo, procedere in salita facendo uso anche delle mani), più la part pron mi.

arretrarmi
(ar-re-tràr-mi) dal v.tr. arretrare, (mandare indietro; retrocedere), più la part pron mi.
avvicinarmi
(av-vi-ci-nàr-mi) dal v.tr. avvicinare, (accostare, mettere vicino), più la part pron mi.
azzuffarmi
(az-zuf-fàr-mi) dal v.tr. azzuffare, (far venire a zuffa), più la part pron mi.
bagnarmi
(ba-gnàr-mi) dal v.tr. bagnare, (cospargere con acqua od altro liquido), più la part pron mi.
barricarmi
(bar-ri-càr-mi) dal v.tr. barricare, (ostruire con una barricata), più la part pron mi.

bruciarmi
(bru-ciàr-mi) dal v.tr. bruciare, (ardere, consumare), più la part pron mi.
cautelarmi
(cau-te-làr-mi) dal v.tr. cautelare, (assicurare usando cautela), più la part pron mi.
congelarmi
(con-ge-làr-mi) dal v.tr. congelare, (rendere solido un liquido; rinviare o sospendere una trattativa, un programma, una corresponsione), più la part pron mi.
consociarmi
(con-so-ciàr-mi) dal v.tr. consociare, (unire in società), più la part pron mi.
consumarmi
(con-su-màr-mi) dal v.tr. consumare, (logorare con l’uso), più la part pron mi.

controllarmi
(con-trol-làr-mi) dal v.tr. controllare, (esaminare accuratamente; sottoporre a sorveglianza; tenere in proprio potere), più la part pron mi.
dileguarmi
(di-le-guàr-mi) dal v.tr. deleguare, (far sparire), più la part pron mi.
dimenarmi
(di-me-nàr-mi) dal v.tr. dimenare, (agitare, scuotere), più la part pron mi.
discostarmi
(di-sco-stàr-mi) dal v.tr. discostare, (allontanare), più la part pron mi.
disimpegnarmi
(di-sim-pe-gnàr-mi) dal v.tr. disimpegnare, (liberare da un impegno; riscattare una cosa data in pegno), più la part pron mi.

disinteressarmi
(di-sin-te-res-sàr-mi) dal v.tr. disinteressare, (far perdere l’interesse per qc), più la part pron mi.
disintossicarmi
(di-sin-tos-si-càr-mi) dal v.tr. disintossicare, (liberare da ciò che intossica), più la part pron mi.
distrarmi
(di-stràr-mi) dal v.tr. distrarre, (rendere disattento; Sottrarre ed utilizzare per scopi diversi dal previsto), più la part pron mi.
domiciliarmi
(do-mi-ci-liàr-mi) dal v.tr. domiciliare, (fornire di domicilio), più la part pron mi.
emarginarmi
(e-mar-gi-nàr-mi) dal v.tr. emarginare, (relegare ai margini; escludere dalla vita della collettività), più la part pron mi.

equipaggiarmi
(e-qui-pag-giàr-mi) dal v.tr. equipaggiare, (fornire del necessario), più la part pron mi.
esonerarmi
(e-so-ne-ràr-mi) dal v.tr. esonerare, (esentare da un obbligo), più la part pron mi.
gettarmi
(get-tàr-mi) dal v.tr. gettare, (mandare qualcosa lontano da sè), più la part pron mi.
glorificarmi
(glo-ri-fi-càr-mi) dal v.tr. glorificare, (celebrare; rendere glorioso), più la part pron mi.
guardarmi
(guar-dàr-mi) dal v.tr. guardare, (fissare lo sguardo su qc o su qc), più la part pron mi.

imbarazzarmi
(im-ba-raz-zàr-mi) dal v.tr. imbarazzare, (mettere a disagio), più la part pron mi.
impennarmi
(im-pen-nàr-mi) dal v.tr. impennare, (cabrare un aereo, rivestire di penne; elevare spiritualmente), più la part pron mi.
incanalarmi
(in-ca-na-làr-mi) dal v.tr. incanalare, (raccogliere le acque in un canale), più la part pron mi.
incatenarmi
(in-ca-te-nàr-mi) dal v.tr. incatenare, (legare con catene), più la part pron mi.
incipriarmi
(in-ci-priàr-mi) dal v.tr. incipriare, (cospargere di cipria), più la part pron mi.

abbronzarmi
(ab-bron-zàr-mi) dal v.tr. abbronzare, (rendere la pelle bruna stando al sole), più la part pron mi.
accomodarmi
(ac-co-mo-dàr-mi) dal v.tr. accomodare, (sistemare, mettere in ordine), più la part pron mi.
accoppiarmi
(ac-cop-piàr-mi) dal v.tr. accoppiare, (unire in coppia; unire sessualmente due animali a scopo riproduttivo), più la part pron mi.
accordarmi
(ac-cor-dàr-mi) dal v.tr. accordare, (mettere d’accordo), più la part pron mi.
affermarmi
(af-fer-màr-mi) dal v.tr. affermare, (dichiarare esplicitamente), più la part pron mi.

affondarmi
(af-fon-dàr-mi) dal v.tr. affondare, (mandare a fondo; sprofondare), più la part pron mi.
affrettarmi
(af-fret-tàr-mi) dal v.tr. affrettare, (aumentare la velocità; rendere più sollecita la realizzazione di qualcosa), più la part pron mi.
aggravarmi
(ag-gra-vàr-mi) dal v.tr. aggravare, (rendere più grave ciò che è già tale), più la part pron mi.
agitarmi
(a-gi-tàr-mi) dal v.tr. agitare, (muovere qua e là; scuotere con forza), più la part pron mi.
alimentarmi
(a-li-men-tàr-mi) dal v.tr. alimentare, (dare alimento; nutrire), più la part pron mi.

allungarmi
(al-lun-gàr-mi) dal v.tr. allingare, (accrescere in lunghezza), più la part pron mi.
animarmi
(a-ni-màr-mi) dal v.tr. animare, (infondere la vita; intrattenere con attività ricreative), più la part pron mi.
annegarmi
(an-ne-gàr-mi) dal v.tr. annegare, (far morire per annegamento), più la part pron mi.
assettarmi
(as-set-tàr-mi) dal v.tr. assettare, (mettere in ordine, sistemare), più la part pron mi.
associarmi
(as-so-ciàr-mi) dal v.tr. associare, (riunire insieme), più la part pron mi.

attardarmi
(at-tar-dàr-mi) dal v.tr. attardare, (rallentare), più la part pron mi.
avventarmi
(av-ven-tàr-mi) dal v.tr. avventare, (scagliare con forza; dire senza ponderare, avventatamente), più la part pron mi.
caricarmi
(ca-ri-càr-mi) dal v.tr. caricare, (aggravare con un peso; attaccare con impeto; fornire di carica), più la part pron mi.
congedarmi
(con-ge-dàr-mi) dal v.tr. congedare, (dar congedo; lasciar partire), più la part pron mi.
contagiarmi
(con-ta-giàr-mi) dal v.tr. contagiare, (trasmet

coricarmi
(co-ri-càr-mi) o poetico corcarmi, (cor-càr-mi), dal v.tr. coricare o poetico corcare, (far adagiare, far distendere sul letto), più la part pron mi.
dedicarmi
(de-di-càr-mi) dal v.tr. dedicare, (offrire un’opera, letteraria od artistica, in atto di omaggio), più la part pron mi.
deliziarmi
(de-li-ziàr-mi) dal v.tr. deliziare, (procurar piacere), più la part pron mi.
dilungarmi
(di-lun-gàr-mi) dal v.tr. dilungare, (allungare, differire), più la part pron mi.
disamorarmi
(di-sa-mo-ràr-mi) dal v.tr. disamorare, (far perdere l’amore), più la part pron mi.

discolparmi
(di-scol-pàr-mi) dal v.tr. discolpare, (dimostrare la mancanza di colpa), più la part pron mi.
effeminarmi
(ef-fe-mi-nàr-mi) od effemminarmi, dal v.tr. effeminare od effemminare, ( far assumere atteggiamenti femminili), più la part pron mi.
estasiarmi
(e-sta-siàr-mi) dal v.tr. estasiare, (mandare in estasi), più la part pron mi.
fasciarmi
(fa-sciàr-mi) dal v.tr. fasciare, (avvolgere in fasce; bendare), più la part pron mi.
fregiarmi
(fre-giàr-mi) dal v.tr. fregiare, (guarnire di fregi), più la part pron mi.

frizionarmi
(fri-zio-nàr-mi) dal v.tr. frizionare, (massaggiare), più la part pron mi.
grattarmi
(grat-tàr-mi) dal v.tr. grattare, (passare leggermente la pelle con le unghie per togliere il prurito), più la part pron mi.
impegolarmi
(im-pe-go-làr-mi) dal v.tr. impegolare, (spalmare con pece), più la part pron mi.
incastrarmi
(in-ca-stràr-mi) dal v.tr. incastrare, (inserire a forza una cosa su un’altra in modo da rimanere infissa), più la part pron mi.
incolparmi
(in-col-pàr-mi) dal v.tr. incolpare, (addossare la colpa a qualcuno), più la part pron mi.

infarinarmi
(in-fa-ri-nàr-mi) dal v.tr. infarinare, (cospargere di farina), più la part pron mi.
ingravidarmi
(in-gra-vi-dàr-mi) dal v.tr. ingravidare, (rendere gravida), più la part pron mi.
insudiciarmi
(in-su-di-ciàr-mi) dal v.tr. insudiciare, (sporcare), più la part pron mi.
interessarmi
(in-te-res-sàr-mi) dal v.tr. interessare, (suscitare interesse, curiosità), più la part pron mi.
lesionarmi
(le-sio-nàr-mi) dal v.tr. lesionare, (danneggiare), più la part pron mi.

logorarmi
(lo-go-ràr-mi) dal v.tr. logorare, (consumare a poco a poco), più la part pron mi.
medicarmi
(me-di-càr-mi) dal v.tr. medicare, (detergere, disinfettare e proteggere con bende una ferita od una piaga), più la part pron mi.
mostrarmi
(mo-stràr-mi) dal v.tr. mostrare, (sottoporre all’attenzione di altri), più la part pron mi.
preservarmi
(pre-ser-vàr-mi) dal v.tr. preservare, (salvaguardare da pericoli o danni), più la part pron mi.
registrarmi
(re-gi-stràr-mi) dal v.tr. registrare, (iscrivere in un pubblico registro; raccogliere suoni od immagini; mettre a punto un meccanismo), più la part pron mi.

riammalarmi
(ri-am-ma-làr-mi) dal v.intr. riammalare, (ammalarsi di nuovo), più la part pron mi.
rianimarmi
(ri-a-ni-màr-mi) dal v.tr. rianimare, (rimettere in salute; far rinvenire), più la part pron mi.
riavvicinarmi
(ri-av-vi-ci-nàr-mi) dal v.tr. riavvicinare, (avvicinare di nuovo), più la part pron mi.
preoccuparmi
(pre-oc-cu-pàr-mi) dal v.tr. preoccupare, (tenere qualcuno in ansia), più la part pron mi.
raffreddarmi
(raf-fred-dàr-mi) dal v.tr. raffreddare, (rendere freddo), più la part pron mi.

riassestarmi
(ri-as-se-stàr-mi) dal v.tr. riassestare, (rimettere in sesto), più la part pron mi.
ricollegarmi
(ri-col-le-gàr-mi) dal v.tr. ricollegare, (collegare di nuovo), più la part pron mi.
rispogliarmi
(ri-spo-gliàr-mi) dal v.tr. rispogliare, (spogliare di nuovo), più la part pron mi.
rovinarmi
(ro-vi-nàr-mi) 1 dal v.tr. rovinare, (danneggiare; far fallire), 2 dal v.intr. rovinare, (precipitare), più la part pron mi.
sbaciucchiarmi
(sba-ciuc-chiàr-mi) dal v.tr. sbaciucchiare, (baciare ripetutamente in modo sdolcinato), più la part pron mi.

scagliarmi
(sca-gliàr-mi) dal v.tr. scagliare, (lanciare lontano), più la part pron mi.
scocciarmi
(scoc-ciàr-mi) dal v.tr. scocciare, (importunare, dar noia; sbeccare o scheggiare), più la part pron mi.
scompigliarmi
(scom-pi-gliàr-mi) dal v.tr. scompigliare, (sconvolgere una disposizione), più la part pron mi.
sconquassarmi
(scon-quas-sàr-mi) dal v.tr. sconquassare, (scuotere con violenza in modo da rompere), più la part pron mi.
sfogarmi
(sfo-gàr-mi) dal v.tr. sfogare, (dare libera manifestazione ai sentimenti), più la part pron mi.

sollevarmi
(sol-le-vàr-mi) dal v.tr. sollevare, (alzare), più la part pron mi.
sorpassarmi
(sor-pas-sàr-mi) dal v.tr. sorpassare, (superare; oltrepassare), più la part pron mi.
spettinarmi
(spet-ti-nàr-mi) dal v.tr. spettinare, (arruffare i capelli), più la part pron mi.
strofinarmi
(stro-fi-nàr-mi) dal v.tr. strofinare, (passare ripetutamente sopra una superficie per pulirla, asciugarla o lucidarla), più la part pron mi.
stroncarmi
(stron-càr-mi) dal v.tr. stroncare, (troncare con violenza), più la part pron mi.

stropicciarmi
(stro-pic-ciar-mi) dal v.tr. stropicciare, (sgualcire; fregare con forza una cosa contro un’altra), più la part pron mi.
strusciarmi
(stru-sciàr-mi) 1 dal v.tr. strusciare, (urtare di striscio), 2 dal v.intr. strusciare, (sfregare contro qualcosa), più la part pron mi.
sventagliarmi
(sven-ta-gliàr-mi) dal v.tr. sventagliare, (fare aria con il ventaglio; sparare a rafica), più la part pron mi.
svignarmi
(svi-gnàr-mi) dal v.intr. svignare, (allontanarsi in fretta o di nascosto), più la part pron mi.
tirarmi
(ti-ràr-mi) dal v.tr. tirare, (portare verso di sé od allontanare le estremità di qualcosa per distenderla), più la part pron mi.

toccarmi
(toc-càr-mi) dal v.tr. toccare, (tastare, sfiorare, premere o sentire col tatto qualcosa), più la part pron mi.
trafugarmi
(tra-fu-gàr-mi) dal v.tr. trafugare, (portar via furtivamente, di soppiatto), più la part pron mi.
travagliarmi
(tra-va-gliàr-mi) dal v.tr. travagliare, (dare patimento fisico; tormentare), più la part pron mi.
travisarmi
(tra-vi-sàr-mi) dal v.tr. travisare, (alterare l’aspetto), più la part pron mi.
truccarmi
(truc-càr-mi) dal v.tr. truccare, (modificare momentaneamente l’aspetto fisico di una persona), più la part pron mi.

rasarmi
(ra-sàr-mi) dal v.tr. rasare, (radere, tagliare), più la part pron mi.
rilassarmi
(ri-las-sàr-mi) dal v.tr. rilassare, (rendere meno rigido; diminuire la tensione fisica), più la part pron mi.
riscattarmi
(ri-scat-tàr-mi) dal v.tr. riscattare, (riacquistare con denaro ciò che è caduto in mano d’altri), più la part pron mi.
rivoltarmi
(ri-vol-tàr-mi) dal v.tr. rivoltare, (voltare nuovamente; voltare più volte; provocare disgusto), più la part pron mi.
sbarbarmi
(sbar-bàr-mi) dal v.tr. sbarbare, (radere la barba), più la part pron mi.

sbrodolarmi
(sbro-do-làr-mi) dal v.tr. sbrodolare, (insudiciare di brodo, di sugo, di unto), più la part pron mi.
scomodarmi
(sco-mo-dàr-mi) dal v.tr. scomodare, (arrecare incomodo, disturbo), più la part pron mi.
scrollarmi
(scrol-làr-mi) dal v.tr. scrollare, (scuotere con forza), più la part pron mi.
sdoppiarmi
(sdop-piàr-mi) dal v.tr. sdoppiare, (rendere singolo ciò che è doppio), più la part pron mi.
sdraiarmi
(sdra-iàr-mi) dal v.tr. sdraiare, (distendere, adagiare sul letto), più la part pron mi.

sganciarmi
(sgan-ciàr-mi) dal v.tr. sganciare, (liberare il gancio; sborsare denaro), più la part pron mi.
solleticarmi
(sol-le-ti-càr-mi) dal v.tr. solleticare, (toccare in modo da procurare solletico), più la part pron mi.
sospettarmi
(so-spet-tàr-mi) dal v.tr. sospettare, (credere qualcuno colpevole di un reato in base ad indisci), più la part pron mi.
straccarmi
(strac-càr-mi) dal v.tr. straccare, (rendere stracco), più la part pron mi.
svincolarmi
(svin-co-làr-mi) dal v.tr. svincolare, (liberare da un vincolo), più la part pron mi.

trascinarmi
(tra-sci-nàr-mi) dal v.tr. trascinare, (tirare facendo strisciare per terra), più la part pron mi.
trasfigurarmi
(tra-sfi-gu-ràr-mi) dal v.tr. trasfigurare, (trasformare l’aspetto), più la part pron mi.
trastullarmi
(tra-stul-làr-mi) dal v.tr. trastullare, (far divertire con giochi e passatempi), più la part pron mi.
trattarmi
(trat-tàr-mi) dal v.tr. trattare, (sviluppare un tema; fare oggetto di un dato trattamento; concludere qualcosa), più la part pron mi.
vendicarmi
(ven-di-càr-mi) dal v.tr. vendicare, (far scontare un torto, un’ingiustizia od un delitto arrecando volontariamente danno all’offensore; rivendicare i propri diritti), più la part pron mi.

sbagliarmi
(sba-gliàr-mi) dal v.intr. sbagliare, (commettere errori), più la part pron mi.
scandalizzarmi
(scan-da-liz-zàr-mi) dal v.tr. scandalizzare, (provocare scandalo), più la part pron mi.
scatenarmi
(sca-te-nàr-mi) dal v.tr. scatenare, (liberare dalla catena; incitare alla rivolta), più la part pron mi.
sciuparmi
(sciu-pàr-mi) dal v.tr. sciupare, (rovinare; ridurre in cattivo stato), più la part pron mi.
scoraggiarmi
(sco-rag-giàr-mi) dal v.tr. scoraggiare, (togliere il coraggio; indurre timore), più la part pron mi.

sfruttarmi
(sfrut-tàr-mi) dal v.tr. sfruttare, (trarre grande utile dal lavoro altrui), più la part pron mi.
sganasciarmi
(sga-na-sciàr-mi) dal v.tr. sganasciare, (slogare le ganasce), più la part pron mi.
snervarmi
(sner-vàr-mi) dal v.tr. snervare, (spossare nel fisico e nel morale), più la part pron mi.
sostentarmi
(so-sten-tàr-mi) dal v.tr. sostentare, (dare quanto abbisogna per vivere), più la part pron mi.
spararmi
(spa-ràr-mi) dal v.tr. sparare, (azionare il congegno di un’arma da fuoco), più la part pron mi.

spelarmi
(spe-làr-mi) dal v.tr. spelare, (privare del pelo), più la part pron mi.
sposarmi
(spo-sàr-mi) dal v.tr. sposare, (unire in matrimonio), più la part pron mi.
stancarmi
(stan-càr-mi) dal v.tr. stancare, (far venire meno l’impegno; affaticare; infastidire), più la part pron mi.
storpiarmi
(stor-piàr-mi) dal v.tr. storpiare, (rendere storpio), più la part pron mi.
straziarmi
(stra-ziàr-mi) dal v.tr. straziare, (tormentare con crudeltà), più la part pron mi.

svagarmi
(sva-gàr-mi) dal v.tr. svagare, (far perdere la concentrazione; distrarre), più la part pron mi.
sverginarmi
(sver-gi-nàr-mi) dal v.tr. sverginare, (togliere la verginità), più la part pron mi.
tesserarmi
(tes-se-ràr-mi) dal v.tr. tesserare, (fornire di tessera), più la part pron mi.
tormentarmi
(tor-men-tàr-mi) dal v.tr. tormentare, (procurare pena, fastidio o tormenti fisici), più la part pron mi.
trapiantarmi
(tra-pian-tàr-mi) dal v.tr. trapiantare, (togliere dal terreno una pianta per collocarla in un altro posto), più la part pron mi.

tumefarmi
(tu-me-fàr-mi) dal v.tr. tumefare, (gonfiare a seguito di traumi od infezioni), più la part pron mi.
uniformarmi
(u-ni-for-màr-mi) dal v.tr. uniformare, (rendere uniforme), più la part pron mi.
vezzeggiarmi
(vez-zeg-giàr-mi) dal v.tr. vezzeggiare, (colmare di vezzi, di moine), più la part pron mi.
rimaritarmi
(ri-ma-ri-tàr-mi) dal v.tr. rimaritare, (riprendere marito), più la part pron mi.
salvaguardarmi
(sal-va-guar-dàr-mi) dal v.tr. salvaguardare, (custodire, difendere, proteggere), più la part pron mi.

sbrigarmi
(sbri-gàr-mi) dal v.tr. sbrigare, (portare a termine un lavoro, un compito), più la part pron mi.
scansarmi
(scan-sàr-mi) dal v.tr. scansare, (schivare), più la part pron mi.
scornarmi
(scor-nàr-mi) dal v.tr. scornare, (rompere le corna; svergognare), più la part pron mi.
screpolarmi
(scre-po-làr-mi) dal v.tr. screpolare, (aprire piccole e sottili crepe, per lo più poco profonde), più la part pron mi.
slogarmi
(slo-gàr-mi) dal v.tr. slogare, (produrre una slogatura), più la part pron mi.

smaliziarmi
(sma-li-ziàr-mi) dal v.tr. smaliziare, (privare dell’ingenuità; rendere scaltro), più la part pron mi.
soffermarmi
(sof-fer-màr-mi) dal v.tr. soffermare, (ferma
sopportarmi
(sop-por-tàr-mi) dal v.tr. sopportare, (sostenere un disagio, una perdita), più la part pron mi.
spassarmi
(spas-sàr-mi) dal v.tr. spassare, (divertire), più la part pron mi.
spostarmi
(spo-stàr-mi) dal v.tr. spostare, (rimuovere qc o qc dal posto in cui si trova), più la part pron mi.

strascinarmi
(stra-sci-nàr-mi) dal v.tr. strascinare, (trascinare con fatica), più la part pron mi.
strozzarmi
(stroz-zàr-mi) dal v.tr. strozzare, (uccidere ostruendo le vie respiratorie), più la part pron mi.
stufarmi
(stu-fàr-mi) dal v.tr. stufare, (infastidire), più la part pron mi.
sventolarmi
(sven-to-làr-mi) dal v.tr. sventolare, (agitare qualcosa al vento; dare aria), più la part pron mi.
tatuarmi
(ta-tuàr-mi) dal v.tr. tatuare, (eseguire un tatuaggio), più la part pron mi.

telefonarmi
(te-le-fo-nàr-mi) 1 dal v.tr. telefonare, (comunicare per via telefonica), 2 dal v.tr. telefonare, (parlare per mezzo telefono), più la part pron mi.
vettovagliarmi
(vet-to-va-gliàr-mi) dal v.tr. vettovagliare, (provvedere di vettovaglie), più la part pron mi.
abbacchiarmi
(ab-bac-chiàr-mi) dal v.tr. abbacchiare, (avvilire, deprimere), più la part pron mi.
abbordarmi
(ab-bor-dàr-mi) dal v.tr. abbordare, (accostare qualcuno per scambiare due chiacchere), più la part pron mi.
accamparmi
(ac-cam-pàr-mi) dal v.tr. accampare, (addurre; alloggiare sotto le tende, od all’aperto), più la part pron mi.

accecarmi
(ac-ce-càr-mi) dal v.tr. accecare, (privare della vista), più la part pron mi.
accusarmi
(ac-cu-sàr-mi) dal v.tr. accusare, (incolpare), più la part pron mi.
acquietarmi
(ac-quie-tàr-mi) od acquetarmi, dal v.tr. acquietare od acquetare, (calmare, rendere quieto), più la part pron mi.
affiatarmi
(af-fia-tàr-mi) dal v.tr. affiatare, (creare intesa), più la part pron mi.
affiliarmi
(af-fi-liàr-mi) dal v.tr. affiliare, (iscrivere ad un’associazione), più la part pron mi.

aggiornarmi
(ag-gior-nàr-mi) dal v.tr. aggiornare, (adeguare alle ultime conoscenze), più la part pron mi.
arrossarmi
(ar-ros-sàr-mi) 1 dal v.tr. arrossare, (far diventare rosso), più la part pron mi. 2 dal v.intr. arrossare, (diventar rosso), più la part pron mi.
asciugarmi
(a-sciu-gàr-mi) dal v.tr. asciugare, (rendere asciutto), più la part pron mi.
asfissiarmi
(a-sfis-siàr-mi) dal v.tr. asfissiare, (provocare asfissia), più la part pron mi.
avventurarmi
(av-ven-tu-ràr-mi) dal v.tr. avventurare, (esporre a rischio), più la part pron mi.

avvinghiarmi
(av-vin-ghiàrmi) dal v.tr. avvinghiare, (stringere con forza), più la part pron mi.
azzardarmi
(az-zar-dàr-mi) dal v.tr. azzardare, (mettere a rischio), più la part pron mi.
basarmi
(ba-sàr-mi) dal v.tr. basare, (collocare su una base), più la part pron mi.
bloccarmi
(bloc-càr-mi) dal v.tr. bloccare, (mantenere fermo; arrestare un movimento; impedire l’accesso in un luogo), più la part pron mi.
collegarmi
(col-le-gàr-mi) dal v.tr. collegare, (congiungere), più la part pron mi.

colluttarmi
(col-lut-tàr-mi) dal v.tr. colluttare, (litigare; lottare corpo a corpo), più la part pron mi.
consultarmi
(con-sul-tàr-mi) dal v.tr. consultare, (richiedere un parere, un consiglio), più la part pron mi.
corrugarmi
(cor-ru-gàr-mi) dal v.tr. corrugare, (raggrinzare la pelle della fronte o le ciglia in segno di sdegno), più la part pron mi.
darmi
(dàr-mi) dal v.tr. dare, (trasferire da sé ad altri), più la part pron mi.
degradarmi
(de-gra-dàr-mi) dal v.tr. degradare, (deteriorare; privare del grado), più la part pron mi.

disabituarmi
(di-sa-bi-tuàr-mi) dal v.tr. disabituare, (far perdere un’abitudine), più la part pron mi.
disincantarmi
(di-sin-can-tàr-mi) dal v.tr. disincantare, (disilludere; sciogliere da un incantesimo), più la part pron mi.
dissetarmi
(dis-se-tàr-mi) dal v.tr. dissetare, (togliere la sete), più la part pron mi.
divincolarmi
(di-vin-co-làr-mi) dal v.tr. divincolare, (dimenarsi; piegare da una parte e dall’altra), più la part pron mi.
esacerbarmi
(e-sa-cer-bàr-mi) dal v.tr. esacerbare, (inasprire; rendere più severo), più la part pron mi.

escoriarmi
(e-sco-riàr-mi) dal v.tr. escoriare, (procurare escoriazioni), più la part pron mi.
fidanzarmi
(fi-dan-zàr-mi) dal v.tr. fidanzare, (impegnare con promessa di matrimonio), più la part pron mi.
formalizzarmi
(for-ma-liz-zàr-mi) dal v.tr. formalizzare, (rendere ufficiale), più la part pron mi.
fregarmi
(fre-gàr-mi) dal v.tr. fregare, (strofinare energicamente; imbrogliare), più la part pron mi.
fulminarmi
(ful-mi-nàr-mi) dal v.tr. fulminare, (colpire col fulmine), più la part pron mi.

giustificarmi
(giu-sti-fi-càr-mi) dal v.tr. giustificare, (far diventare giusto, leggitimo ciò che altrimenti non lo sarebbe), più la part pron mi.
inebriarmi
(i-ne-briàr-mi) dal v.tr. inebriare, (procurare ebbrezza), più la part pron mi.
infermarmi
(in-fer-màr-mi) dal v.intr. infermare, (ammalarsi), più la part pron mi.
ingozzarmi
(in-goz-zàr-mi) dal v.tr. ingozzare, (mettere nel gozzo; far ingrassare), più la part pron mi.
ingrossarmi
(in-gros-sàr-mi) dal v.tr. ingrossare, (rendere grosso), più la part pron mi.

insabbiarmi
(in-sab-biàr-mi) dal v.tr. insabbiare, (coprire di sabbia; Impedire il normale procedere delle proposte), più la part pron mi.
insanguinarmi
(in-san-gui-nàr-mi) dal v.tr. insanguinare, (sporcare di sangue), più la part pron mi.
internarmi
(in-ter-nàr-mi) dal v.tr. internare, (relegare persone sospette o ritenute pericolose in sedi coatte; ricoverare in un ospedale psichiatrico), più la part pron mi.
levarmi
(le-vàr-mi) dal v.tr. levare, (alzare; togliere), più la part pron mi.
misurarmi
(mi-su-ràr-mi) dal v.tr. misurare, (determinare il rapporto tra una grandezza ed un’altra ad essa omogenea assunta come unità di misura; sottoporre a prova un indumento), più la part pron mi.

nobilitarmi
(no-bi-li-tàr-mi) dal v.tr. nobilitare, (insignire
palesarmi
(pa-le-sàr-mi) dal v.tr. palesare, (rivelare, rendere noto), più la part pron mi.
rabbuiarmi
(rab-bu-iàr-mi) dal v.tr. rabbuiare, (diventar buio; farsi scuro in viso), più la part pron mi.
ribellarmi
(ri-bel-làr-mi) dal v.tr. ribellare, (rendere ribelle; indurre qualcuno a dissobire all’autorità costituita), più la part pron mi.
rinforzarmi
(rin-for-zàr-mi) dal v.tr. rinforzare, (rendere più forte), più la part pron mi.

rintanarmi
(rin-ta-nàr-mi) dal v.tr. rintanare, (spingere nella tana), più la part pron mi.
lamentarmi
(la-men-tàr-mi) dal v.tr. lamentare, (esprimere insodisfazione), più la part pron mi.
lussarmi
(lus-sàr-mi) dal v.tr. lussare, (provocare una lussazione), più la part pron mi.
occuparmi
(oc-cu-pàr-mi) dal v.tr. occupare, (prendere possesso di un luogo), più la part pron mi.
ossigenarmi
(os-si-ge-nàr-mi) dal v.tr. ossigenare, (arricchire di ossigeno), più la part pron mi.

quietarmi
(quie-tàr-mi) o quetarmi, dal v.tr. quietare o quetare, (rendere calmo e tranquillo), più la part pron mi.
regolarmi
(re-go-lar-mi) dal v.tr. regolare, (ordinare in base ad una regola; moderare le spese), più la part pron mi.
rigirarmi
(ri-gi-ràr-mi) dal v.tr. rigirare, (girare di nuovo), più la part pron mi.
rinfrescarmi
(rin-fre-scàr-mi) dal v.tr. rinfrescare, (rendere fresco), più la part pron mi.
ripiegarmi
(ri-pie-gàr-mi) dal v.tr. ripiegare, (piegare più volte), più la part pron mi.

risposarmi
(ri-spo-sàr-mi) dal v.tr. risposare, (sposare di nuovo), più la part pron mi.
sbottonarmi
(sbot-to-nàr-mi) dal v.tr. sbottonare, (aprire un indumento facendo uscire i bottoni dagli occhielli), più la part pron mi.
scazzottarmi
(scaz-zot-tàr-mi) dal v.tr. scazzottare, (prendere a cazzotti), più la part pron mi.
schioccarmi
(schio-dàr-mi) dal v.tr. schioccare, (sfregare le dita in modo da produrre uno schiocco), 2 dal v.intr. schioccare, (), più la part pron mi.
scombussolarmi
(scom-bus-so-làr-mi) dal v.tr. scombussolare, (causare disordine; confondere), più la part pron mi.

scompagnarmi
(scom-pa-gi-nàr-mi) dal v.tr. scompagnare, (dividere cose abitualmente appaiate fra loro), più la part pron mi.
scottarmi
(scot-tàr-mi) dal v.tr. scottare, (dare senso di bruciore; produrre un’ustione), più la part pron mi.
sdentarmi
(sden-tàr-mi) dal v.tr. sdentare, (rompere, togliere, perdere uno o più denti), più la part pron mi.
seccarmi
(sec-càr-mi) dal v.tr. seccare, (importunare; rendere secco), più la part pron mi.
sfamarmi
(sfa-màr-mi) dal v.tr. sfamare, (nutrire, togliere la fame), più la part pron mi.

sfebbrarmi
(sfeb-bràr-mi) dal v.tr. sfebbrare, (cessare di avere la febbre), più la part pron mi.
sfiorarmi
(sfio-ràr-mi) dal v.tr. sfiorare, (toccare appena), più la part pron mi.
sforzarmi
(sfor-zàr-mi) dal v.tr. sforzare, (sottoporre a sforzo), più la part pron mi.
sgridarmi
(sgri-dàr-mi) dal v.tr. sgridare, (rimproverare gridando), più la part pron mi.
sincerarmi
(sin-ce-ràr-mi) dal v.tr. sincerare, (rendere certo, convinto), più la part pron mi.

sistemarmi
(si-ste-màr-mi) dal v.tr. sistemare, (mettere in ordine; procurare un lavoro), più la part pron mi.
sollazzarmi
(sol-laz-zàr-mi) dal v.tr. sollazzare, (far divertire), più la part pron mi.
sorvegliarmi
(sor-ve-gliàr-mi) dal v.tr. sorvegliare, (tenere sotto controllo persone o cose), più la part pron mi.
spacciarmi
(spac-ciàr-mi) dal v.tr. spacciare, (far passare una cosa od una persona per un’altra; commerciare all’ingrosso; dichiarare inguaribile; vendere droga), più la part pron mi.
spalleggiarmi
(spal-leg-giàr-mi) dal v.tr. spalleggiare, (proteggere dando aiuto e appoggio), più la part pron mi.

sporcarmi
(spor-càr-mi) dal v.tr. sporcare, (rendere sporco con cose che macchiano), più la part pron mi.
sprofondarmi
(spro-fon-dàr-mi) dal v.tr. sprofondare, (far cadere nel profondo), 2 dal v.intr. sprofondare, (cadere nel profondo; affondare in qualcosa di cedevole), più la part pron mi.
torturarmi
(tor-tu-ràr-mi) dal v.tr. torturare, (sottoporre a tortura; tormentare, angustiare), più la part pron mi.
trasformarmi
(tra-sfor-màr-mi) dal v.tr. trasformare, (mutare di forma), più la part pron mi.
turbarmi
(tur-bàr-mi) dal v.tr. turbare, (commuovere, sconcertare), più la part pron mi.

inzaccherarmi
(in-zac-che-ràr-mi) dal v.tr. inzaccherare, (schizzare di fango), più la part pron mi.
lavarmi
(la-vàr-mi) dal v.tr. lavare, (rendere pulito con l’acqua), più la part pron mi.
motorizzarmi
(mo-to-riz-zàr-mi) dal v.tr. motorizzare, (fornire di motore; dotare di automezzi), più la part pron mi.
precipitarmi
(pre-ci-pi-tàr-mi) dal v.intr. precipitare, (cadere con velocità dall’alto; andare in rovina, in miseria), più la part pron mi.
prepararmi
(pre-pa-ràr-mi) dal v.tr. preparare, (mettere qualcuno in grado di sostenere una prova; rendere qualcosa pronta all’uso), più la part pron mi.

raddrizzarmi
(rad-driz-zàr-mi) dal v.tr. raddrizzare, (rimettere dritto), più la part pron mi.
riabbassarmi
(ri-ab-bas-sàr-mi) dal v.tr. riabbassare, (abbassare di nuovo), più la part pron mi.
rialzarmi
(ri-al-zàr-mi) dal v.tr. rialzare, (alzare di nuovo), più la part pron mi.
riammogliarmi
(ri-am-mo-gliàr-mi) dal v.tr. riammogliare, (far risposare), più la part pron mi.
riassettarmi
(ri-as-set-tàr-mi) dal v.tr. riassettare, (mettere in ordine), più la part pron mi.

ributtarmi
(ri-but-tàr-mi) dal v.tr. ributtare, (buttare di nuovo), più la part pron mi.
rifarmi
(ri-fàr-mi) dal v.tr. rifare, (fare nuovamente), più la part pron mi.
rigonfiarmi
(ri-gon-fiàr-mi) dal v.tr. rigonfiare, (gonfiare di nuovo), più la part pron mi.
rilavarmi
(ri-la-vàr-mi) dal v.tr. rilavare, (lavare di nuovo), più la part pron mi.
riscaldarmi
(ri-scal-dàr-mi) dal v.tr. riscaldare, (scaldare nuovamente), più la part pron mi.

ristorarmi
(ri-sto-ràr-mi) dal v.tr. ristorare, (dare ristoro; rifocillare), più la part pron mi.
risvegliarmi
(ri-sve-gliàr-mi) dal v.tr. risvegliare, (svegliare di nuovo), più la part pron mi.
saziarmi
(sa-ziàr-mi) dal v.tr. saziare, (soddisfare l’appetito), più la part pron mi.
sbavarmi
(sba-vàr-mi) dal v.intr. sbavare, (mandare bava dalla bocca), più la part pron mi.
sbudellarmi
(sbu-del-làr-mi) dal v.tr. sbudellare, (aprire il ventre di un animale per farne uscire le interiora), più la part pron mi.

schifarmi
(schi-fàr-mi) dal v.tr. schifare, (disgustare), più la part pron mi.
schivarmi
(schi-vàr-mi) dal v.tr. schivare, (scansare), più la part pron mi.
scompaginarmi
(scom-pa-gi-nàr-mi) dal v.tr. scompaginare, (turbare l’ordine; rovinare la legatura di un libro), più la part pron mi.
scongelarmi
(scon-ge-làr-mi) dal v.tr. scongelare, (riportare a temperatura ambiente), più la part pron mi.
soffocarmi
(sof-fo-càr-mi) dal v.tr. soffocare, (impedire la respirazione), più la part pron mi.

spappolarmi
(spap-po-làr-mi) dal v.tr. spapolare, (ridurre in pontiglia), più la part pron mi.
spiccicarmi
(spic-ci-càr-mi) dal v.tr. spiccicare, (staccare una cosa appiccicata), più la part pron mi.
spiegarmi
(spie-gàr-mi) dal v.tr. spiegare, (svolgere ciò che è involto; rendere comprensibile ciò che è intricato; esporre chiarendo), più la part pron mi.
spogliarmi
(spo-gliàr-mi) dal v.tr. spogliare, (denudare togliendo un capo dopo l’altro), più la part pron mi.
spossarmi
(spos-sàr-mi) dal v.tr. spossare, (ridurre qualcuno in uno stato di estrema stanchezza), più la part pron mi.

stressarmi
(stres-sàr-mi) dal v.tr. stressare, (sottoporre a stress), più la part pron mi.
svelarmi
(sve-làr-mi) dal v.tr. svelare, (rivelare qualcosa di segreto), più la part pron mi.
sviarmi
(sviàr-mi) dal v.tr. sviare, (far uscire dalla via, distrarre dall’attenzione; distogliere dalle consuete occupazioni), più la part pron mi.
tagliarmi
(ta-gliàr-mi) dal v.tr. tagliare, (dividere in più parti), più la part pron mi.
tentarmi
(ten-tàr-mi) dal v.tr. tentare, (toccare lievemente; toccare per accertare la consistenza; cercare di riuscire in qualcosa), più la part pron mi.

traslocarmi
(tra-slo-càr-mi) dal v.tr. traslocare, (trasferire di sede; cambiare di abitazione), più la part pron mi.
traviarmi
(tra-viàr-mi) dal v.tr. traviare, (portare fuori strada; trascinare al male), più la part pron mi.
voltarmi
(vol-tàr-mi) dal v.tr. voltare, (girare in modo che presenti l’altra faccia; girare l’angolo), più la part pron mi.
sbandarmi
(sban-dàr-mi) dal v.intr. sbandare, (deviare verso idee peggiori rispetto alle precedenti; detto di veicoli, deviare dalla direzione; detto di nave, inclinarsi su di un fianco), più la part pron mi.
sborniarmi
(sbor-niàr-mi) dal v.tr. sborniare, (ubriacare), più la part pron mi.

sbucciarmi
(sbuc-ciàr-mi) dal v.tr. sbucciare, (togliere la buccia; produrre una piccola ferita; nel calcio, mancare la palla o colpirla di striscio), più la part pron mi.
scacciarmi
(scac-ciàr-mi) dal v.tr. scacciare, (mandar via bruscamente), più la part pron mi.
scagionarmi
(sca-gio-nar-mi) dal v.tr. scagionare, (discolpare), più la part pron mi.
scordarmi
(scor-dàr-mi) dal v.tr. scordare, (dimenticare), più la part pron mi.
scusarmi
(scu-sàr-mi) dal v.tr. scusare, (giustificare un comportamento altrui), più la part pron mi.

sgambarmi
(sgam-bàr-mi) 1 dal v.tr. sgambare, (privare i fiori del gambo), 2 dal v.intr. sgambare, (camminare a lunghi passi ed/od in fretta), più la part pron mi.
spaventarmi
(spa-ven-tàr-mi) dal v.tr. spaventare, (incutere spavento), più la part pron mi.
svegliarmi
(sve-gliàr-mi) dal v.tr. svegliare, (destare dal sonno), più la part pron mi.
svenarmi
(sve-nàr-mi) dal v.tr. svenare, (uccidere tagliando le vene; privare qualcuno di tutto o quasi tutto ciò che possiede), più la part pron mi.
trascurarmi
(tra-scu-ràr-mi) dal v.tr. trascurare, (non circondare delle debite cure; trattare con negligenza), più la part pron mi.

trasportarmi
(tra-spor-tàr-mi) dal v.tr. trasportare, (portare da un luogo ad un’altro), più la part pron mi.
trovarmi
(tro-vàr-mi) dal v.tr. trovare, (riuscire ad incontrare, conoscere, scoprire ciò che si cercava), più la part pron mi.
tutelarmi
(tu-te-làr-mi) dal v.tr. tutelare, (salvaguardare i propri interessi), più la part pron mi.
umettarmi
(u-met-tàr-mi) dal v.tr. umettare, (inumidire),
ustionarmi
(u-stio-nàr-mi) dal v.tr. ustionare, (scottare), più la part pron mi.

vantarmi
(van-tàr-mi) dal v.tr. vantare, (andar fiero, orgoglioso), più la part pron mi.
vietarmi
(vie-tàr-mi) dal v.tr. vietare, (proibire), più la part pron mi.
volteggiarmi
(vol-teg-giàr-mi) dal v.intr. volteggiare, (volare, girando sempre nello stesso spazio), più la part pron mi.
votarmi
(vo-tàr-mi) dal v.tr. votare, (sottoporre a votazione), più la part pron mi.
incollarmi
(in-col-làr-mi) dal v.tr. incollare, (attaccare con un collante), più la part pron mi.

incurvarmi
(in-cur-vàr-mi) dal v.tr. incurvare, (rendere curvo), più la part pron mi.
infangarmi
(in-fan-gàr-mi) dal v.tr. infangare, (sporcare di fango), più la part pron mi.
infiltrarmi
(in-fil-tràr-mi) dal v.tr. infiltrare, (far penetrare attraverso le fessure), più la part pron mi.
insinuarmi
(in-si-nuàr-mi) dal v.tr. insinuare, (introdurre a poco a poco il dubbio), più la part pron mi.
insozzarmi
(in-soz-zàr-mi) dal v.tr. insozzare, (insudiciare; disonorare), più la part pron mi.

involarmi
(in-vo-làr-mi) dal v.tr. involare, (rubare; sottrarre furtivamente; far sparire), più la part pron mi.
ispirarmi
(i-spi-ràr-mi) dal v.tr. ispirare, (suscitare un’emozione; eccitare la fantasia creativa), più la part pron mi.
leccarmi
(lec-càr-mi) dal v.tr. leccare, (passare ripetutamente la lingua su qc), più la part pron mi.
meravigliarmi
(me-ra-vi-gliàr-mi) o maravigliarmi, dal v.tr. meravigliare o maravigliare, (stupire), più la part pron mi.
prenotarmi
(pre-no-tàr-mi) dal v.tr. prenotare, (fissare in precedenza; mettersi in nota per l’acquisto di qualcosa), più la part pron mi.

riasciugarmi
(ri-a-sciu-gàr-mi) dal v.tr. riasciugare, (asciugare di nuovo), più la part pron mi.
ricoverarmi
(ri-co-ve-ràr-mi) dal v.tr. ricoverare, (dare ricovero; offrire asilo e riparo; far entrare in un luogo di cura o di assistenza), più la part pron mi.
rifiutarmi
(ri-fiu-tàr-mi) dal v.tr. rifiutare, (non accettare; non voler ricevere), più la part pron mi.
rinfrancarmi
(rin-fran-càr-mi) dal v.tr. rinfrancare, (rendere nuovamente sicuro di sé; ridare coraggio), più la part pron mi.
riposarmi
(ri-pa-sàr-mi) dal v.tr. riposare, (posare di nuovo), 2 dal v.intr. riposare, (fermarsi, fare una pausa; cessare di fare), più la part pron mi.

sacrificarmi
(sa-cri-fi-càr-mi) dal v.tr. sacrificare, (rinunciare a qualcosa per il conseguimento di un fine; mortificare le doti di qualcuno o di qc costringendolo ad una sistemazione inferiore a quella meritata), più la part pron mi.
sbarazzarmi
(sba-raz-zàr-mi) dal v.tr. sbarazzare, (liberare da chi o da ciò che procura impiccio e fastidio), più la part pron mi.
sbracarmi
(sbra-càr-mi) 1 dal v.tr. sbracare, (togliere i pantaloni), 2 dal v.intr. sbracare, (perdere l’autocontrollo), più la part pron mi.
scaccolarmi
(scac-co-làr-mi) dal v.tr. scaccolare, (togliere le caccole dal naso), più la part pron mi.
scalzarmi
(scal-zàr-mi) dal v.tr. scalzare, (togliere le scarpe e le calze; levare terra attorno alle radici delle piante), più la part pron mi.

scapigliarmi
(sca-pi-gliàr-mi) dal v.tr. scapigliare, (arruffare i capelli a qualcuno), più la part pron mi.
schiantarmi
(schian-tàr-mi) dal v.tr. schiantare, (rompere con forza, sbattere con violenza), più la part pron mi.
schiattarmi
(schian-tàr-mi) dal v.intr. schiattare, (crepare, scoppiare), più la part pron mi.
schierarmi
(schie-ràr-mi) dal v.tr. schierare, (mettere in fila), più la part pron mi.
schiodarmi
(schio-dàr-mi) dal v.tr. schiodare, (liberare dai chiodi), più la part pron mi.

sciancarmi
(scian-càr-mi) dal v.tr. sciancare, (azzoppare), più la part pron mi.
sconfortarmi
(scon-for-tàr-mi) dal v.tr. sconfortare, (togliere coraggio, demoralizzare), più la part pron mi.
sdebitarmi
(sde-bi-tàr-mi) dal v.tr. sdebitare, (liberare dai debiti), più la part pron mi.
sfiatarmi
(sfia-tàr-mi) dal v.intr. sfiatare, (lasciar uscire fuori gas, vapori, ecc), più la part pron mi.
slacciarmi
(slac-ciàr-mi) dal v.tr. slacciare, (liberare ciò che è allacciato), più la part pron mi.

smarcarmi
(smar-càr-mi) dal v.tr. smarcare, (nello sport, fare in modo che un compagno si liberi della marcatura dell’avversario), più la part pron mi.
snudarmi
(snu-dàr-mi) dal v.tr. snudare, (denudare; levare la spada dal fodero), più la part pron mi.
sobbarcarmi
(sob-bar-càr-mi) dal v.tr. sobbarcare, (sottoporre qualcuno ad una grossa responsabilità o caricarlo di un peso), più la part pron mi.
sollecitarmi
(sol-le-ci-tàr-mi) dal v.tr. sollecitare, (far fretta a qualcuno; spronare a far presto e bene), più la part pron mi.
sopraffarmi
(so-praf-fàr-mi) dal v.tr. sopraffare, (avere la meglio su qualcuno usando violenza), più la part pron mi.

spellarmi
(spel-làr-mi) dal v.tr. spellare, (levare la pelle ad un animale ucciso), più la part pron mi.
spiaccicarmi
(spiac-ci-càr-mi) dal v.tr. spiaccicare, (schiacciare), più la part pron mi.
spidocchiarmi
(spi-doc-chiàr-mi) dal v.tr. spidocchiare, (liberare dai pidocchi), più la part pron mi.
stirarmi
(sti-ràr-mi) dal v.tr. stirare, (distendere tirando; togliere le pieghe col ferro caldo), più la part pron mi.
svezzarmi
(svez-zàr-mi) dal v.tr. svezzare, (far perdere il vezzo, il vizio), più la part pron mi.



NOMI  TOP
carmi
(càr-mi) n.m.pl. componimento poetico.
marmi
(màr-mi) n.m.pl. Roccia calcarea cristallina, di vario colore, più o meno venata, usata in edilizia per rivestimenti.
gendarmi
(gen-dàr-mi) n.m.pl. soldati addetti all’ordine pubblico.
  


NON DEFINITO  TOP
danneggiarmi
(dan-neg-giàr-mi)
tapinarmi
(ta-pi-nàr-mi) dal intr. tapinare, (condurre una
   


Se utilizzi il sito ed apprezzi il lavoro svolto in questi anni ti chiediamo di fare una donazione.
Grazie.