Un dizionario di 297.519 parole consultabile
Un rimario di 609.491 parole sempre a disposizione
Un lavoro di 14 anni messo liberamente a disposizione.

Ricerca rime:

Specificare la parola con cui fare rima ed il numero di caratteri finali che devono corrispondere

 
 




Ti sei accorto di un errore o di una definizione sbagliata? Ti chiediamo di segnalarla cliccando

Parola:
rigetto : (ri-gèt-to)
dal v.tr. rigettare, indicativo presente.
A) Gettare di nuovo.
B) Gettare fuori, indietro.



Trovate 888  Rime. VERBI    AGGETTIVI    NOMI    NON DEFINITO    



VERBI  TOP
aggetto
(ag-gèt-to) dal v.intr. aggettare, indicativo presente. Sporgere in fuori, fare aggetto, una modanatura che aggetta poco.
ammetto
(am-mèt-to) dal v.tr. ammettere, indicativo presente. A Lasciar entrare, accogliere, introdurre, ricevere. B Accettare, riconoscere idoneo, ammettere agli esami.
balbetto
(bal-bèt-to) dal v.intr. balbettare, indicativo presente. Parlare articolando stentatamente le sillabe e ripetendole più volte, od alterando i suoni, per difetto naturale o per ragioni psicologiche, anche, farfugliare, tartagliare.
filetto
(fi-lèt-to) 1 n.m. A Strisciolina di stoffa o cordoncino, usato per ornare o fregiare abiti, copricapi, drappi, tessuti ecc. B Sporgenza elicoidale dalla superficie esterna della vite e da quella interna della madrevite. C In macelleria, taglio di carne tenera situata sotto i lombi. 2 dal v.tr. filettare, indicativo presente. A Ornare, decorare con filetti, cordoncini o simili. B Munire di filetto, filettare un ferro tondo od un foro, creare una vite od una madrevite.
imbulletto
(im-bul-lèt-to) dal v.tr. imbullettare, indicativo presente. Fermare con bullette, guarnire con bullette, piccoli chiodi a testa larga.

impacchetto
(im-pac-chèt-to) dal v.tr. impacchettare, indicativo presente. Confezionare in uno o più pacchetti, mettere in un pacchetto.
infioretto
(in-fio-rèt-to) dal v.tr. infiorettare, indicativo presente. A Abbellire con fiori. B Ornare di abbellimenti.
infletto
(in-flèt-to) dal v.tr. inflettere, indicativo presente. Flettere, incurvare, piegare.
intercetto
(in-ter-cèt-to) dal v.tr. intercettare, indicativo presente. Impedire che persone o cose giungano a destinazione interrompendone il transito.
interdetto
(in-ter-dèt-to) 1 agg. Nei significati del v.tr. interdire 2 n.m. Colui che è stato colpito dalla pena accessoria dell’interdizione dai pubblici uffici. 3 dal v.tr. interdirere, participio passato. Proibire, vietare in forza di un’autorità.

permetto
(per-mèt-to) dal v.tr. permettere, indicativo presente. Dare a qualcuno la possibilità di fare qualcosa, concedere, consentire, lasciar fare.
riannetto
(ri-an-nèt-to) dal v.tr. riannettere, indicativo presente. Annettere di nuovo.
rivetto
(ri-vèt-to) 1 n.f. Lo stesso che ribattino. 2 dal v.tr. rivettare, indicativo presente. Congiungere mediante rivetti.
sfiletto
(sfi-lèt-to) dal v.tr. sfilettare, indicativo presente. In gastronomia e nell’industria alimentare, ridurre il pesce in filetti.
sgambetto
(sgam-bèt-to) dal v.intr. sgambettare, indicativo presente. A Muovere, dimenare le gambe stando sdraiati, il bimbo sgambettava nel lettino. B Camminare a passi corti e rapidi.

sorretto
(sor-rèt-to) dal v.tr. sorreggere, participio passato. Essere di aiuto, di conforto, di sostegno.
sospetto
(so-spèt-to) 1 agg. Che desta diffidenza; anche, che dà motivo di dubitare, di sospettare. Un atteggiamento sospetto. 2 dal v.tr. sospettare, indicativo presente. Ritenere colpevole in base ad indizi, a supposizioni.
stramaledetto
(stra-ma-le-dèt-to) dal v.tr. stramaledire, Participio passato. Maledire con particolare veemenza.
traghetto
(tra-ghèt-to) 1 n.m. A Il traghettare, il traversare navigando, anche, il luogo dove si effettua tale passaggio. B Il mezzo che serve a traghettare. 2 dal v.tr. traghettare, indicativo presente. Trasportare da una sponda all’altra con una nave, una barca o un altro natante.
accapretto
(ac-ca-prèt-to) dal v.tr. accaprettare, indicativo presente. Legare per le zampe un quadrupede, come si usa fare ai capretti.

comprometto
(com-pro-mèt-to) dal v.tr. compromettere, indicativo presente. Mettere a repentaglio, in pericolo; rovinare. Compromettere l’onore di qualcuno, coinvolgerlo in situazioni o azioni pericolose, rischiose, specialmente per la sua reputazione.
contraddetto
(con-trad-det-to) dal v.tr. contraddire, participio passato. Dire il contrario di ciò che è stato detto da altri. Tu mi contraddici in tutto.
costretto
(co-strèt-to) 1 agg. Nei significati del verbo costringere. 2 dal v.tr. costringere, participio passato. Obbligare qualcuno a fare qualcosa contro la sua intenzione o la sua volontà.
difetto
(di-fèt-to) 1 n.m. A Mancanza, scarsità, difetto di preparazione. B In matemetica, determinazione di grandezza o numero, mediante un valore lievemente minore a quello reale. C Imperfezione fisica o morale, abitudine non buona, vizio. 2 dal v.intr. difettare, indicativo presente. Mancare di qualcosa, difettare di mezzi finanziari.
infialetto
(in-fia-lèt-to) dal v.tr. infialettare, indicativo presente. mettere in fialette.

infiocchetto
(in-fioc-chèt-to) dal v.tr. infiocchettare, indicativo presente. Adornare con fiocchetti, nastrini e simili.
obietto
(o-bièt-to) od obbietto, dal v.tr. obiettare, od obbiettare, indicativo presente. Opporsi verbalmente a ciò che qualcuno sostiene, portando argomentazioni contrarie.
raffretto
(raf-frèt-to) dal v.tr. raffrettare, indicativo presente. Affrettare ancora di più.
reinfetto
(re-in-fèt-to) dal v.tr. reinfettare, indicativo presente. Infettare nuovamente.
riassetto
(ri-as-sèt-to) dal v.tr. riassettare, indicativo presente. Rimettere in assetto, in ordine.

riassoggetto
(ri-as-sog-gèt-to) dal v.tr. riassoggettare, indicativo presente. Assoggettare nuovamente.
ricontraddetto
(ri-con-trad-det-to) dal v.tr. ricontraddire, participio passato. Tornare a contraddire.
rimetto
(ri-mèt-to) dal v.tr. rimettere, indicativo presente. Mettere nuovamente.
rispetto
(ri-spèt-to) 1 n.m. Sentimento di deferenza e di stima nei confronti di una persona ritenuta degna. 2 dal v.tr. rispettare, indicativo presente. Riconoscere i diritti, la dignità degli altri, delle loro cose.
sberretto
(sber-rèt-to) dal v.tr. sberrettare, indicativo presente. Salutare cerimoniosamente levandosi il berretto.

scassetto
(scas-sèt-to) dal v.tr. scassettare, indicativo presente. Togliere il contenuto da una cassetta.
sfaccetto
(sfac-cèt-to) dal v.tr. sfaccettare, indicativo presente. Lavorare una superficie, specialmente di pietra preziosa o di cristallo, in modo da rilevarne vari piani o faccette.
smanetto
(sma-nèt-to) dal v.intr. smanettare, indicativo presente. Azionare ripetutamente la manopola dell’acceleratore della motocicletta, anche, correre in moto assai velocemente.
spetto
(spèt-to) dal v.intr. spettare, indicativo presente. Appartenere per diritto o per dovere, essere di pertinenza.
trombetto
(trom-bèt-to) 1 dal v.tr. trombettare, indicativo presente. Denigrare, sparlare. 2 dal v.intr. trombettare, indicativo presente. strombettare.

appretto
(ap-prèt-to) 1 n.m. Miscela di pigmenti, plastificanti e leganti che si danno alle pelli conciate per migliorarne l’aspetto. 2 dal v.tr. apprettare, indicativo presente. A Stendere l’appretto sui tessuti, mediante l’apprettatrice. B Dare l’appretto alle pelli.
assetto
(as-sèt-to) 1 n.m. Adeguata disposizione, buon ordine di un ambiente, della propria persona, ecc. 2 dal v.tr. assettare, indicativo presente. Ordinare, sistemare convenientemente e con cura.
assoggetto
(as-sog-gèt-to) dal v.tr. assoggettare, indicativo presente. Rendere soggetto, sottomettere.
becchetto
(bec-chèt-to) dal v.tr. becchettare, indicativo presente. Beccare frequentemente e rapidamente.
detto
(dèt-to)) dal v.tr. dire, participio passato. Esprimere, comunicare con la voce. Come significato generico, può sostituire molti verbi che precisano o definiscono secondo le circostanze lo stesso concetto, per esempio: rispondere, sostenere, affermare, soggiungere, esclamare, pronunciare, proferire ecc.

discommetto
(di-scom-mèt-to) dal v.tr. discommettere, indicativo presente. Disunire, separare, dividere in più parti.
fischietto
(fi-schièt-to) 1 n.m. A Diminutivo di foschio. B Piccolo strumento per fischiare. C Nell’uso giornalistico sportivo, arbitro di calcio. 2 dal v.tr. fischiettare, indicativo presente. Fischiare allegramente.
imbrachetto
(im-bra-chèt-to) od imbraghetto, dal v.tr. imbrachettare, od imbraghettare, indicativo presente. In legatoria, montare su una piccola striscia di tela o di carta ripiegata in due, brachetta, tavole fuori testo o fogli staccati.
intrametto
(èt-to) dal v.tr. intramettere, indicativo presente. Inframmettere, mettere in mezzo.
manimetto
(ma-ni-mèt-to) dal v.tr. manimettere, indicativo presente. Metter mano a qualcosa, anche, cominciare ad usare, a consumare, specialmente cibi o bevande.

affretto
(af-frèt-to) dal v.tr. affrettare, indicativo presente. Compiere o far compiere qualcosa con maggiore sollecitudine.
alletto
(al-lèt-to) dal v.tr. allettare, indicativo presente. Attrarre, invogliare, sedurre, allettare qualcuno con false promesse.
aspetto
(a-spèt-to) 1 n.m. Sembianza esteriore, ciò che di qualcuno o di qualcosa appare alla vista, uomo di bello o di brutto aspetto. 2 dal v.tr. aspettare, indicativo presente. Stare in attesa di qualcuno o di qualcosa.
commetto
(com-mèt-to) dal v.tr. commettere, indicativo presente. Messo insieme, congiunto.
defletto
(de-flèt-to) dal v.tr. deflettere, indicativo presente. Cambiare direzione, piegare da una parte.

immetto
(im-mèt-to) dal v.tr. immettere, indicativo presente. Far entrare, mettere dentro.
infetto
(in-fèt-to) 1 agg. Colpito da infezione, malato infetto. 2 dal v.tr. infettare, indicativo presente. Provocare un’infezione.
interconnetto
(in-ter-con-nèt-to) dal v.tr. interconnettere, indicativo presente. Effettuare un’interconnessione, ovvero, effettuare un collegamento tra più linee, reti, canali telefonici o televisivi e simili.
intermetto
(in-ter-mèt-to) dal v.tr. intermettere, indicativo presente. Interrompere, sospendere, tralasciare, “le tempeste ... non intermettevano mai di turbarmi” Leopardi.
riaccetto
(ri-ac-cèt-to) dal v.tr. riaccettare, indicativo presente. Accettare di nuovo.

ricommetto
(ri-com-mèt-to) dal v.tr. ricommettere, indicativo presente. A Commettere di nuovo. Ricommettere sempre gli stessi sbagli. B Rimettere insieme le parti disgiunte di qualcosa.
scoppietto
(scop-pièt-to) dal v.intr. scoppiettare, indicativo presente. Mandare brevi scoppi secchi.
sgrilletto
(sgril-lèt-to) dal v.intr. sgrillettare, indicativo presente. A Crepitare, detto di vivanda messa a cuocere nell’olio caldo senza essere stata asciugata. B Far scattare il grilletto di un’arma da fuoco.
sommetto
(com-mèt-to) dal v.tr. sommettere, indicativo presente. A Mettere, porre sotto. B Assoggettare, sottomettere.
spezzetto
(spez-zèt-to) dal v.tr. spezzettare, indicativo presente. Dividere in piccoli pezzi, ridurre a pezzetti, dividere in tante piccole parti.

stacchetto
(stac-chèt-to) dal v.intr. stacchettare, indicativo presente. Camminare facendo rumore con i tacchi, anche, staccheggiare.
accetto
(ac-cèt-to) dal v.tr. accettare, indicativo presente. Acconsentire a ricevere qualcosa o qualcuno oppure a fare qualcosa.
accivetto
(ac-ci-vèt-to) dal v.tr. accivettare, indicativo presente. A Attirare uccelli con la civetta. B Adescare, lusingare.
addetto
(ad-det-to) 1 agg. A Assegnato ad un ufficio, incaricato di un lavoro. E’ addetto alla manutenzione. B Destinato ad un particolare uso; anche, adibito. 2 dal v.tr. addire, participio passato. Assegnare, dedicare, destinare.
cianchetto
(cian-chèt-to) dal v.intr. cianchettare, indicativo presente. Camminare male, zoppicare.

cicchetto
(cic-chèt-to) 1 n.m. A Bicchierino di liquore, bere un cicchetto. B Rimprovero da parte di un superiore. 2 dal v.intr. cicchettare, indicativo presente. Nel gergo motoristico, dare il cicchetto a un motore.
diletto
(di-lèt-to) dal v.tr. dilettare, indicativo presente. Divertire, procurare diletto, piacere.
disinfetto
(di-sin-fèt-to) dal v.tr. disinfettare, indicativo presente. Liberare dai germi patogeni facendo uso di mezzi adeguati.
eretto
(e-rèt-to) 1 agg Diritto, tenere il capo, il busto eretto. 2 dal v.tr. erigere, participio passato. Innalzare, costruire, erigere un monumento.
estrometto
(e-stro-mèt-to) dal v.tr. estromettere, indicativo presente. Mettere fuori; anche, espellere, escludere.

imbelletto
(im-bel-lèt-to) dal v.tr. imbellettare, indicativo presente. Coprire di belletto, dare il belletto, imbellettare le guance, gli occhi.
imberretto
(im-ber-rèt-to) dal v.tr. imberrettare, indicativo presente. Mettere la berretta od il berretto in capo.
imprometto
(im-pro-mèt-to) dal v.tr. impromettere, indicativo presente. Promettere.
insacchetto
(in-sac-chèt-to) dal v.tr. insacchettare, indicativo presente. Chiudere, confezionare in sacchetti.
picchietto
(pic-chièt-to) dal v.intr. picchiettare, indicativo presente. Picchiare leggermente e con frequenza.

precetto
(pre-cèt-to) 1 n.m. Norma, regola, comandamento. 2 dal v.tr. precettare, indicativo presente. A Ordinare per mezzo di un precetto scritto. B Richiamare alle armi i militari in congedo. C Obbligare gli addetti ad un servizio di pubblica utilità in sciopero, ad interrompere l’agitazione ed a riprendere l’attività.
premetto
(pre-mèt-to) 1 dal v.tr. premettere, indicativo presente. A Riferito ad un oggetto, un corpo e simili, schiacciare, spingere, anche, calcare, comprimere, pigiare, pressare. 2 dal v.intr. premettere, indicativo presente. Riferito a qualcuno per ottenere qualcosa. Insistere, fare pressione, spingere, sollecitare.
righetto
(ri-ghèt-to) dal v.tr. righettare, indicativo presente. Tracciare su una superficie righe sottili a brevi intervalli.
sconnetto
(scon-nèt-to) dal v.tr. sconnettere, indicativo presente. Disgiungere, disunire, distaccare cose che formavano un tutto organico e compatto.
sottometto
(sot-to-mèt-to) dal v.tr. sottomettere, indicativo presente. A Presentare qualcosa a qualcuno perché la esamini. B Assoggettare, ridurre all’obbedienza.

spacchetto
(spac-chèt-to) dal v.tr. spacchettare, indicativo presente. Togliere dai pacchetti, spacchettare i libri.
prospetto
(pro-spèt-to) 1 n.m. A Vista di ciò che sta di fronte; anche, la cosa od il luogo visto di fronte. B In geometria, rappresentazione grafica, in proiezione ortogonale, della superficie esterna di una struttura. Fare il prospetto di un edificio. C Tabella, quadro, descrizione sintetica di una situazione, tale che a colpo d’occhio, se ne comprenda la portata. 2 dal v.tr. prospettare, indicativo presente. Essere volto verso un luogo. Il balcone prospetta la vallata.
sbietto
(sbièt-to) dal v.tr. sbiettare, indicativo presente. A Detto dei piedi, mancare di un appoggio sicuro. B Andare via alla chetichella, svignarsela.
sgalletto
(sgal-lèt-to) dal v.intr. sgallettare, indicativo presente. Fare il galletto, essere vivace e baldanzoso come un galletto.
smetto
(smèt-to) dal v.tr. smettere, indicativo presente. Interrompere, sospendere qualcosa temporaneamente o per sempre.

sopraddetto
(so-prad-det-to) 1 agg. Detto prima, menzionato sopra. 2 dal v.tr. sopraddire, participio passato. Dire oltre al già detto.
videotrasmetto
(vi-de-o-tra-smèt-to) dal v.tr. videotrasmettere, indicativo presente. Effettuare una trasmissione televisiva.
affetto
(af-fèt-to) 1 n.m. Sentimento di vivo attaccamento a una persona od ad una cosa. 2 dal v.tr. affettare, indicativo, presente. Fare a fette.
affiletto
(af-fi-lèt-to) dal v.tr. affilettare, indicativo presente. Passare il taglio della cazzuola sulle commettiture dei mattoni per dar loro maggiore rilievo.
assaetto
(as-sa-èt-to) dal v.tr. assaettare, indicativo presente. Colpire con saetta, anche, molestare, tormentare.

disconnetto
(di-scon-nèt-to) dal v.tr. disconnettere, indicativo presente. Disgiungere ciò che è connesso, collegato, unito.
imbietto
(im-bièt-to) dal v.tr. imbiettare, indicativo presente. Rendere fisso un collegamento per mezzo di una bietta o chiavetta.
incassetto
(in-cas-sèt-to) dal v.tr. incassettare, indicativo presente. Disporre in massette.
banchetto
(ban-chèt-to) 1 n.m. A Diminutivo di banco. B Lauto pranzo, con molti convitati, di solito in onore di qualcuno o per solennizzare un avvenimento, banchetto di nozze. 2 dal v.tr. banchettare, indicativo presente. Mangiare e bere lautamente.
cerchietto
(cer-chièt-to) 1 n.m. A Diminutivo di cerchio. B Semicerchio elastico di vario materiale che serve a fermare i capelli in alcune acconciature femminili. C Gioco, ora in disuso, che consisteva nel lanciare e nel prendere al volo per mezzo di due bacchette, un piccolo cerchio. 2 dal v.tr. cerchiettare, indicativo presente. Circondare, rafforzare con cerchietti.

cinguetto
(cin-guèt-to) dal v.intr. cinguettare, indicativo presente. A Riferito ad uccelli, cantare sommessamente, con piccoli trilli. B Riferito agli umani, chiacchierare a bassa voce, specialmente di cose futili, anche, parlottare con voce acuta, riferito soprattutto a bambini.
corretto
(cor-rèt-to) 1 agg. Privo di errori, formulato con esattezza, con proprietà, compito corretto. 2 dal v.tr. correggere, paticipio passato. Liberare da errori, da imperfezioni.
dimetto
(di-mèt-to) dal v.tr. dimettere, indicativo presente. Lasciar andare, far uscire, specialmente da ospedali o carceri.
impecetto
(im-pec-cèt-to) dal v.tr. impeccettare, indicativo presente. A Coprire con pecette, cerotti. B Imbrattare con materia appiccicaticcia.
metto
(mèt-to) dal v.tr. mettere, indicativo presente. Collocare, disporre, porre.

ometto
(o-mèt-to) dal v.tr. omettere, indicativo presente. Tralasciare, per lo più intenzionalmente.
plissetto
(plis-sèt-to) dal v.tr. plissettare, indicativo presente. Realizzare una serie di piccole pieghe ben segnate su un tessuto.
pretermetto
(pre-ter-mèt-to) dal v.tr. pretermettere, indicativo presente. Omettere, tralasciare.
proietto
(pro-ièt-to) 1 n.m. A Frammento solido, che un vulcano lancia fuori dal cratere durante un’eruzione. B Corpo lanciato da un pezzo d’artiglieria o da un’altra bocca da fuoco. 2 dal v.tr. proiettare, indicativo presente. A Lanciare fuori od avanti con forza, scagliare. B Inviare su uno schermo, per mezzo di un proiettore.
ridetto
(ri-dèt-to) dal v.tr. ridire, participio passato. Dire di nuovo, ripetere.

rieletto
(ri-e-lèt-to) dal v.tr. rieleggere, indicativo presente. Eleggere di nuovo.
rigetto
(ri-gèt-to) dal v.tr. rigettare, indicativo presente. A Gettare di nuovo. B Gettare fuori, indietro.
riletto
(ri-lèt-to) dal v.tr. rileggere, participio passato. Letti nuovamente.
rimpacchetto
(im-pac-chèt-to) dal v.tr. impacchettare, indicativo presente. Impacchettare nuovamente.
sculetto
(scu-lèt-to) dal v.intr. sculettare, indicativo presente. Camminare dimenando i fianchi ed il sedere.

inframmetto
(in-fram-mèt-to) od inframetto, dal v.tr. inframmettere, od inframettere, indicativo presente. Frammettere, interporre.
intrometto
(in-tro-mèt-to) dal v.tr. intromettere, indicativo presente. Mettere dentro o in mezzo, inserire, interporre.
intubetto
(in-tu-bèt-to) dal v.tr. intubettare, indicativo presente. Confezionare in tubetti, anche mettere in tubetti.
manometto
(ma-no-mèt-to) dal v.tr. manomettere, indicativo presente. Mettere indebitamente le mani su qualcosa, manipolandola, alterandola o danneggiandola, per lo più con fini illeciti.
picchetto
(pic-chèt-to) 1 n.m. A Paletto di legno o metallo, che viene conficcato nel terreno come segnale di qualcosa, per fissare una tenda ecc. B Gruppo di militari incaricati di servizi d’ordine o d’onore. C Gruppo di lavoratori in sciopero che fanno un picchettaggio. 2 dal v.tr. picchettare, indicativo presente. Segnare un tracciato sul terreno mediante l’infissione di picchetti.

pieghetto
(pie-ghèt-to) dal v.tr. pieghettare, indicativo presente. Fare molte piccole pieghe ravvicinate e ben marcate su una stoffa.
predetto
(pre-dèt-to) dal v.tr. predire, participio passato. Annunciare fatti che dovrebbero accadere nel futuro.
progetto
(pro-gèt-to) 1 n.m. Ideazione di lavoro, di attività, anche, proposito vago, fantastico, difficilmente realizzabile. 2 dal v.tr. progettare, indicativo presente. Ideare la costruzione di una macchina, di un edificio o di un’altra struttura, e compiere gli studi, i calcoli, i disegni necessari alla sua realizzazione.
prometto
(pro-mèt-to) dal v.tr. promettere, indicativo presente. Impegnarsi con altri a fare od a dare qualcosa.
rassetto
(ras-sèt-to) dal v.tr. rassettare, indicativo presente. Accomodare, mettere in ordine, rassettare una stanza.

riprometto
(ri-pro-mèt-to) dal v.tr. ripromettere, indicativo presente. Promettere di nuovo.
riscommetto
(ri-scom-mèt-to) dal v.tr. riscommettere, indicativo presente. Scommetere di nuovo.
sbacchetto
(sbac-chèt-to) dal v.tr. sbacchettare, indicativo presente. Picchiare con una bacchetta o un battipanni per togliere la polvere.
sbaionetto
(sba-io-nèt-to) dal v.tr. sbaionettare, indicativo presente. Colpire, trafiggere con la baionetta, sorta di pugnale da fissare alla canna del fucile.
sbarbetto
(sbar-bèt-to) dal v.tr. sbarbettare, indicativo presente. Effettuare la sbarbettatura, ovvero, l’eliminazione delle radici superficiali che si formano nelle piante al disopra del punto d’innesto.

scommetto
(scom-mèt-to) dal v.tr. scommettere, indicativo presente. A Separare, staccare parti commesse, unite fra loro. B Fare una scommessa. Scommettere una cena.
sfioretto
(sfio-rèt-to) dal v.intr. sfiorettare, indicativo presente. Ricorrere ad abbellimenti linguistici o musicali superflui.
smerletto
(smer-lèt-to) dal v.tr. smerlettare, indicativo presente. Rifinire con un ricamo a smerli, a ricami.
svetto
(svèt-to) dal v.tr. svettare, indicativo presente. Detto di alberi, tagliare la cima dei rami che crescono più rigogliosi degli altri, in modo da pareggiarli a questi: svettare un pino, una siepe.
trasmetto
(tra-smèt-to) dal v.tr. trasmettere, indicativo presente. A Tramandare, far passare ad altri o ad altro: trasmettere un diritto, una proprietà; trasmettere una malattia. B Far pervenire, inoltrare, trasmettere un plico, una lettera. C Comunicare, diffondere per mezzo della radio, della televisione o di altri sistemi di comunicazione: trasmettere un discorso, una cerimonia.

ammanetto
(am-ma-nèt-to) dal v.tr. ammanettare, indicativo presente. Bloccare con le manette, anche, arrestare.
annetto
(an-nèt-to) dal v.tr. annettere, indicativo presente. Accludere, allegare, unire.
circonfletto
(cir-con-flèt-to) dal v.tr. circonflettere, indicativo presente. A Piegare in cerchio od ad arco, curvare. B Segnare con accento circonflesso.
discetto
(di-scèt-to) dal v.tr. discettare, indicativo presente. Trattare un argomento. Anticamente anche, contendere, disputare.
dismetto
(di-smèt-to) dal v.tr. dismettere, indicativo presente. Cessare di adoperare, non usare più, smettere.

duetto
(duèt-to) n.m. 1 A Diminutivo di duo. B Composizione vocale o strumentale a due parti. C Coppia di persone bene assortite. 2 dal v.intr. duettare, indicativo presente. Esibirsi, cantare in un duetto.
eletto
(e-lèt-to) 1 n.m. Scelto, “io temo forse / che troppo avrà d’indugio nostra eletta” Dante Purgatorio, XIII°, 11-12. 2 dal v.tr. eleggere, participio passato. Scegliere, attraverso votazione, diretta o articolata in più gradi, la persona destinata a un ufficio, a una dignità, a una carica.
fletto
(flèt-to) dal v.tr. flettere, indicativo presente. A Piegare come una fronda che piega la cima. B Modificare la desinenza di una parola, flettere un nome, declinarlo, Flettere un verbo, coniugarlo.
frammetto
(fram-mèt-to) o frametto, dal v.tr. frammettere, o framettere, indicativo presente. Frapporre, mettere in mezzo.
incetto
(in-cèt-to) dal v.tr. incettare, indicativo congiuntivi ed imperativo presente. Acquistare la maggior quantità possibile di una merce, per assicurarsene l'uso personale od a scopo di speculazione.

ricetto
(ri-cèt-to) dal v.tr. ricettare, indicativo presente. A Accogliere, ospitare, “e bella / e santa fanno al peregrin la terra / che le ricetta”, Foscolo, Sepolcri, 152-154. B Venire in possesso di qualcosa mediante ricettazione.
ricostretto
(ri-co-strèt-to) dal v.tr. ricostringere, participio passato. Costretti nuovamente.
rifletto
(ri-flèt-to) 1 dal v.tr. riflettere, indicativo presente. Riprodurre per riflessione l'immagine di qualcosa. 2 dal v.intr. riflettere, indicativo presente. Rivolgere la mente a qualcosa, pensare, ponderare.
rimpolpetto
(rim-pol-pèt-to) dal v.tr. rimpolpettare, indicativo presente. Modificare alla meglio mediante aggiunte e rimaneggiamenti, raffazzonare alla meglio, rimpolpettare uno scritto.
risottometto
(ri-sot-to-mèt-to) dal v.tr. risottomettere, indicativo presente. Sottomettere nuovamente.

sbulletto
(sbul-lèt-to) dal v.tr. sbullettare, indicativo presente. Togliere le bullette, piccoli chiodi a testa larga.
seghetto
(se-ghèt-to) 1 n.m. A Diminutivo di sega. B Utensile usato per tagliare materiali diversi, costituito da una lama di acciaio munita di denti, inserita in un telaio od in un manico. 2 dal v.tr. seghettare, indicativo presente. Intagliare qualcosa per renderla dentellata come la lama di una sega.
sgarretto
(sgar-rèt-to) dal v.tr. sgarrettare, indicativo presente. A Tagliare i garretti ad un animale macellato. B In arboricoltura, recidere le piantine fino al piede, allo scopo di rinforzarle.
stiletto
(sti-lèt-to) 1 n.m. A Diminutivo di stilo. B Arma bianca, simile ad un pugnale, dalla lama molto sottile e acuminata. 2 dal v.tr. stilettare, indicativo presente. Colpire con uno stiletto.
strabenedetto
(stra-be-ne-dèt-to) dal v.tr. strabenedire, participio passato. Benedire di tutto cuore, spesso però, viene usato in senso antifrastico, cioè, in sonso ironico, con significato opposto a quello proprio.

zampetto
(zam-pèt-to) dal v.intr. zampettare, indicativo presente. A Detto di animali piccoli, camminare muovendo rapidamente le zampe. B Camminare a piccoli passi.
zappetto
(zap-pèt-to) dal v.tr. zappettare, indicativo presente. Lavorare superficialmente il terreno con la zappa, zappettare l’orto.
   


AGGETTIVI  TOP
bugiardetto
(bu-giar-dèt-to) agg. A Diminutivo di bugiardo. B Che dice bugie, è un ragazzino bugiardino o bugiardetto.
costretto
(co-strèt-to) 1 agg. Nei significati del verbo costringere. 2 dal v.tr. costringere, participio passato. Obbligare qualcuno a fare qualcosa contro la sua intenzione o la sua volontà.
graciletto
(gra-ci-lèt-to) agg. A Diminutivo di gracile. B Che ha una costituzione fisica minuta, delicata, bambino gracilino. C Debole, fragile, organismo graciletto.
graziosetto
(gra-zio-sèt-to) 1 agg. Che ha grazia, leggiadria, movimento graziosetto. 2 n.m. A Diminutivo di grazioso. B Giovane simpatico, spiritoso.
gretto
(grèt-to) agg. A Che manca di generosità, che è eccessivamente tirato nello spendere. B Limitato spiritualmente, meschino, mentalità gretta, ideale gretto.

inetto
(i-nèt-to) agg. Incapace nel proprio mestiere, nella propria professione, impiegato inetto.
intelletto
(in-tel-lèt-to) 1 agg. Conosciuto, compreso, capito “O luce etterna che sola in te sidi, / sola t’intendi, e da te intelletta / e intendente te ami e arridi!” Dante, Paradiso, XXXIII°, 124-126. 2 n.m. La facoltà di formare, comprendere e ordinare distintamente i concetti.
interdetto
(in-ter-dèt-to) 1 agg. Nei significati del v.tr. interdire 2 n.m. Colui che è stato colpito dalla pena accessoria dell’interdizione dai pubblici uffici. 3 dal v.tr. interdirere, participio passato. Proibire, vietare in forza di un’autorità.
leggeretto
(leg-ge-rèt-to) agg. A Diminutivo di leggero. B Che ha poco peso, indossare un abito leggeretto di fine stagione. C Agile, svelto, spedito nei movimenti, avere il passo leggeretto.
leziosetto
(le-zio-sèt-to) agg. A Diminutivo di lezioso. B Che si comporta in modo affettato, con svenevolezza, bambino leziosetto.

preconcetto
(pre-con-cèt-to), agg. Si dice di idea, opinione concepita irrazionalmente, per partito preso, che impedisce una valutazione obiettiva e serena.
puntigliosetto
(pun-ti-glio-sèt-to) agg. A Diminutivo di puntiglioso. B Che agisce per puntiglio, ragazzo troppo puntigliosetto.
rigidetto
(ri-gi-dèt-to) agg. A Diminutivo di rigido. B Che non si può piegare né deformare, duro, non elastico, avere i muscoli rigidetti. C Detto di clima assai freddo, è un inverno rigidetto.
rognosetto
(ro-gno-sèt-to) agg. A Diminutivo di rognoso. B Si dice di persona non facile da trattare, anche, di lavoro, che comporta difficoltà o fastidio.
scabrosetto
(sca-bro-sèt-to) agg. A Diminutivo di scabroso. B Non molto levigato, non bello liscio, un pavimento scabrosetto.

scarsetto
(scar-sèt-to) agg. A Diminutivo di scarso. B Insufficiente rispetto a quanto sarebbe necessario, privo, povero di qualcosa, scarsetto di fantasia.
scherzosetto
(scher-zo-sèt-to) agg. A Diminutivo di scherzoso. B Che scherza volentieri, ragazzo scherzosetto.
sospettosetto
(so-spet-to-sèt-to) agg. A Diminutivo di sospettoso. B Che è portato a sospettare, a diffidare.
stizzosetto
(stiz-zo-sèt-to) agg. A Diminutivo di stizzoso. B Che si stizza facilmente, un vecchietto stizzosetto.
stretto
(strèt-to) agg. Che è poco sviluppato nel senso della larghezza, stare stretto.

stronzetto
(stron-zèt-to) agg. A Diminutivo di stronzo. B Di giovane persona incapace, stupida o malvagia.
vigliacchetto
(vi-gliac-chèt-to) 1 agg. A Che manca di coraggio, che evita ogni occasione di pericolo, magari subendo passivamente sopraffazioni e prepotenze, giovane vigliacchetto. B Che è prepotente con i deboli, comportamento da vigliacco. 2 n.m. A Diminutivo di vigliacco. B Colui che manca di coraggio, che evita ogni occasione di pericolo, magari subendo passivamente sopraffazioni e prepotenze.
abbietto
(ab-bièt-to) od abietto, agg. Ignobile, spregievole, vile, uomo abbietto.
diretto
(di-rèt-to) 1 agg. Che tende ad una meta, ad uno scopo. 2 n.m. Programma o servizio radiotelevisivo trasmesso nel momento stesso in cui si realizza.
dispettosetto
(di-spet-to-sèt-to) agg. A Diminutivo di dispettoso. B Che si compiace di fare dispetti, ragazzino dispettosetto.

grinzosetto
(grin-zo-sèt-to) agg. A Diminutivo di grinzoso. B Pieno di grinzette, rugosetto, viso grinzosetto.
ombrosetto
(om-bro-sèt-to) agg. A Che è a mezz’ombra, che è parzialmente in ombra, luogo ombrosetto. C Che fa un po’ d’ombra, pino ombrosetto. D Detto del cavallo, che si spaventa facilmente, che si adombra. Detto di persona o del carattere, essere diffidente, permaloso, suscettibile.
orgogliosetto
(or-go-glio-sèt-to) agg. A Diminutivo di orgoglioso. B Pieno di orgoglio, che rivela orgoglio, un uomo orgogliosetto. C Fiero, inorgoglito, soddisfatto, insegnante orgoglioso dei suoi allievi.
pargoletto
(par-go-lèt-to) agg. Che è di bambino, l’albero a cui tendevi / la pargoletta mano, Carducci.
pretto
(prèt-to) agg. Genuino, puro, schietto, parlare con pretto accento veneto.

protetto
(pro-tèt-to) 1 agg. Munito di difesa, strada protetta dalle valanghe. 2 n.m. Colui che gode di particolari favori o appoggi, sono un suo protetto.
reietto
(re-èt-to) 1 agg. Che è stato respinto, ripudiato, figlio reietto. 2 n.m. Colui che è stato respinto, ripudiato, i reietti della società.
schietto
(schièt-to) agg. Genuino, semplice, puro, che non presenta contaminazione o imperfezione, argomento, carattere schietto.
sdegnosetto
(sde-gno-sèt-to) agg. A Diminutivo di sdegnoso. B Che prova sdegno verso qualcosa, che rifiuta con fermezza e disprezzo quanto non risponda ai propri gusti o principi.
sopraddetto
(so-prad-det-to) 1 agg. Detto prima, menzionato sopra. 2 dal v.tr. sopraddire, participio passato. Dire oltre al già detto.

addetto
(ad-det-to) 1 agg. A Assegnato ad un ufficio, incaricato di un lavoro. E’ addetto alla manutenzione. B Destinato ad un particolare uso; anche, adibito. 2 dal v.tr. addire, participio passato. Assegnare, dedicare, destinare.
anzidetto
(an-zi-dèt-to) non comune anzi detto, agg. Che è stato detto prima, anche, suddetto, ripetere l’argomrnto anzidetto.
coeletto
(co-e-lèt-to) agg. Che è stato eletto insieme ad altri.
formosetto
(for-mo-sèt-to) agg. A Diminutivo di formoso. B Di belle forme, di membra armoniose e proporzionate, uomo formosetto e membruto.
freschetto
(fre-schèt-to) 1 agg. Detto di temperatura piuttosto gradevole, non troppo fredda e non calda, giorno freschetto. 2 n.m. A Diminutivo di fresco. B Temperatura fresca, anche, le sensazione piacevole che se ne riceve.

invidiosetto
(in-vi-dio-sèt-to) agg. A Diminutivo di invidioso. B Che prova invidia per qualcuno o per qualcosa, sono un tantino invidiosetto.
maledetto
(ma-le-dèt-to) 1 agg. Colpito da maledizione, che ha in sé la maledizione e quindi apporta sciagure, anima maledetta, giorno maledetto. 2 n.m. A Colui che porta su di sé una maledizione, maledetto dell’inferno. B Persona verso la quale si nutre rancore, odio, se nè andato quel maledetto? C Poeta maledetta.
pastosetto
(pa-sto-sèt-to) agg. A Diminutivo di pastoso. B Che ha consistenza di pasta molle, cedevole al tatto, materiale pastosetto.
perfetto
(per-fèt-to) agg. Compiuto in tutte le sue parti, completo, che non mancano di alcuna qualità propria della loro natura, vivere in perfette condizioni fisiche.
rabbiosetto
(rab-bio-sèt-to) agg. A Diminutivo di rabbioso. B Che è malato di rabbia, cane rabbioso. C Che si lascia trasportare facilmente dall’ira, pieno di rabbia, uomo, un tantino rabbiosetto.

ultravioletto
(ul-tra-vio-lèt-to) agg. Di radiazione elettromagnetica avente lunghezza d'onda inferiore a quella dell'estremo violetto dello spettro, e maggiore di quella dei raggi X, raggio ultravioletto, radiazione ultravioletta.
violetto
(vio-lèt-to) 1 agg. Detto di colore viola, tessuto violetto, luci violette. 2 n.m. Sostanza colorante che tinge di viola.
allegretto
(al-le-grèt-to) agg. A Diminutivo di allegro. B Che ha o dimostra allegria, carattere allegretto.
disaccetto
(di-sac-cèt-to) agg. Non molto gradito, non bene accetto.
distretto
(di-strèt-to) 1 agg. A Legato, trattenuto, stretto. B Angustiato, “O caro bene, o solo mio riposo, / che ‘l mio cuor tien distretto”, Boccaccio, Decamerone, VII°, conclusione. 2 n.m. A Luogo stretto, prigione. B Suddivisione del territorio a fini amministrativi o giurisdizionali.

infetto
(in-fèt-to) 1 agg. Colpito da infezione, malato infetto. 2 dal v.tr. infettare, indicativo presente. Provocare un’infezione.
maliziosetto
(ma-li-zio-sèt-to) agg. A Diminutivo di malizioso. B Che ha un po’ di malizia, tifoso maliziosetto.
neoeletto
(ne-o-e-lèt-to) 1 agg. Che è stato eletto da poco ad una carica pubblica, l’assessore neoeletto, le neoelette alla camera. 2 n.m. Colui che è stato eletto da poco ad una carica pubblica.
pelosetto
(pe-lo-sèt-to) agg. A Diminutivo di peloso. B Che ha molti peli, coperto di peli, quelle gambe pelosette.
scontrosetto
(scon-tro-sèt-to) agg. A Diminutivo di scontroso. B Colui che si imbroncia, si impermalisce facilmente, anche, poco socievole, privo di cordialità, un giovane chiuso e scontrosetto.

umidetto
(u-mi-dèt-to) agg. A Diminutivo di umido. B Leggermente bagnato di un po’ d’acqua o di altro liquido, vestito umidetto.
vistosetto
(vi-sto-sèt-to) agg. A Diminutivo di vistoso. B Appariscente, che attira la vista, usa vesti, a dir poco, vistosette.
aspretto
(a-sprèt-to) agg. Diminutivo di aspro, di sapore asprigno, pompelmo aspretto.
bravetto
(bra-vèt-to) agg. A Diminutivo di bravo. B Che è abile ed esperto in ciò che fa, specialmente nell’esercizio di un mestiere, di una professione o negli studi.
disdetto
(di-sdèt-to) agg. Annullato, appuntamento disdetto.

larghetto
(lar-ghèt-to) agg. A Diminutivo di largo. B Esteso in larghezza, anche, ampio, vasto, hai un vestito larghetto.
pallidetto
(pal-li-dèt-to) agg. A Diminutivo di pallido. B Senza colorito, cereo, esangue, viso pallidetto.
permalosetto
(per-ma-lo-sèt-to) 1 agg. Che si offende, si adira, s'impermalisce per futili motivi. 2 n.m. A Diminutivo di permaloso. B Colui che si offende, si adira, s'impermalisce per futili motivi.
ritrosetto
(ri-tro-sèt-to) agg. A Diminutivo di ritroso. B Poco socievole per timidezza o per modestia, anche, restio a dire od a fare qualcosa, essere ritrosetto a parlare in pubblico.
scorretto
(scor-rèt-to) agg. Che non è corretto, che presenta errori, un compito scorretto.

scuretto
(scu-rèt-to) 1 agg. Leggermente scuro; anche poco o male illuminato. 2 n.m. A Diminutivo di scuro. B Fascia in rilievo, per lo più di legno, che si colloca alla sommità di una parete per sottolineare la partizione dello spazio. C Imposta interna, completamente cieca, di finestra o di una porta a vetri, che si chiude per impedire il passaggio della luce.
sospetto
(so-spèt-to) 1 agg. Che desta diffidenza; anche, che dà motivo di dubitare, di sospettare. Un atteggiamento sospetto. 2 dal v.tr. sospettare, indicativo presente. Ritenere colpevole in base ad indizi, a supposizioni.
acidetto
(a-ci-dèt-to) agg. A Diminutivo di acido. B Che hanno sapore leggermente acre, aspro.
benaffetto
(be-naf-fèt-to) o ben affetto, anche, bene affetto, agg. A Affezionato, ben disposto. B Ben voluto, ben visto.
bramosetto
(bra-mo-sèt-to) agg. A Diminutivo di bramoso. B Che ha brama, che è voglioso, bramosetto di gloria, occhio bramosetto.

circospetto
(cir-co-spèt-to) agg. Che agisce con cautela, o, che denota cautela; anche, prudente, guardingo. Un individuo, un fare circospetto.
corretto
(cor-rèt-to) 1 agg. Privo di errori, formulato con esattezza, con proprietà, compito corretto. 2 dal v.tr. correggere, paticipio passato. Liberare da errori, da imperfezioni.
costosetto
(co-sto-sèt-to) agg. A Diminutivo di costoso. B Che costa più del previsto, un viaggio costosetto.
curiosetto
(cu-rio-sèt-to) agg. A Diminutivo di curioso. B Che ha o dimostra curiosità.
duretto
(du-rèt-to) 1 agg. A Diminutivo di duro. B Che si intacca o si scalfisce difficilmente, anche, che resiste alla pressione, che non cede. 2 n.m. Persona dal carattere forte, severo, energico.

fastidiosetto
(fa-sti-dio-sèt-to) agg. A Diminutivo di fastidioso. B Importuno, molesto, noioso, ragazzo fastidioso, rumore fastidioso.
furbetto
(fur-bèt-to) 1 agg. Assai abile nell'agire per il proprio vantaggio, destreggiandosi tra le difficoltà, sfuggendo ai pericoli, avvocato furbetto. 2 n.m. A Diminutivo di furbo. B Persona furba, fare il furbetto.
lividetto
(li-vi-dèt-to) 1 agg. A Grigio, plumbeo cielo livido, acque livide. B Pieno di livore, di astio, sguardo lividetto. 2 n.m. A Diminutivo di livido. B Macchia bluastra, che si forma sulla pelle in seguito ad una contusione.
malignetto
(ma-li-gnèt-to) agg. A Diminutivo di maligno. B Che agisce, parla, giudica con malignità, quanto sei malignetto!
netto
(nèt-to) agg. A Pulito, senza macchie, bicchiere netto. B Peso senza la tara, peso netto.

poveretto
(po-ve-rèt-to) agg. A Diminutivo di povero. B Indigente, infelice, misero, cerchiamo di aiutare quel poveretto.
retto
(rèt-to) 1 agg. Onesto, leale, animo, uomo retto. 2 n.m. A Faccia anteriore del foglio. B Faccia di moneta sulla quale è incisa una figura.
suddetto
(sud-dèt-to) agg. Nominato precedentemente, il suddetto allievo.
vergognosetto
(ver-go-gno-sèt-to) agg. A Diminutivo di vergognoso. B Giovane, che mostra timidezza, ed impaccio.
viziosetto
(vi-zio-sèt-to) agg. A Diminutivo di vizioso. B Che ha vizi, pieno di vizi, giovane viziosetto.

vogliosetto
(vo-glio-sèt-to) agg. A Diminutivo di voglioso. B Persona piena di voglie, di desideri, anche, di sensualità esuberante, concupiscenta, giovane vogliosetto.
bizzosetto
(biz-zo-sèt-to) agg. A Diminutivo di bizzoso. B Capriccioso, incline alle bizze, stizzoso.
boriosetto
(bo-rio-sèt-to) agg. A Diminutivo di borioso. B Colui che ha boria, ragazzino boriosetto.
brodosetto
(bro-do-sèt-to) agg. A Diminutivo di brodoso. B Con molto brodo, una zuppa brodosetta.
deboletto
(de-bo-lèt-to) agg. A Diminutivo di debole. B Persona priva di forza fisica o morale, priva di energia, di potere e simili.

nervosetto
(ner-vo-sèt-to) agg. A Diminutivo di nervoso. B Che manifesta esternamente la propria tensione emotiva, che tende a irritarsi, ad agitarsi facilmente, un giovane nervosetto.
provetto
(pro-vèt-to) agg. Che ha grande conoscenza o esperienza di una professione.
rotondetto
(ro-ton-dèt-to) agg. Di conformazione, che tende al tondo, al pingue, pienotto, viso rotondetto, fianchi rotondetti.
ruvidetto
(ru-vi-dèt-to) agg. Che ha delle superfici non ben levigate, scabretto, pelame un po’ ruvidetto.
spinosetto
(spi-no-sèt-to) agg. A Diminutivo di spinoso. B Pieno di spine, anche irto di difficontà e di guai.

superbetto
(su-per-bèt-to) agg. A Diminutivo di superbo. B Che ha in sé, o dimostra di avere, un po’ di superbia, un giovane superbetto e sapientone.
benaccetto
(be-nac-cèt-to) o ben accetto, beneaccetto, (be-ne-ac-cèt-to), agg. Gradito, domanda benaccetta, augurio benaccetto.
benedetto
(be-ne-dèt-to) agg. A Che è stato oggetto di particolare favore divino, il santo benedetto. B Che ha ricevuto la benedizione ecclesiastica, che è stato consacrato.
cosiddetto
(co-sid-dèt-to) o così detto, agg. Si usa con valore enfatico per richiamare l’attenzione su una parola, specialmente quando se ne ritenga improprio l’uso o si voglia ironizzare, il cosiddetto nobile.
discoletto
(di-sco-lèt-to) agg. A Diminutivo di discolo. B Ribelle, scapestrato. Con significato più attenuato, vivace, indisciplinate, bambino discoletto.

golosetto
(go-lo-sèt-to) 1 agg. A Diminutivo di goloso. B Che ha il vizio della gola, golosetto di dolci, anche, desideroso, bramoso. 2 n.m. Uomo goloso.
imperfetto
(im-per-fèt-to) agg. A Non finito, non compiuto. B Che ha qualche difetto, congegno imperfetto.
indiretto
(in-di-rèt-to) agg. Non diretto, che giunge alla fine per una via non diretta, risultato indiretto.
languidetto
(lan-gui-dèt-to) agg. A Diminutivo di languido. B Privo della naturale energia, debole, luce languida, anche, “ne’ languidi / pensier dell’infelice”, Manzoni, La Pentecoste. C Appassionatamente tenero, svenevole, occhi languidetti.
leggiadretto
(leg-gia-drèt-to) agg. A Diminutivo di leggiadro. B Pieno di grazia, di eleganza e gentilezza, un portamento, un volto leggiadro. C Nobile, virtuoso, lodevole, “L’antico sangue e l’opere leggiadre / d’i miei maggior mi fer sì arrogante”, Dante, Purgatorio, XI°, 61-62.

magretto
(ma-grèt-to) 1 agg. Che ha scarso tessuto adiposo, secco, sottile, giovane magretto. 2 n.m. A Diminutivo di magro. B Parte magra della carne macellata.
malaccetto
(ma-lac-cèt-to) o mal accetto, agg. Che non è accolto o accettato volentieri, anche, sgradito, persona malaccetta, dono malaccetto.
morbidetto
(mor-bi-dèt-to) agg. A Diminutivo di morbido. B Molle e cedevole al tatto, soffice, tenero, capelli morbidi, tessuto morbidetto.
negletto
(ne-glèt-to) 1 agg. A Abbandonato, derelitto, “siede in terra negletta e sconsolata”, Leopardi, All’Italia, 15. B Disadorno, sciatto, trasandato, abito, stile negletto.
odiosetto
(o-dio-sèt-to) agg. A Diminutivo di odioso. B Che suscita avversione, e, con senso più attenuato, che risulta sgradevole, antipatico, molesto. un giovane odiosetto.

prediletto
(pre-di-lèt-to) 1 agg. Che è amato più di tutti gli altri, o preferito a tutti gli altri, figlio prediletto. 2 n.m. Colui che è amato più di tutti gli altri, o preferito a tutti gli altri.
ristretto
(ri-strèt-to) agg. Rinchiuso, stretto dentro, caffè ristretto.
smorfiosetto
(smor-fio-sèt-to) 1 agg. Che ha l’abitudine di fare smorfie, moine, fare lo smorfiosetto. 2 n.m. A Diminutivo di smorfioso. B Colui che ha l’abitudine di fare smorfie.
soggetto
(sog-gèt-to) agg. A Sottoposto all’autorità di qualcuno, a determinati obblighi o condizioni, ognuno di noi è soggetto alla legge morale. B Che facilmente va incontro ad eventi, ad insorgenze negative, terreno soggetto ad inondazione od allagamento.
spiritosetto
(spi-ri-to-sèt-to) agg. A Diminutivo di spiritoso. B Dotato d’umorismo, faceto, anche ricco di spirito.

vezzosetto
(vez-zo-sèt-to) agg. A Diminutivo di vezzoso. B Pieno di grazia e di bellezza, leggiadro. C Affettato, lezioso, smancerosio, un bambino, diciamo, ... , un po’ troppo vezzosetto?
    


NOMI  TOP
animaletto
(a-ni-ma-lèt-to) n.m. A Diminutivo di animale. B Ogni giovane organismo vivente dotato di sensi e di movimento autonomo, animale ragionevole, l’uomo.
appretto
(ap-prèt-to) 1 n.m. Miscela di pigmenti, plastificanti e leganti che si danno alle pelli conciate per migliorarne l’aspetto. 2 dal v.tr. apprettare, indicativo presente. A Stendere l’appretto sui tessuti, mediante l’apprettatrice. B Dare l’appretto alle pelli.
armadietto
(ar-ma-dièt-to) n.m. A Diminutivo di armadio. B Mobile chiuso da uno o più sportelli, con ripiani o cassetti interni.
aviogetto
(a-vio-gèt-to) n.m. Aerogetto, aeroplano con uno o più motori a getto, od a reazione.
balzetto
(bal-zèt-to) n.m. A Diminutivo di balzo. B Saltello di un corpo elastico dopo che ha battuto per terra, o in genere contro una superficie rigida.

barletto
(bar-lèt-to) n.m. Dispositivo, accessorio del banco da falegname, costituito da un ferro a forma di L che s’incastra in un foro quadro, per tenere fermo un pezzo in lavorazione.
bozzetto
(boz-zèt-to) n.m. A Abbozzo, schizzo o modello in scala, di un’opera d’arte, una scenografia, un cartellone pubblicitario e simili. B Quadretto di maniera, dipinto rapidamente e con vivace spunto realistico, anche, breve racconte o scenetta, che descrive con realismo e vivacità, a rapidi tocchi, scene di vita quotidiana.
brunetto
(bru-nèt-to) n.m. A Diminutivo di bruno. B Riferito a persone, che ha carnagione o capelli scuri.
buchetto
(bu-chèt-to) n.m. A Diminutivo di buco. B Piccola cavità nel terreno, in genere più profonda che ampia, di origine naturale o artificiale.
buffetto
(buf-fèt-to) n.m. Leggero colpo dato con due dita, dare un buffetto sulle guance.

cagnetto
(ca-gnèt-to) n.m. A Diminutivo di cane. B Cucciolo di cane.
calamaretto
(ca-la-ma-rèt-to) n.m. Piccolo calamaro, assai ricercato per la sua carne, ottima per fritture.
capitoletto
(ca-pi-to-lèt-to) n.m. A Diminutivo di capitolo. B Ciascuna delle grandi parti nelle quali è suddiviso un testo.
caschetto
(ca-schèt-to) n.m. A Diminutivo di casco. B Elmo, in materiale rigido e resistente, usato, da militari, motociclisti, sportivi, allo scopo di proteggere la testa.
cilindretto
(ci-lin-drèt-to) n.m. A Diminutivo di cilindro. B Solido, generato da un rettangolo che, ruota intorno a uno dei suoi lati. In generale, superfice generata da una retta che, restando parallela a sé stessa, si muove lungo una curva piana chiusa.

affetto
(af-fèt-to) 1 n.m. Sentimento di vivo attaccamento a una persona od ad una cosa. 2 dal v.tr. affettare, indicativo, presente. Fare a fette.
agnelletto
(a-gnel-lèt-to) n.m. A Diminutivo di agnello. B Il nato della pecora fino all’età di un anno, per estensione, la carne dell’animale macellato.
antipalchetto
(an-ti-pal-chèt-to) n.m. Nel teatro di struttura tradizionale, vestibolo del palco.
archibugetto
(ar-chi-bu-gèt-to) n.m. A Diminutivo di archibugio. B Antica arma da fuoco portatila, con canna lunga e accensione a pietra focaia.
architetto
(ar-chi-tèt-to) n.m. Colui che progetta, disegna, e realizza edifici od altre grandi costruzioni.

assetto
(as-sèt-to) 1 n.m. Adeguata disposizione, buon ordine di un ambiente, della propria persona, ecc. 2 dal v.tr. assettare, indicativo presente. Ordinare, sistemare convenientemente e con cura.
bacchetto
(bac-chèt-to) n.m. Bastoncino diritto di legno o di altro materiale.
bariletto
(ba-ri-lèt-to) n.m. A Piccolo barile, fiasco da viaggio. B Contenitore metallico, generalmente chiuso da un coperchio, che racchiude la molla dell’orologio.
bossoletto
(bos-so-lèt-to) n.m. A Diminutivo di bossolo. B Piccolo vaso o barattolo, generalmente di legno di bosso, usato per contenere unguenti, profumi, cosmetici e simili. C Urna per estrazioni a sorte o nella quale si raccolgono le schede durante votazioni ed elezioni. D Bussolotto per il gioco dei dadi.
broccoletto
(broc-co-lèt-to) n.m. A Diminutivo di broccolo. B Infiorescenza della rapa, colta prima che sboccino i fiori, anche, cima di rapa.

bruscoletto
(bru-sco-lèt-to) n.m. A Diminutivo di bruscolo. B Pezzetto minutissimo di polvere, di legno, di paglia. m'è entrato un bbruscoletto nell'occhio.
cadetto
(ca-dèt-to) n.m. A Figlio non primogenito. B Allievo di un’accademia militare.
campetto
(cam-pèt-to) n.m. A Diminutivo di campo. B Spazio di terreno destinato alla coltivazione. C A Venezia, piccole piazze.
cappelletto
(cap-pel-lèt-to) n.m. A Diminutivo di cappello. B Cerchietto di tela impermeabile posto in cima alla cupola dell’ombrello, nel punto in cui si uniscono le stecche. C Parte della calza che ricopre le dita del piede, solitamente rinforzata.
capriccetto
(ca-pric-cèt-to) n.m. A Diminutivo di capriccio. B Voglia improvvisa e stravagante, desiderio bizzarro, ghiribizzo, levarsi un capriccetto. C Amore leggero ed incostante.

carbonetto
(car-bo-nèt-to) n.m. A Diminutivo di carbone. B Varietà di corallo di colore rosso scuro.
castelletto
(ca-stel-lèt-to) n.m. A Diminutivo di castello. B Importo massimo del fido concesso dalla banca al cliente per lo sconto di cambiali.
cavalletto
(ca-val-lèt-to) n.m. Sostegno, generalmente a tre o quattro piedi, di legno o di metallo, il cavalletto della macchina fotografica.
cerchietto
(cer-chièt-to) 1 n.m. A Diminutivo di cerchio. B Semicerchio elastico di vario materiale che serve a fermare i capelli in alcune acconciature femminili. C Gioco, ora in disuso, che consisteva nel lanciare e nel prendere al volo per mezzo di due bacchette, un piccolo cerchio. 2 dal v.tr. cerchiettare, indicativo presente. Circondare, rafforzare con cerchietti.
cervelletto
(cer-vel-lèt-to) n.m. A Diminutivo di cervello. B Porzione della massa encefalica, che occupa la parte posteriore della scatola cranica, fa parte del sistema nervoso centrale, ed ha la funzione di mantenere l’equilibrio, l’orientamento del corpo e del tono muscolare.

cipressetto
(ci-pres-sèt-to) n.m. A Diminutivo di cipresso. B Giovane albero delle conifere, con foglie sempreverdi, coltivato a scopo ornamentale in parchi e cimiteri, e per ricavarne legname.
clarinetto
(cla-ri-nèt-to) n.m. Strumento aerofono di legno, costituito da una canna cilindrica munita di fori, in parte liberi e in parte serviti da chiavi, e terminante con bocchino ad ancia semplice ad un'estremità e svasatura a campana dall'altra.
collaretto
(col-la-rèt-to) n.m. A Diminutivo di collare. B Striscia di cuoio, o altro materiale, che si lega attorno al collo dei cani, ed al quale si attacca il guinzaglio.
aerogetto
(a-e-ro-gèt-to) n.m. Aviogetto, aeroplano con uno o più motori a getto, od a reazione.
affaretto
(af-fa-rèt-to) n.m. A Diminutivo di affare. B Cosa da fare, anche compito, faccenda.

astuccetto
(a-stuc-cèt-to) n.m. A Diminutivo di astuccio. B Scatoletta, o fodero, o guaina, per la custodia di un oggetto, astuccetto delle matite.
bagnetto
(ba-gnèt-to) n.m. A Diminutivo di bagno. B L’immersione del corpo nell’acqua, od in un’altra sostanza, a scopo igienico, curativo o ricreativo.
barbetto
(bar-bèt-to) n.m. A Nome scherzoso dato un tempo in Piemonte ai valdesi, che chiamavano barba. “zio”, i loro pastori. B Appellativo popolare, in Firenze, dei padri della missione San Vincenzo de’ Paoli, che usavano portare la barbetta a pizzo.
bianchetto
(bian-chèt-to) n.m. A Diminutivo di bianco. B Bicchiere di vino bianco. C Sostanza, composta di polvere bianca diluita in acqua, usata per imbiancare.
bidetto
(bi-dèt-to) n.m. Cavallo normanno, da sella, di piccola statura.

biglietto
(bi-glièt-to) n.m. A Cartoncino o foglietto, usato per brevi comunicazioni o per saluti, biglietto d’invito. C Biglietto da visita, cartoncino su cui sono stampati nome e cognome, eventuali titoli, indirizzo e numero telefonico di una persona, che gli usa per presentarsi. D Foglietto o cartoncino che attestano un pagamento, e danno quindi diritto ad usufruire di un servizio. E Foglio che dà il diritto di entrare in un pubblico locale, biglietto d’ingresso.
braccialetto
(brac-cia-lèt-to) n.m. A Diminutivo di bracciale. B Ornamento o gioiello che cinge il polso. C Cinturino dell’orologio da polso.
brachetto
(bra-chèt-to) n.m. Vino rosso piemontese delle zone di Acqui e di Asti, amabile o dolce e dal caratteristico profumo di rosa.
bricchetto
(bric-chèt-to) n.m. A Diminutivo di bricco. B Piccolo recipiente, più largo in fondo che in alto, con beccuccio e manico.
broletto
(bro-lèt-to) n.m. A Diminutivo di brolo. B Nel medioevo, prato cintato e coltivato o le piazze in cui si tenevano le assemblee popolari, anche, i palazzi municipali.

brufoletto
(bru-fo-lèt-to) n.m. A Diminutivo di brufolo. B Piccolo foruncolo.
bulbetto
(bul-bèt-to) n.m. A Diminutivo di bulbo. B Germoglio sotterraneo, rigonfio del fusto di alcune piante, il bulbo dell’aglio, del tulipano. C Struttura anatomica a forma di bulbo, bulbo oculare.
calicetto
(ca-li-cèt-to) n.m. A Diminutivo di calice. B Bicchiere a bocca larga che si restringe o si rigonfia verso il fondo, munito di uno stelo, più o meno lungo, che poggia su una base circolare. C La parte più esterna del fiore, costituita da sepali disgiunti od uniti tra loro.
caminetto
(ca-mi-nèt-to) n.m. A Diminutivo di camino. B Piccolo camino posto nell’interno di una stanza per riscaldarla.
cinghialetto
(cin-ghia-lèt-to) n.m. A Diminutivo di cinghiale. B Giovane mammifero, della famiglia dei Suidi, dal corpo tozzo, ricoperto di peli ispidi, con grossi canini a forma di zanna e occhi piccoli.

concetto
(con-cèt-to), n.m. A Ciò che la mente concepisce di una cosa; anche, rappresentazione mentale, idea. B Opinione, giudizio.
controprogetto
(con-tro-pro-gèt-to) n.m. Progetto che si oppone a progetti precedenti, modificandoli od annullandoli.
corsaletto
(cor-sa-lèt-to) n.m. A Leggera corazza, portata in passato dai fanti a protezione del petto, per estensione, soldato con tale armatura. B Indumento femminile, alto dalla vita a sotto il seno, stringato davanti, portato sopra la camicia.
difetto
(di-fèt-to) 1 n.m. A Mancanza, scarsità, difetto di preparazione. B In matemetica, determinazione di grandezza o numero, mediante un valore lievemente minore a quello reale. C Imperfezione fisica o morale, abitudine non buona, vizio. 2 dal v.intr. difettare, indicativo presente. Mancare di qualcosa, difettare di mezzi finanziari.
divanetto
(di-va-nèt-to) n.m. A Diminutivo di divano. B Lungo sedile imbottito, a più posti, con o senza spalliera e braccioli.

baccelletto
(bac-cel-lèt-to) n.m. A Diminutivo di baccello. B Frutto delle Leguminose, composto di un guscio membranaceo, di forma allungata, bivalve, nella cui cavità si allineano più semi o grani attaccati alla sutura dorsale.
baffetto
(baf-fèt-to) n.m. A Diminutivo di baffo. B L’insieme dei peli che crescono sopra ciascun lato del labbro superiore dell’uomo e di taluni animali.
baronetto
(ba-ro-nèt-to) n.m. A Diminutivo di barone. B In Gran Bretagna, titolo nobiliare ereditario, istituito nel 1611, di grado inferiore a quello di barone. C Titolo onorifico, non ereditario, attribuito dalla corona, a persone che si siano distinte in vari campi.
battelletto
(bat-tel-lèt-to) n.m. A Diminutivo di battello. B Imbarcazione da pesca, dotata di un piccolo motore, partire in barca con a traino, un battelletto di salvataggio.
batuffoletto
(ba-tuf-fo-lèt-to) n.m. A Diminutivo di batuffolo. B Piccolo ammasso di un materiale soffice, dei batuffoletti di cotone.

bischetto
(bi-schèt-to) n.m. Piccola tavola bassa dove lavorano i calzolai ed i ciabattini, anche deschetto.
botoletto
(bo-to-lèt-to) n.m. A Diminutivo di botolo. B Piccolo cane di forma tozza e muso rincagnato, che abbaiano e ringhiano facilmente. C Uomo iroso, stizzoso, ma impotente a nuocere.
bussetto
(bus-sèt-to) n.m. Arnese di legno o di metallo usato dal calzolaio per lucidare il bordo delle suole e dei tacchi, anche, bisegolo.
campaniletto
(cam-pa-ni-lèt-to) n.m. A Diminutivo di campanile. B Edificio, a forma di torre, attiguo alla chiesa, od anche sopra di questa, che porta sulla cima, una loggia, ove sono sospese le campane.
chioschetto
(chio-schèt-to) n.m. A Diminutivo di chiosco. B Piccola costruzione, anche provvisoria, adibita a usi diversi.

ciotoletto
(cio-to-lèt-to) n.m. A Diminutivo di ciotolo. B Frammento di roccia arrotondato e levigato dall’acqua, per estensensione, sasso in genere.
circoletto
(cir-co-lèt-to) n.m. A Diminutivo di circolo. B Piccola circonferenza, descrivere un circoletto.
ciuchetto
(ciu-chèt-to) n.m. A Diminutivo di ciuco. B Asinello. C Ragazzo che non riesce negli studi.
ciuffetto
(ciuf-fèt-to) n.m. A Diminutivo di ciuffo. B Piccola ciocca di capelli avere il ciuffetto sulla fronte. C Gruppo di crine, di peli o piume sul capo di un animale, anche, gruppo di piante, cespuglio, cespo, ciuffetto d’erba.
cornetto
(cor-nèt-to) n.m. A Amuleto portafortuna in forma di piccoli corni. B Panino dolce o brioche a forma di mezzaluna.

cubetto
(cu-bèt-to) n.m. A Diminutivo di cubo. B Figura geometrica solida, con sei facce quadrate uguali.
dialetto
(dia-lèt-to)) n.m. Parlata propria di una determinata area geografica, a cui si contrappone la lingua ufficiale o nazionale, dialetto veneto.
diavoletto
(dia-vo-lèt-to) n.m. A Diminutivo di diavolo. B Bambino molto vivace.
distretto
(di-strèt-to) 1 agg. A Legato, trattenuto, stretto. B Angustiato, “O caro bene, o solo mio riposo, / che ‘l mio cuor tien distretto”, Boccaccio, Decamerone, VII°, conclusione. 2 n.m. A Luogo stretto, prigione. B Suddivisione del territorio a fini amministrativi o giurisdizionali.
draghetto
(dra-ghèt-to) n.m. A Diminutivo di drago. B Mostro favoloso, immaginato come enorme rettile alato, vomitante fuoco dalle fauci, sangue di draghetto.

effetto
(ef-fèt-to) n.m. Ogni evento o fenomeno, inteso come prodotto da una causa, per cui il termine “effetto” è normalmente correlato a “causa”, anche, conseguenza, risultato, l’effetto benefico dell’aria di montagna.
fascicoletto
(fa-sci-co-lèt-to) n.m. A Diminutivo di fascicolo. B Libretto di poche pagine, in particolare, ogni singolo numero di pubblicazione periodica o di opera edita in dispense successive.
folletto
(fol-lèt-to) n.m. A Essere favoloso, che la fantasia popolare immagina piccolo di statura, vagante nell’aria, burlone, bizzarro e dispettoso. B Ragazzo molto vivace, esuberante, irrequieto.
forzieretto
(for-zie-rèt-to) n.m. A Diminutivo di forziere. B Cassa, munita di rinforzi metallici, usata per custodire denaro ed oggetti preziosi, casseforte.
fossetto
(fos-sèt-to) n.m. A Diminutivo di fosso. B Solco naturale od artificiale, scavato nel terreno, usato per lo scolo o la distribuzione dell’acqua.

freschetto
(fre-schèt-to) 1 agg. Detto di temperatura piuttosto gradevole, non troppo fredda e non calda, giorno freschetto. 2 n.m. A Diminutivo di fresco. B Temperatura fresca, anche, le sensazione piacevole che se ne riceve.
furetto
(fu-rèt-to) n.m. Piccolo mammifero carnivoro con corpo snello, muso appuntito, zampe corte, pelame biancastro, occhi rossi. E’ una varietà albina della puzzola; addomesticato, viene impiegato per la caccia ai conigli selvatici.
aghetto
(a-ghèt-to) n.m. A Diminutivo di ago. B Cordoncino con punta di metallo o comunque rigida, che, passando in fori predisposti, allaccia scarpe, stivaletti o busti, anche stringa.
agretto
(a-grèt-to) n.m. A Sapore piuttosto agro, ma non spiacevole. B Pianta erbacea delle crocifere con foglie dal sapore asprigno.
alberetto
(al-be-rèt-to) n.m. A Diminutivo di albero. B Nei velieri, l’estremità superiore degli alberi a vele quadre.

amaretto
(a-ma-rèt-to) n.m. A Pasticcino di forma tonda e schiacciata, a base di mandorle. B Liquore di sapore simile a quello del pasticcino.
amichetto
(a-mi-chèt-to) n.m. A Diminutivo di amico. B Colui che ha sentimenti di amicizia.
archetto
(ar-chèt-to) n.m. A Diminutivo di arco. B Arma, consistente in una bacchetta flessibile che, curvata da una corda legata alle due estremità, permette di scagliare una freccia traendo all’indietro la corda e lasciandola di scatto. C Arco, per suonare alcuni strumenti a corda.
bamboccetto
(bam-boc-cèt-to) n.m. A Diminutivo di bamboccio. B Bambino grassoccio. C Uomo sciocco, goffo, immaturo, anche, irresoluto, privo di carattere. D Pupazzo, fantoccio fatto per lo più di cenci.
barocchetto
(ba-roc-chèt-to) n.m. A Stile architettonico derivante dal barocco, caratterizzato da un alleggerimento delle masse ed un arricchimento della decorazione. B Stile di mobili riecheggiante forme barocche, rococò e orientali.

berretto
(ber-rèt-to) n.m. Copricapo di varie forme, in genere senza tese.
bioccoletto
(bioc-co-lèt-to) n.m. A Diminutivo di bioccolo. B Batuffolo di lana o di cotone non ancora filato.
bitorzoletto
(bi-tor-zo-lèt-to) n.m. A Diminutivo di bitorzolo. B Piccolo rigonfiamento o protuberanza sulla pelle o su un’altra superficie.
borghetto
(bor-ghèt-to) n.m. A Diminutivo di borgo. B Gruppo di case piuttosto vasto, formatosi fuori delle vecchie mura di una città.
boschetto
(bo-schèt-to) n.m. A Diminutivo di bosco. B Tratto di terreno più o meno vasto, con alberi, generalmente di alto fusto, cresciuti spontanei misti a vegetazione arbustiva.

brodetto
(bro-dèt-to) n.m. A Diminutivo di brodo. B Zuppa di pesce, tipiche del litorale adriatico. C Salsa, a base di brodo, uova frullate e succo di limone, tipica della cucina romana, cuocere l’abbacchio in brodetto.
burchielletto
(bur-chie-lèt-to) n.m. A Diminutivo di burchiello. B Piccola barca fluviale a remi.
cancelletto
(can-cel-lèt-to) n.m. A Diminutivo di cancello. B Chiusura ad uno o due battenti costituita generalmente da barre verticali di ferro battuto o di legno unite tra loro da traverse.
cannelletto
(can-nel-lèt-to) n.m. A Diminutivo di cannello. B Pezzo di canna, tagliato tra un nodo e l’altro, e aperti da ambo i lati. C Piccolo cilindro forato, anche, tubetto.
cassetto
(cas-sèt-to) n.m. A Diminutivo di cassa. B Cassetto a base rettangolare o quadrata, munito di maniglia, che scorre su due guide entro un mobile.

cespuglietto
(ce-spu-glièt-to) n.m. A Diminutivo di cespuglio. B Insieme di rami, foglie o piccole piante nate dalla stessa radice e aggrovigliate insieme.
chiaretto
(chia-rèt-to) n.m. Vino dell’Italia settentrionale, limpido e trasparente, di colore rosso chiaro, a bassa gradazione alcolica.
ciglietto
(ci-glièt-to) n.m. A Diminutivo di ciglio. B Nel violino, nel violoncello e in strumenti simili, piccolo pezzo di ebano o di avorio, che, disposto trasversalmente, tengono sollevate le corde, per evitare che poggino sulla tastiera.
cocchetto
(coc-chèt-to) n.m. A Diminutivo di cocco. B Beniamino, prediletto di qualcuno, il cocchetto di famiglia. C Appellativo che esprimono affetto, tenerezza, anche ironico, il cocchetto di mamma.
cofanetto
(co-fa-nèt-to) n.m. A Diminutivo di cofano. B Cassettina usata per riporvi oggetti preziosi. C Custodia in materiale rigido, contenente i volumi che compongono un’opera od una collana editoriale, edizione in cofanetto.

coniglietto
(co-ni-glièt-to) n.m. A Diminutivo di coniglio. B Giovane mammifero lagomorfo, con pelame di vario colore, coda breve, orecchie lunghe, zampe posteriori lunghe e atte al salto, viene allevato per utilizzarne le carni ed il pelo.
controgambetto
(con-tro-gam-bèt-to) n.m. Nel gioco degli scacchi, sacrificio volontario iniziale di un pedone, allo scopo di ottenere una posizione successiva più vantaggiosa.
cricchetto
(crc-chèt-to) n.f.pl. Organo di arresto a scatto, che impedisce il moto inverso ad una ruota, od ad un’asta dentata, anche, nottolino.
amoretto
(a-mo-rèt-to) n.m. A Diminutivo di amore. B Amore superficiale, capriccio amoroso.
anelletto
(a-nel-lèt-to) n.m. A Diminutivo di anello. B Cerchietto di metallo che si porta al dito per ornamento o come simbolo di una condizione, di una dignità, anelletto d’oro.

bacetto
(ba-cèt-to) n.m. A Diminutivo di bacio. B Atto di amore, di affetto, di devozione o di deferenza, che si compie accostando le labbra a qualcuno.
banchetto
(ban-chèt-to) 1 n.m. A Diminutivo di banco. B Lauto pranzo, con molti convitati, di solito in onore di qualcuno o per solennizzare un avvenimento, banchetto di nozze. 2 dal v.tr. banchettare, indicativo presente. Mangiare e bere lautamente.
belletto
(bel-lèt-to) n.m. Preparato cosmetico usato dalle donne per il trucco.
calzetto
(cal-zèt-to) n.m. A Diminutivo di calza. B Indumento a maglia che riveste i piedi e parte della gamba.
carretto
(car-rèt-to) n.m. Modesto veicolo da traino a due ruote, con sponde alte, usato per il trasporto di materiale.

cavetto
(ca-vèt-to) n.m. A Diminutivo di cavo. B Piccolo cavo usato per collegamenti telefonici o negli impianti elettrici. C Piccola modanatura, che presenta una concavità a forma di quarto di cerchio, tipica dello stile dorico, e ripresa nel periodo barocco.
chierichetto
(chie-ri-chèt-to) n.m. A Diminutivo di chierico. B Ragazzo che serve la messa e, in genere, assiste il sacerdote nelle funzioni del culto.
coccetto
(coc-cèt-to) n.m. A Diminutivo di coccio. B Terracotta di poco pregio, anche, terraglia. C Ciascuno dei pezzi in cui si rompe un oggetto fragile.
coietto
(co-ièt-to) n.m. Specie di stoffa ruvida portata dai frati sulla nuda pelle a scopo di mortificazione.
colpetto
(col-pèt-to) n.m. A Diminutivo di colpo. B L’atto del colpirte. C Rumore secco e istantaneo provocato da un’esplosione, da un urto o da qualsiasi altra causa.

coretto
(co-rèt-to) n.m. A Diminutivo di coro. B Canto eseguito da più persone, anche, l’insieme delle persone che lo eseguono.
dischetto
(di-schèt-to) n.m. A Diminutivo di disco. B Nel calcio, segno circolare sul terreno di gioco, su cui si pone la palla per battere il calcio di rigore, tiro dal dischetto. C Nelle ferrovie, segnale di deviatoio.
fantoccetto
(fan-toc-cèt-to) n.m. A Diminutivo di fantoccio. B Pupazzo, di grandezza vicina al naturale, usato come giocattoli o come spaventapassero. C Nel tiro a segno, bersaglio che riproduce una sagoma umana. D Persona inetta, senza volontà.
farnetto
(far-nèt-to) n.m. Spece di quercia diffusa nell’Europa meridionale.
fischietto
(fi-schièt-to) 1 n.m. A Diminutivo di foschio. B Piccolo strumento per fischiare. C Nell’uso giornalistico sportivo, arbitro di calcio. 2 dal v.tr. fischiettare, indicativo presente. Fischiare allegramente.

fornaretto
(for-na-rèt-to) n.m. A Diminutivo di fornaio. B Colui che fa o vende il pane, anche, il proprietario di un forno.
galletto
(gal-lèt-to) n.m.pl. A Diminutivo di gallo. B Giovani galli.
gambetto
(gam-bèt-to) n.m. A Sgambetto. B Ogni parte della tomaia che fascia il collo del piede. C Nel gioco degli scacchi, mossa che consiste nel sacrificare un pedone, all'inizio della partita, per rafforzarsi nell'attacco.
alberghetto
(al-ber-ghèt-to) n.m. A Diminutivo di albergo. B Edificio attrezzato per dare alloggio, ed eventualmente vitto, a pagamento, anche, hotel.
bacinetto
(ba-ci-nèt-to) n.m. A Diminutivo di bacino. B Vaso di terra, di metallo o di altra materia, rotondo e piuttosto basso, con i bordi spesso rovesciati, usato per lavarsi o per contenere acqua.

balletto
(bal-lèt-to) n.m. A Diminutivo di ballo. B Movimento regolato del corpo e degli arti che assecondano il ritmo di una musica.
bambinetto
(bam-bi-nèt-to) n.m. A Diminutivo di bambino. B Bimbo nell’età che va dalla nascita all’inizio della fanciullezza.
barchetto
(bar-chèt-to) n.m. A Piccolo barchino per la caccia in palude. B Velieri a due alberi usati per la pesca.
bauletto
(bau-lèt-to) n.m. A Diminutivo di baule. B Borsetta a forma di piccolo baule; anche, cofanetto per gioielli. C Piccolo bagagliaio per ciclomotore.
bimbetto
(bim-bèt-to) n.m. A Diminutivo di bimbo. B Bambino.

boccoletto
(boc-co-lèt-to) n.m. A Diminutivo di boccolo. B Ricciolo pendente di capelli.
bozzoletto
(boz-zo-lèt-to) n.m. A Diminutivo di bozzolo. B Involucro di seta, costruito dalle larve di varie farfalle, in particolare dal baco da seta, come ricovero protettivo durante la metamorfosi. C Antica misura per cereali, corrispondente alla quantità di farina spettante al mugnaio per la macinatura del grano.
braccetto
(brac-cèt-to) n.m. A Diminutivo di braccio. B Andare a braccetto, andare con il braccio sotto quello di un’altra persona, anche, andare d’accordo. C Nel nuoto, tipo di nuotata in cui le braccia si portano alternativamente fuori dell’acqua, la testa non si immerge ed a ogni bracciata corrisponde una battuta di gambe.
bracchetto
(brac-chèt-to) n.m. A Diminutivo di bracco. B Piccolo e robusto cane del gruppo dei segugi, con pelo raso a tre colori, oggi è più noto col nome inglese di beagle.
branetto
(bra-nèt-to) n.m. A Diminutivo di brano. B Pezzo strappato di qualcosa. C Frammento, parte di un’opera musicale o passe di un’opera letteraria.

bruschetto
(bru-schèt-to) n.m. A Diminutivo di brusca. B Spazzola ruvida per lustrare il pelo ai cavalli.
canaletto
(ca-na-lèt-to) n.m. A Diminutivo di canale. B Corso d’acqua artificiale, costruito per l’irrigazione, la navigazione, o la bonifica di paludi.
capetto
(ca-pèt-to) n.m. A Diminutivo di capo. B Colui che, sul luogo di lavoro o in una collettività, ha un limitato potere di comando, ma lo esercita con autoritarismo.
capretto
(ca-prèt-to) n.m. A Diminutivo di capra. B Il piccolò della capra, anche, le carni o le pelli conciate di tali animali.
casseretto
(cas-se-rèt-to) n.m. A Diminutivo di cassero. B Nella nave, ponte longitudinale, sopraelevate rispetto alla coperta, nel quale sono ricavati i locali per alloggi.

cassonetto
(cas-so-nèt-to) n.m. A Diminutivo di cassone. B Ampio recipiente, munite di coperchio, per il deposito e la raccolta dei rifiuti urbani.
cencetto
(cen-cèt-to) n.m. A Pezzo di tessuto vecchio e logoro, o ritaglio di stoffa inutilizzabile. B Pezzo di tessuto per pulire, spolverare e simili.
chiodetto
(chio-dèt-to) n.m. A Diminutivo di chiodo. B Asticina di ferro, o di altro metallo, di varia lunghezza e grossezza, appuntita a un'estremità e munite dall'altra di capocchia di varia grandezza e forma.
cicchetto
(cic-chèt-to) 1 n.m. A Bicchierino di liquore, bere un cicchetto. B Rimprovero da parte di un superiore. 2 dal v.intr. cicchettare, indicativo presente. Nel gergo motoristico, dare il cicchetto a un motore.
contafiletto
(con-ta-fi-lèt-to) n.m. Strumento per la determinazione del passo di una filettatura.

controfiletto
(con-tro-fi-lèt-to) n.m. A Taglio pregiato di carne bovina, posto tra il filetto e il girello. B Filetto o fregio filiforme, che viene aggiunto, parallelamente ad un altro, nei galloni e nei berretti delle divise.
corpetto
(cor-pèt-to) n.m. A Camiciola per neonato o bimbo molto piccolo. B Nell’abbigliamento maschile, panciotto; in quello femminile, corpino.
cortiletto
(cor-ti-lèt-to) n.m. A Diminutivo di cortile. B Area scoperta compresa in un edificio o delimitata da più edifici, sulle quali si affacciano gli ambienti interni di essi. C Spazio libero attiguo alla casa colonica.
corvetto
(cor-vèt-to) n.m. A Diminutivo di corvo. B Piccolo di corvo, uccello dal corpo massiccio, piumaggio nero e lucido con riflessi violacei e grosso becco forte e convesso.
cuccioletto
(cuc-cio-lèt-to) n.m. A Diminutivo di cucciolo. B Cane nato da poco, per estensione, il piccolo di qualsiasi altro quadrupede. 2 Bambino, figlioletto, giovanetto.

dialoghetto
(dia-lo-ghèt-to)) n.m. A Diminutivo di dialogo. B Scambio di frasi, discorso che si svolge tra due o più persone, anche, colloquio, conversazione.
alloggetto
(al-log-gèt-to) n.m. A Diminutivo di alloggio B Luogo dove si alloggia, dove si dimora, anche, abitazione.
angioletto
(an-gio-lèt-to) n.m. A Diminutivo di angiolo. B Essere soprannaturale, in figura corporea alata, di giovanile bellezza, messaggero di Dio presso gli uomini.
angoletto
(an-go-lèt-to) n.m. A Diminutivo di angolo. B La parte di piano compresa tra due semirette, lati, uscenti da uno stesso punto.
articoletto
(ar-ti-co-lèt-to) n.m. A Diminutivo di articolo. B Scritto, di vario argomento, per un giornale o una rivista.

aspetto
(a-spèt-to) 1 n.m. Sembianza esteriore, ciò che di qualcuno o di qualcosa appare alla vista, uomo di bello o di brutto aspetto. 2 dal v.tr. aspettare, indicativo presente. Stare in attesa di qualcuno o di qualcosa.
augelletto
(au-gel-lèt-to) n.m. A Diminutivo di augello. B Poetico, uccello.
barattoletto
(ba-rat-to-lèt-to) n.m. A Diminutivo di barattolo. B Piccolo contenitoro di vetro, di latta o altro materiale, di forma per lo più cilindrica, chiudibile con un tappo o un coperchio, usato per conservare prodotti di genere alimentare.
baschetto
(ba-schèt-to) n.m. A Diminutivo di basco. B Copricapo di panno, tondo e floscio, senza visiera né falde, che si portano inclinati.
bassetto
(bas-sèt-to) n.m.pl. Nome generico di vari strumenti ad arco, specialmente antichi, intermedi tra il violoncello e il contrabbasso.

bisognetto
(bi-so-gnèt-to) n.m. A Diminutivo di bisogno. B Necessità di qualcosa di cui ci si sente privi. C Senso di privazione che porta a desiderare qualcosa.
blocchetto
(bloc-chèt-to) n.m. A Diminutivo di blocco. B Piccolo taccuino con fogli staccabili. C Insieme di biglietti o tagliandi ancora uniti alla loro matrice.
boccaletto
(boc-ca-lèt-to) n.m. A Diminutivo di boccale. B Recipiente di vario materiale, panciuto, con manico e beccuccio, usato per mescere.
bonetto
(bo-nèt-to) n.m. Antico berretto militare con visiera.
borsetto
(bor-sèt-to) n.m. Lo stesso che borsello, borsa per uomo con funzione analoga a quella delle borsette femminili, spesso con lungo cinturino che permette di appenderla alla spalla.

brevetto
(bre-vèt-to) n.m. A Dichiarazione, di un pubblico ufficio, che attesta la paternità di un’invenzione e ne determina, entro certi limiti di tempo, l’esclusività di sfruttamento economico. B Patente di abilitazione all’esercizio di determinate funzioni, specialmente in ambito aeronautico o navale, brevetto di pilota, di macchinista, ecc.
bronzetto
(bron-zèt-to) n.m. A Diminutivo di bronzo. B Piccola scultura in bronzo.
colletto
(col-lèt-to) n.m. A La parte del vestito o della camicia che sta attorno al collo, colletto alto, inamidato, alla marinara. B Parte della pianta tra il fusto e la radice.
coltelletto
(col-tel-lèt-to) n.m. A Diminutivo di coltello. B Arnese, costituito da una lama d’acciaio affilata, da un unico lato, e fissata in un manico.
coperchietto
(co-per-chièt-to) n.m. A Diminutivo di coperchio. B Arnese che serve per coprire recipienti e contenitori in genere.

cordonetto
(cor-do-nèt-to) n.m. A Diminutivo di cordone. B Corda sottile, di cotone o seta, usata per guarnizioni e lavori di tappezzeria. C Sistema difensivo lungo una linea di confine, anche, barriera formata da più persone affiancate che sbarra un passaggio.
cuginetto
(cu-gi-nèt-to) n.m. A Diminutivo di cugino. B Figlio dello zio o della zia.
discorsetto
(di-scor-sèt-to) n.m. A Diminutivo di discorso. B Breve discorso.
duretto
(du-rèt-to) 1 agg. A Diminutivo di duro. B Che si intacca o si scalfisce difficilmente, anche, che resiste alla pressione, che non cede. 2 n.m. Persona dal carattere forte, severo, energico.
elmetto
(el-mèt-to) n.m. A Diminutivo di elmo. B Copricapo protettivo di acciaio o di altro materiale resistente, usato dai soldati, dai minatori, ecc. C Mollusco marino, con sottile conchiglia panciuta che ricorda la forma dell’elmetto.

falchetto
(fal-chèt-to) n.m. A Diminutivo di falco. B Uccello rapace diurno, con becco corto ricurvo, unghie adunche, ali lunghe e strette. C Persona di temperamento vivace, coraggioso, aggressivo, o d’intelligenza lucida e pronta, anche, persona avida e rapace.
fiocchetto
(fioc-chèt-to) n.m. A Diminutivo di fiocco. B Pastina, a forma di piccolo fiocco, da cucinare in brodo.
giardinetto
(gi-ar-di-nèt-to) n.m. A Diminutivo di giardino. B Porzione di terreno, nel quale si coltiva fiori e piante ornamentali, anche, parte di terreno, diviso in aiuole geometricamente ordinate.
gomitoletto
(go-mi-to-lèt-to) n.m. A Diminutivo di gomitolo. B Filo o spago avvolto su sé stesso in modo da formare una palla.
granchietto
(gran-chièt-to) n.m. A Diminutivo di granchio. B Nome generico di varie specie di crostacei decapodi, generalmente commestibili, con corazza pentagonale piatta di colore grigio-verdastro, zampe acuminate e potenti chele.

grumetto
(gru-mèt-to) n.m. A Diminutivo di grumo. B Piccolo coagulo di sangue o di altri liquidi organici.
gruzzoletto
(gruz-zo-lèt-to) n.m. A Diminutivo di gruzzolo. B Mucchietto di monete, somma di denaro accumulata a poco a poco.
idrogetto
(i-dro-gèt-to) n.m. Propulsore a reazione che genera una spinta in avanti del natante utilizzando l’espulsione ad alta velocità di un getto d’acqua a poppa.
imbroglietto
(im-bro-glièt-to) n.m. A Diminutivo di imbroglio. B Espediente inteso a trarre in inganno, a modificare illecitamente la situazione a proprio vantaggio.
lucchetto
(luc-chèt-to) n.m. Serratura metallica mobile, in cui l’elemento di chiusura è una barretta d’acciaio, diritta o piegata a U, articolata al corpo centrale che reca il dispositivo di blocco.

lupetto
(lu-pèt-to) n.m. A Diminutivo di lupo. B Cucciolo di lupo o di cane lupo.
marmocchietto
(mar-moc-chièt-to) n.m. A Diminutivo di marmocchio. B Bambino.
moccoletto
(moc-co-lèt-to) n.m. A Diminutivo di moccolo. B Candela, anche, mozzicone di candela.
mucchietto
(muc-chièt-to) n.m. A Diminutivo di mucchio. B Piccola quantità di cose ammassate, cumulo, un mucchietto di stracci.
mulinetto
(mu-li-nèt-to) o molinetto, n.m. A Diminutivo di mulino o molino. B Edificio in cui si esegue la macinatura del grano e di altri cereali, anche, la macchina che effettua tale operazione, mulinetto ad acqua.

noduletto
(no-du-lèt-to) n.m. Diminutivo di modulo; anche, nodulo di picolissime dimensioni.
orcioletto
(or-cio-lèt-to) n.m. A Diminutivo di orciolo. B Vaso di creta a collo stretto che si colloca sul fondo marino per la pesca dei polpi.
paggetto
(pag-gèt-to) n.m. A Diminutivo di paggio. B Giovinetto nobile, che serviva nelle corti e poteva essere avviato alla vita cavalleresca. B Bambino che sorregge lo strascico dell’abito di una sposa.
pallonetto
(pal-lo-nèt-to) n.m. A Diminutivo di pallone. B Nei giochi con la palla, tiro effettuato in modo da imprimere alla palla una traiettoria molto alta da scavalcare l’avversario.
pennacchietto
(pen-nac-chièt-to) n.m. A Diminutivo di pennacchio. B Ciuffo di penne, usato per ornare cappelli militari, acconciature femminili ecc.

permalosetto
(per-ma-lo-sèt-to) 1 agg. Che si offende, si adira, s'impermalisce per futili motivi. 2 n.m. A Diminutivo di permaloso. B Colui che si offende, si adira, s'impermalisce per futili motivi.
petto
(pèt-to) n.m. A La parte anteriore del tronco umano, compresa tra il collo e l’addome. B Le mammelle della donna, il seno.
piattelletto
(piat-tel-lèt-to) n.m. A Diminutivo di piattello. B Piccolo disco a forma di piatto.
pioletto
(pi-o-lèt-to) n.m. A Diminutivo di piolo. B Bastoncino cilindrico, generalmente di legno, con almeno una estremità incastrata nel terreno o in una parete o in un altro tipo di supporto, usato come elemento di sostegno, di appoggio e simili.
plichetto
(pli-chèt-to) n.m. A Diminutivo di plico. B Gruppo di carte scritte, piegate e sigillate.

poemetto
(po-e-mèt-to) n.m. A Diminutivo di poema. B Componimento in versi, per tono e contenuto simile al poema, ma molto più breve, ed a volte, brevissimo.
prefetto
(pre-fèt-to) n.m. Funzionario, dipendente dal ministero dell’interno, che rappresenta il governo nell’ambito di una provincia.
prospetto
(pro-spèt-to) 1 n.m. A Vista di ciò che sta di fronte; anche, la cosa od il luogo visto di fronte. B In geometria, rappresentazione grafica, in proiezione ortogonale, della superficie esterna di una struttura. Fare il prospetto di un edificio. C Tabella, quadro, descrizione sintetica di una situazione, tale che a colpo d’occhio, se ne comprenda la portata. 2 dal v.tr. prospettare, indicativo presente. Essere volto verso un luogo. Il balcone prospetta la vallata.
confetto
(con-fèt-to) n.m. A Dolce, costituito da una mandorla, una nocciola od un pistacchio, rivestiti di zucchero cotto, che si offre tradizionalmente in occasione di battesimi, prime comunioni e matrimoni. B Preparato medicinale da ingoiare intero, di forma tondeggiante, con un rivestimento cheratinizzato dolce.
controsoggetto
(con-tro-sog-gèt-to) n.m. Melodia che, nella fuga, è scritta in contrappunto come accompagnamento del soggetto.

cospetto
(co-spèt-to) n.m. Presenza, vista; oggi usato esclusivamente nella locuzione. Al cospetto di, dinanzi a ... ; alla presenza di ... .
cretinetto
(cre-ti-nèt-to) n.m. Tipo di sempliciotto che combina sciocchezze di tutti i generi.
cretto
(crèt-to) n.m. Crepe, fenditure, un muro pieno di cretti, anche, screpolature della pelle.
doloretto
(do-lo-rèt-to) n.m. A Diminutivo di dolore. B Sensazione di leggera sofferenza fisica, doloretto lieve.
duetto
(duèt-to) n.m. 1 A Diminutivo di duo. B Composizione vocale o strumentale a due parti. C Coppia di persone bene assortite. 2 dal v.intr. duettare, indicativo presente. Esibirsi, cantare in un duetto.

fagioletto
(fa-gio-lèt-to) n.m. A Diminutivo di fagiolo. B Il piccolo seme della pianta del fagiolo.
fazzoletto
(faz-zo-lèt-to) n.m. Quadrato di tessuto, usato per soffiarsi il naso, asciugare il sudore ecc.
fermaglietto
(fer-ma-glièt-to) n.m. A Diminutivo di fermaglio. B Congegno, in forma di fibbia, spilla, gancio e simili, che serve a tenere uniti oggetti diversi, parti staccate dello stesso oggetto, ciocche di capelli e simili.
filetto
(fi-lèt-to) 1 n.m. A Strisciolina di stoffa o cordoncino, usato per ornare o fregiare abiti, copricapi, drappi, tessuti ecc. B Sporgenza elicoidale dalla superficie esterna della vite e da quella interna della madrevite. C In macelleria, taglio di carne tenera situata sotto i lombi. 2 dal v.tr. filettare, indicativo presente. A Ornare, decorare con filetti, cordoncini o simili. B Munire di filetto, filettare un ferro tondo od un foro, creare una vite od una madrevite.
foruncoletto
(fo-run-co-lèt-to) n.m. A Diminutivo di foruncolo. B Infiammazione a carattere purulento di follicoli piliferi o sebacei.

frocetto
(fro-cèt-to) n.m.pl. A Diminutivo di frocio. B Omosessuale maschile, checca.
fumetto
(fu-mèt-to) n.m. A Racconto, formato da una serie di disegni con brevi testi di raccordo e dialoghi, quasi sempre inscritti in nuvolette che escono dalla bocca dei personaggi. B Le nuvolette stesse che contengono le battute di dialogo.
furbetto
(fur-bèt-to) 1 agg. Assai abile nell'agire per il proprio vantaggio, destreggiandosi tra le difficoltà, sfuggendo ai pericoli, avvocato furbetto. 2 n.m. A Diminutivo di furbo. B Persona furba, fare il furbetto.
fuscelletto
(fu-scel-lèt-to) n.m. A Diminutivo di fuscello. B Rametto sottile di legna secca.
genietto
(ge-nièt-to) n.m. A Diminutivo di genio. B Per gli antichi, lo spirito buono o cattivo che guida gli uomini nella loro vita, o protegge una città, una terra, un popolo. Oggi, essere immaginario, o persona reale, alla quale si attribuisce la capacità di influenzare alcuni eventi della vita.

gessetto
(ges-sèt-to) n.m. A Diminutivo di gesso. B Bastoncino di gesso per scrivere sulla lavagna. C Pezzetto di steatite usato dai sarti per tracciare linee sulla stoffa.
giglietto
(gi-glièt-to) n.m. A Diminutivo di giglio. B Pianta erbacea bulbosa ornamentale, con fiori bianchi profumati e foglie lanceolate. C Il fiore di tale pianta.
giovanetto
(gio-va-nèt-to) o giovinetto, n.m. A Diminutivo di giovane. B Colui che è nella prima giovinezza, anche, adolescente.
guazzetto
(guaz-zèt-to) n.m. A Diminutivo di guazzo. B Soprattutto nella locuzione in guazzetto, modo di cuocere la carne od il pesce, con abbondante sugo brodoso, coniglio, baccalà in guazzetto.
laghetto
(la-ghèt-to) n.m. A Diminutivo di lago. B Depressione del suolo occupata da acqua, per lo più, dolce, non in diretta comunicazione col mare.

lavoretto
(la-vo-rèt-to) n.m. A Diminutivo di lavoro. B Impiego di energia, volto ad uno scopo determinato. C Occupazione retribuita, esercitare provvisoriamente un mestiere, una professione, un’arte.
manualetto
(ma-nua-lèt-to) n.m. A Diminutivo di manuale. B Libretto, di formato agevole e di facile consultazione, contenente la trattazione compiuta, esauriente e sistematica di un determinato argomento.
martelletto
(mar-tel-lèt-to) n.m. A Diminutivo di martello. B Attrezzo che serve per battere colpi direttamente su un materiale o su un utensile.
motivetto
(mo-ti-vèt-to) n.m. A Diminutivo di motivo. B Ciò per cui si fa, o non si fa, qualcosa, anche causa, ragione. C Spunto melodico riconoscibile nella trama di un pezzo musicale.
mottetto
(mot-tèt-to) n.m. Componimento poetico, costituito da pochi versi in rima, per lo più di carattere popolare e di tono arguto.

mughetto
(mu-ghèt-to) n.m. A Pianta erbacea, con fiorellini bianchi profumati raccolti in grappolo. B Malattia della mucosa della bocca, dovuta ad un fungo, che si manifesta con chiazze biancastre.
muletto
(mu-lèt-to) n.m. A Diminutivo di mulo. B Nel gergo delle corse automobilistiche, automobile di riserva da usare in caso di indisponibilità di quella ufficialmente iscritta. C Carrello elevatore.
muretto
(mu-rèt-to) n.m. Muro di cinta, costruito in mattoni od in cemento, di pochi decimetri di altezza, sopra il quale, in genere, viene fissato un parapetto metallico a completamento della recinzione.
nonnetto
(non-nèt-to) n.m. A Diminutivo di nonno. B Il padre del propio padre o della propria madre, anche, uomo molto vecchio.
opuscoletto
(o-pu-sco-lèt-to) n.m. A Diminutivo di opuscolo. B Libretto di poche pagine, per lo più di carattere divulgativo o pubblicitario.

orecchietto
(o-rec-chièt-to) n.m. A Diminutivo di orecchio. B Organo dell’udito, che nell’uomo e negli animali superiori è duplice.
orletto
(or-lèt-to) n.m. A Diminutivo di orlo. B L’estremo lembo di un tessuto, ripiegato e cucito od altrimenti lavorati perché non si sfili.
paesetto
(pa-e-sèt-to) n.m. A Diminutivo di paese. B Piccolo territorio, che si presenta omogeneo sotto un determinato aspetto, quale: paesetto montuoso, boscoso, pianeggiante, oppure, paesetto popoloso, disabitato e simili.
dolcetto
(dol-cèt-to) n.m. A Diminutivo di dolce. B Vitigno piemontese, coltivato specialmente nelle Langhe, che dà un’uva molto dolce. C Vino rosso, asciutto, ottenuto da tale vitigno.
faciletto
(fa-ci-lèt-to) n.m. A Diminutivo di facile. B Che si può fare senza difficoltà, agevole, comodo.

fanaletto
(fa-na-lèt-to) n.m. A Diminutivo di fanale. B Apparecchio costituito, da una sorgente luminosa racchiusa in un involucro trasparente, serve per illuminazione o segnalazione.
farsetto
(far-sèt-to) n.m. Giubbotto, con o senza maniche, che si portava un tempo sopra la camicia, era indumento popolare e sopravvive oggi nei costumi regionali.
fascetto
(fa-scèt-to) n.m. A Diminutivo di fascio. B Quantità di oggetti di forma lunga e sottile, raccolti e legati insieme in modo da poter essere trasportati con facilità.
figlioletto
(fi-glio-lèt-to) n.m. A Diminutivo di figliolo. B Piccolo figlio, ma con significato più affettuoso e familiare.
finocchietto
(fi-noc-chièt-to) n.m. A Diminutivo di finocchio. B Pianta erbacea, con foglie basali dal picciolo largo, bianco e carnoso che viene consumata come ortaggio, si coltiva negli orti per consumarne i fusti ingrossati.

fioretto
(fio-rèt-to) n.m. A Diminutivo di fiore. B Opera buona o piccolo sacrificio compiuto in segno di devozione.
foglietto
(fo-glièt-to) n.m. A Diminutivo di foglio B Piccolo pezzo di carta rettangolare, le cui dimensioni variano a seconda degli usi cui è destinato.
funghetto
(fun-ghèt-to) n.m. A Diminutivo di fungo. B Vegetale inferiore, privo di clorofilla, e perciò obbligato a vita parassitaria o saprofitica, costituito da cellule disposte lungo filamenti detti ife.
gambaletto
(gam-ba-lèt-to) n.m. A Diminutivo di gambale. B La parte dello stivale che ricopre la gamba.
ghetto
(ghèt-to) n.m. Quartiere della città in cui un tempo era confinata la comunità ebraica. l'antico ghetto di Venezia.

giretto
(gi-rèt-to) n.m. A Diminutivo di giro. B Breve viaggio, passeggiatina, fare un giretto in bicicletta.
gobbetto
(gob-bèt-to) n.m. A Diminutivo di gobbo. B Deformazione della colonna vertebrale che produce una protuberanza anteriore o posteriore, detta anche gibbo. B Protuberanza sulla schiena del cammello e del dromedario costituita da tessuto connettivo e da masse di grasso.
goccetto
(goc-cèt-to) n.m. A Diminutivo di goccio. B Piccola porzione di liquido, un goccetto di vino.
gonfietto
(gon-fièt-to) n.m. Arnese per gonfiare palloni, camere d’aria e simili.
interdetto
(in-ter-dèt-to) 1 agg. Nei significati del v.tr. interdire 2 n.m. Colui che è stato colpito dalla pena accessoria dell’interdizione dai pubblici uffici. 3 dal v.tr. interdirere, participio passato. Proibire, vietare in forza di un’autorità.

lenzuoletto
(len-zuo-lèt-to) n.m. A Diminutivo di lenzuolo. B Ciascuno dei due teli, per lo più bianchi, che si stendono sul letto e fra i quali si giace.
maghetto
(ma-ghèt-to) n.m. A Diminutivo di mago. B Colui che esercita la magia, in particolare, personaggio fantastico della tradizione letteraria medievale, che sopravvive oggi, solo nella letteratura infantile, il mago Merlino. C Artista di varietà o di circo, che esegue esperimenti di illusionismo o giochi di destrezza; anche prestidigitatore.
maglietto
(ma-glièt-to) n.m. A Diminutivo di maglio. B Macchina per foggiare pezzi metallici, costituita essenzialmente da una pesante mazza d'acciaio sollevata meccanicamente e fatta ricadere sul pezzo da foggiare.
maialetto
(ma-ia-lèt-to) n.m.pl. A Diminutivo di maiale. B Piccolo mammiferi domestico onnivoro, con corpo grosso e tozzo, rivestito di scarse setole. muso allungato terminante nel grugno e coda a ricciolo, vengono allevati per lo sfruttamento della carne.
maledetto
(ma-le-dèt-to) 1 agg. Colpito da maledizione, che ha in sé la maledizione e quindi apporta sciagure, anima maledetta, giorno maledetto. 2 n.m. A Colui che porta su di sé una maledizione, maledetto dell’inferno. B Persona verso la quale si nutre rancore, odio, se nè andato quel maledetto? C Poeta maledetta.

mammoletto
(mam-mo-lèt-to) n.m. A Diminutivo di mammolo. B Giovane bambino, ragazzo; anche, modesto, sempliciotto e timido.
micetto
(mi-cèt-to) n.m. A Diminutivo di micio. B Gattino domestico.
modelletto
(mo-del-lèt-to) n.m. A Diminutivo di modello. B Oggetto, generalmente in scala ridotta, utilizzato come esemplare da costruire e riprodurre in scala reale.
molinetto
(mo-li-nèt-to) o mulinetto, n.m. A Diminutivo di molino o mulino. B Edificio in cui si esegue le macinatura del grano e di altri cereali, anche, la macchina che effettua tale operazione, mulinetto ad acqua.
neretto
(ne-rèt-to) n.m. A Diminutivo di nero. B Carattere tipografico ad asta grossa, usato per titoli o parti del testo cui si vuol dare evidenza. C Nel giornale, breve articolo o inserzione pubblica in neretto perché richiami l’attenzione dei lettori.

noiosetto
(no-io-sèt-to) n.m. A Diminutivo di noioso. B Che dà un po’ di noia, uggiosetto, monotono, anche, fastidiosetto, un vento un tantino noiosetto, un noiosetto mal di testa.
panieretto
(pa-nie-rèt-to) n.m. A Diminutivo di paniere. B Piccolo paniere di vimini bassi e larghi, con due manici, il panieretto del pane.
passetto
(pas-sèt-to) n.m. A Diminutivo di passo. B Piccolo passo. C Misura di lunghezza usata anticamente in Italia.
pasticcetto
(pa-stic-cèt-to) n.m. A Diminutivo di pasticcio. B Pietanza composta di vari ingredienti, per lo più avvolti da una sfoglia di pasta e cotti al forno, pasticcetto di maccheroni. C Lavoro disordinato, male eseguito.
pezzetto
(pez-zèt-to) n.m. A Diminutivo di pezzo. B Piccola quantità indeterminata di materiale solido, un pezzetto di legno.

picchetto
(pic-chèt-to) 1 n.m. A Paletto di legno o metallo, che viene conficcato nel terreno come segnale di qualcosa, per fissare una tenda ecc. B Gruppo di militari incaricati di servizi d’ordine o d’onore. C Gruppo di lavoratori in sciopero che fanno un picchettaggio. 2 dal v.tr. picchettare, indicativo presente. Segnare un tracciato sul terreno mediante l’infissione di picchetti.
pizzetto
(piz-zèt-to) n.m. A Diminutivo di pizzo. B Parte estrema ed appuntita di qualcosa. C Forma di barba tagliata a punta che ricopre il solo mento.
gamberetto
(gam-be-rèt-to) n.m. A Diminutivo di gambero. B Crostaceo marino o fluviale, commestibile, dal corpo allungato, difeso da un robusto tegumento, con due chele anteriori e addome arrotondato a ventaglio posteriormente, bruno da vivo, diventa rosso con la cottura.
giochetto
(gio-chèt-to) o giuochetto, n.m. A Diminutivo di gioco. B Gioco molto semplice e breve. C Lavoro, compito di poco impegno. D Inganno, tranello, non mi aspettavo da lui questo giochetto.
golosetto
(go-lo-sèt-to) 1 agg. A Diminutivo di goloso. B Che ha il vizio della gola, golosetto di dolci, anche, desideroso, bramoso. 2 n.m. Uomo goloso.

grappoletto
(grap-po-lèt-to) n.m. A Diminutivo di grappolo. B Tipo di infiorescenza e di infruttescenza, costituita da un asse centrale a cui sono attaccati, con piccoli peduncoli, fiori o frutti.
grassetto
(gras-sèt-to) n.m. A Diminutivo di grasso. B Piccola quantità di tessuto adiposo dell'uomo o dell'animale.
grechetto
(gre-chèt-to) n.m. A Marmo a grana fine, originario della Grecia. B Vitigno dai quali si ottiene vino bianco dolce.
grossetto
(gros-sèt-to) n.m. A Diminutivo di grosso. B Che è leggermente più grosso dall'ordinario, per estensione, peso, volume, massa, dei grossetti chicchi di grandine.
legnetto
(le-gnèt-to) n.m. A Diminutivo di legno. B La parte dura del tronco, dei rami e delle radici dell’albero, che sostiene la chioma e assicura il passaggio della linfa agli organi vitali della pianta.

libretto
(li-brèt-to) n.m. A Diminutivo di libro. B Insieme di fogli, stampati o manoscritti, cuciti insieme secondo un dato ordine e racchiusi da una copertina, anche, piccoli testi.
magretto
(ma-grèt-to) 1 agg. Che ha scarso tessuto adiposo, secco, sottile, giovane magretto. 2 n.m. A Diminutivo di magro. B Parte magra della carne macellata.
manichetto
(ma-ni-chèt-to) n.m. A Diminutivo di manico. B Gesto di ingiuria, eseguito ripiegando in alto l’avvambraccio destro, tenendo la mano stesa o chiusa a pugno, e battendo con la mano sinistra, all’altezza del gomito destro, fare il manichetto contro qualcuno.
nervetto
(ner-vèt-to) n.m. A Diminutivo di nervo. B Piccolo fascio di fibre, avvolto da una guaina, che ha origine dai centri del cervello o dal midollo spinale, ed arriva fino alle zona periferica dell’organismo.
paglietto
(pa-glièt-to) n.m. Stuoia grossolana, confezionata con cordame, che si utilizza per la sua robustezza come tappeti, parabordi, turafalle ecc.

paietto
(pa-lèt-to) n.m. A Diminutivo di palo. B Piccolo palo metallico o di legno, che si conficca nel terreno, per fissarvi qualcosa, anche, picchetto.
parrocchetto
(par-roc-chèt-to) n.m. A Grande vela quadra, intermedia dell'albero di trinchetto. B Pennone dell'albero che sorregge tale vela.
pennelletto
(pen-nel-lèt-to) n.m. A Diminutivo di pennello. B Piccolo attrezzo, costituito da un mazzetto di peli naturali o di fibre sintetiche, fissati all’estremità di un supporto di legno, per lo più adoperato per dipingere.
pesetto
(pe-sèt-to) n.m. A Diminutivo di peso. B Piccola forza che un piccolo corpo esercita sui loro sostegni per effetto della gravità terrestre.
piselletto
(pi-sel-lèt-to) n.m. A Diminutivo di pisello. B Piccolo pisello novello.

poderetto
(po-de-rèt-to) n.m. A Diminutivo di podere. B Fondo rustico coltivato, di solito formato di più campi e con annessa casa colonica, così da costituire una piccola unità produttiva agricola.
portabiglietto
(por-ta-bi-glièt-to) n.m. Tipo di portafoglio per la custodia di carte di credito e biglietti da visita.
prediletto
(pre-di-lèt-to) 1 agg. Che è amato più di tutti gli altri, o preferito a tutti gli altri, figlio prediletto. 2 n.m. Colui che è amato più di tutti gli altri, o preferito a tutti gli altri.
puntaletto
(pun-ta-lèt-to) n.m. A Diminutivo di puntale. B Piccolo elemento, specialmente di metallo, che si mette alla punta, all'estremità di certi oggetti per protezione.
regoletto
(re-go-lèt-to) n.m. A Diminutivo di regolo. B Asta di legno od altro materiale rigido, a sezione quadrata o rettangolare, usata per tirare linee rette o controllare la planarità di una superficie. B Regoletto calcolatore, piccolo strumento, ormai disusato, composto di due scale numerate, logaritmiche, scorrevoli l’una sull’altra, impiegato per eseguire rapidamente certe classi di calcoli matematici.

rossetto
(ros-sèt-to) n.m. A Diminutivo di rosso. B Sostanza che colora di rosso. In cosmesi, pasta, matita o bastoncino usati per ravvivare i colori delle labbra e delle guance. C Piccolo pesce di mare, che vive in grandissimi branchi.
rotoletto
(ro-to-lèt-to) n.m. A Diminutivo di rotolo. B Involto di forma cilindrica, portare un rotoletto sotto il braccio. C Il materiale, le cose stesse che sono arrotolate.
scalpelletto
(scal-pel-lèt-to) n.m. A Diminutivo di scalpello. B Piccolo utensile d’acciaio, con un’estremità affilata, usato per lavorare il legno, la pietra od il metallo.
scarafaggetto
(sca-ra-fag-gèt-to) n.m. A Diminutivo di scarafaggio. B Nome con cui è comunemente nota la piccola blatta.
smorfiosetto
(smor-fio-sèt-to) 1 agg. Che ha l’abitudine di fare smorfie, moine, fare lo smorfiosetto. 2 n.m. A Diminutivo di smorfioso. B Colui che ha l’abitudine di fare smorfie.

socioletto
(so-cio-lèt-to) n.m. Varietà di dialetti, propria di una determinata classe sociale all’interno delle comunità che usano tale dialetto.
spicchietto
(spic-chièt-to) n.m. A Diminutivo di spicchio. B Ciascuna delle parti, rivestite da una sottile pellicola, in cui è suddiviso internamente il frutto degli agrumi e dell’aglio, anche, ciascuna delle parti di forma simile alle precedenti, in cui si possono tagliare altri frutti, dammi uno spicchietto di mela.
stecchetto
(stec-chèt-to) n.m. A Diminutivo di stecco. B Nella locuzione avverbiale, a stecchetto, essere a corto di mezzi, di denaro, di cibo, stare, tenere a stecchetto.
stivaletto
(sti-va-lèt-to) n.m. A Diminutivo di stivale. B Scarpa da uomo, da donna o da bambino, con o senza tacco, che arriva sino al collo del piede. C Stivaletto cinese, antico strumento di tortura a forma di scarpa che, fatta calzare, veniva progressivamente stretta e con essa il piede dei torturato.
stralletto
(stral-lèt-to) n.m. A Diminutivo di strallo. B Cavetto, di spessore minore di quello degli stralli, usato per sostenere la parte superiore dell’albero della nave.

culetto
(cu-lèt-to) n.m. Diminutivo di culo; anche, culo di un bambino molto, molto piccolo.
dispetto
(di-spèt-to) n.m. Atto compiuto per dare dispiacere o noia a qualcuno, od anche, per ostentare un certo disprezzo della volontà altrui.
dizionarietto
(di-zio-na-rièt-to) n.m. A Diminutivo di dizionario. B Libro nel quale sono raccolte e spiegate, di solito in ordine alfabetico, le parole e le locuzioni di una lingua, nel loro complesso o, limitatamente a determinati periodi, aspetti, settori.
ferretto
(fer-rèt-to) n.m. A Diminutivo di ferro. B Il ferretto per lavorare la lana a mano. C Terreno acido, giallo-rossastro, tipico delle zone moreniche del Piemonte e della Lombardia, caratterizzato dalla presenza di composti del ferro.
fianchetto
(fian-chèt-to) n.m. Nel gioco degli scacchi, mossa di apertura per cui il pedone che precede il cavallo avanza di una casa e al suo posto subentra l'alfiere corrispondente.

forchetto
(for-chèt-to) n.m. Asta munita di due denti, usata soprattutto nei negozi per afferrare, attaccare o staccare oggetti appesi o collocati in alto.
garretto
(gar-rèt-to) o garetto, n.m. A Parti degli arti posteriori dei quadrupedi, specialmente dei cavalli e dei buoi, corrispondenti all’articolazione fra la gamba e il metatarso. B Negli uomini, le parti della gamba, immediatamente sopra i calcagni.
ginnetto
(gin-nèt-to) n.m. Agile cavallo di razza spagnola, di piccola taglia, anche, cavallo da corsa.
granelletto
(gra-nel-lèt-to) n.m. A Diminutivo di granello. B Chicchi del grano e di altri cereali. C Piccolo seme di vari frutti. D Cosa molto piccola e tondeggiante.
guancialetto
(guan-cia-lèt-to) n.m. A Diminutivo di guanciale. B Piccolo cuscino, specialmente quello, sul quale appoggiano il capo i bimbi, stando nei loro lettino, dormire tra due guancialetti. C Lardo, con venatura di magro che si ottiene salando una parte del maiale tra la guancia ed il collo.

insetto
(in-sèt-to) n.m. A Ogni artropode appartenente alla classe degli insetti. B Nome che viene dato generalmente ai parassiti domestici.
lazzaretto
(laz-za-rèt-to) o lazzeretto, n.m. Ospedale, dove un tempo veniva ricoverata, in isolamento, la persona affetta da malattia contagiosa.
letto
(lèt-to) n.m. Mobile adatto a sostenere materassi, su cui si stendono lenzuola e coperte, per potervi riposare e dormire.
mandarinetto
(man-da-ri-nèt-to) n.m. A Diminutivo di mandarino. B Albero che produce un frutto simile all’arancia, ma più piccolo e dal sapore più dolce, anche i frutti di tale albero.
mantelletto
(man-tel-lèt-to) n.m. A Diminutivo di mantello. B Indumento maschile e/o femminile, ampio, più o meno lungo, da portare sul vestito, aperto davanti e senza maniche, che si aggancia al collo e ricade drappeggiato.

merletto
(mer-lèt-to) n.m. Guarnizione a piccole punte e generalmente a disegni traforati, fatta con filati diversi, anche, tessuti leggeri e trasparenti, costituita da una trama di fili variamente intrecciati a formare motivi decorativi, i merletti di Burano.
mesetto
(me-sèt-to) n.m. A Diminutivo di mese. B Un mese scarso, un mese circa, starò via un mesetto.
minuetto
(mi-nuèt-to) n.m. Antica danza francese, di andamento moderato in tempo di ¾; di origine popolare, furono introdotte nel XVII° secolo alla corte di Luigi XIV°. e passarono quindi nella musica strumentale, come parti della suite, della sinfonia e della sonata, divenendo più mosse e vivaci.
monachetto
(mo-na-chèt-to) n.m. A Diminutivo di monaco. B Nel cattolicesimo, membro di un ordine monastico o religioso che ha pronunciato i voti solenni di povertà, castità e obbedienza. C Elemento verticale che si pongono al centro delle capriate.
morsetto
(mor-sèt-to) n.m. A Diminutivo di morsa. B Piccolo attrezzo fissato al banco da lavoro od alla piattaforma di una macchina utensile, per bloccare i pezzi da lavorare.

neoeletto
(ne-o-e-lèt-to) 1 agg. Che è stato eletto da poco ad una carica pubblica, l’assessore neoeletto, le neoelette alla camera. 2 n.m. Colui che è stato eletto da poco ad una carica pubblica.
ninnoletto
(nin-no-lèt-to) n.m. A Diminutivo di ninnolo. B Giocattolo, trastullo per bambini molto piccoli. C Piccolo oggetto ornamentale, anche, gingillo.
nodetto
(no-dèt-to) n.m. A Diminutivo di nodo. B Piccolo nodo.
nonetto
(no-nèt-to) n.m. A Composizione per nove strumenti solisti. B Complesso musicale costituito da nove solisti.
olivetto
(o-li-vèt-to) od ulivetto, n.m. Terreno coltivato ad olivi.

orchetto
(or-chèt-to) n.m. A Diminutivo di orco. B Giovane mostruoso personaggio delle favole, mangiatore di uomini e bambini.
orologetto
(o-ro-lo-gèt-to) n.m. A Diminutivo di orologio. B Piccolo strumento per misurare il tempo in ore e frazioni di ore.
ospedaletto
(o-spe-da-lèt-to) n.m. A Diminutivo di ospedale. B Istituto pubblico, nel quale si ricovera e si cura un ammalato.
panchetto
(pan-chèt-to) n.m. A Diminutivo di panca. B Sedile rustico per una sola persona costituito da un piccolo piano orizzontale sostenuto da quattro gambe.
paperetto
(pa-pe-rèt-to) n.m. A Diminutivo di papero. B Oca giovane domestice di sesso maschile. In senso generico, o con riferimento alle carni dell’animale macellato, con questo termine si indica sia il maschio sia la femmina.

pescetto
(pe-scèt-to) n.m. A Diminutivo di pesce. B Animale vertebrato acquatico, di varia grandezza, per lo più fusiforme, rivestito di squame e provvisto di pinne per nuotare, con respirazione branchiale e scheletro osseo o cartilagineo.
piccioletto
(pic-cio-lèt-to) n.m. A Diminutivo di piccolo. B Piccino, piccoletto.
precetto
(pre-cèt-to) 1 n.m. Norma, regola, comandamento. 2 dal v.tr. precettare, indicativo presente. A Ordinare per mezzo di un precetto scritto. B Richiamare alle armi i militari in congedo. C Obbligare gli addetti ad un servizio di pubblica utilità in sciopero, ad interrompere l’agitazione ed a riprendere l’attività.
pseudoconcetto
(pseu-do-con-cèt-to), n.m. Nella filosofia di B. Croce, rappresentazione o gruppo di rappresentazioni che hanno tra loro somiglianze che vengono dal di fuori, che sono esterne, esteriori e non possono, in alcun modo giungere, né all'universalità, né alla concretezza.
gancetto
(gan-cèt-to) n.m. A Diminutivo di gancio. B Organo di collegamento o di sostegno, di materiale generalmente rigido, caratterizzato dalla forma ad U.

gioielletto
(gio-iel-lèt-to) n.m. A Diminutivo di gioiello. B Piccolo monile di metallo prezioso, per lo più ornato con una o più gemme.
giornaletto
(gior-na-lèt-to) n.m. A Diminutivo di giornale. B Rivista a fumetti per ragazzi.
giubbetto
(giub-bèt-to) n.m. A Diminutivo di giubba. B Giacca, casacca, in particolare, quella delle uniformi militari. C Abito maschile da cerimonia.
grilletto
(gril-lèt-to) n.m. Nell’arma da fuoco portatile, la piccola leva che, premuta col dito, fa scattare il percussore provocando lo sparo, premere il grilletto.
grugnetto
(gru-gnèt-to) n.m. A Diminutivo di grugno. B Muso del maiale e del cinghiale da cucciole. C In senso spregiativo e scherzoso, viso dell’uomo con espressione corrucciata.

lombrichetto
(lom-bri-chèt-to) n.m. A Diminutivo di lombrico. B Nome comune di varie specie di vermi dal corpo cilindrico diviso in anelli, utili all’agricoltura perché rimuovono il terriccio, sono detti anche, vermi di terra.
luoghetto
(luo-ghèt-to) n.m. A Diminutivo di luogo. B Porzione determinata dello spazio, considerata in senso generale o in astratto, Dio è in ogni luogo. C Parte determinata e limitata della superfice terrestre, località, zona caratteristica.
mannelletto
(man-nel-lèt-to) n.m. A Diminutivo di mannello. B Piccolo fascio di spighe.
martinetto
(mar-ti-nèt-to) n.m. Macchina capace di esercitare una notevole forza con una corsa limitata, usata per sollevare grandi pesi a piccole altezze.
mattonetto
(mat-to-nèt-to) n.m. A Diminutivo di mattone. B Laterizio a forma di parallelepipedo, pieno o cavo, fatto con argilla comune ed usato nelle costruzioni edilizie. C Peso molto gravoso.

muscoletto
(mu-sco-lèt-to) n.m. A Diminutivo di muscolo. B Ciascun organo contrattile che serve al movimento. C Taglio di carne di seconda scelta, costituiti dai muscoli degli arti di bovini ed equini.
noccioletto
(noc-cio-lèt-to) n.m. A Diminutivo di nocciolo. B Terreno coltivato a noccioli.
odoretto
(o-do-rèt-to) n.m. A Diminutivo di odore. B Piccola sensazione, prodotta dal contatto di molecole emanate da una sostanza, con i recettori dell’olfatto.
orsetto
(or-sèt-to) n.m. A Diminutivo di orso. B Cucciolo d’orso, anche, orsacchiotto. C Pupazzo in forma di piccolo orso.
pagliaccetto
(pa-gliac-cèt-to) n.m. A Diminutivo di pagliaccio. B Bambino, che di proposito fa il buffone, il ridicolo, a lui piace fare il pagliacetto.

palchetto
(pal-chèt-to) n.m. A Diminutivo di palco. B Ripiano orizzontale di armadi, scaffali, librerie e simili. C Palchetto di prora, sorta di mensola che segue la curva interna della prora nella barca.
panetto
(pa-nèt-to) n.m. A Diminutivo di pane. B Piccola forma di burro e simili. C Nel gergo teatrale, applauso a scena aperta.
passaggetto
(pas-sag-gèt-to) n.m. A Diminutivo di passaggio. B Piccolo passagio, anche passaggio stretto. C Nei giochi con la palla, passaggio breve.
pensieretto
(pen-sie-rèt-to) n.m. A Diminutivo di pensiero. B Piccolo pensiero, ovvero, attività psichica, mediante la quale l’uomo elabora dei contenuti mentali, acquisendo coscienza di sé e della realtà esterna che i sensi gli propongono, e formulando schemi concettuali che gli valgono come modelli interpretativi della realtà, in ultima analisi, la facoltà del pensare.
piccoletto
(pic-co-lèt-to) n.m. A Diminutivo di piccolo. B Piccino, piccioletto.

pidocchietto
(pi-doc-chièt-to) n.m. A Diminutivo di pidocchio. B Piccolo insetto dal corpo piatto, con zampe corte e robuste, che succhiano il sangue dell’uomo vivendo da parassita sulla testa, sul corpo o nei vestiti. C Denominazione generica di piccoli insetti parassiti di piante o di animali.
polsonetto
(pol-so-nèt-to) n.m. Recipiente metallico a fondo concavo, provvisto di manico, usato per cuocere salse e creme.
proietto
(pro-ièt-to) 1 n.m. A Frammento solido, che un vulcano lancia fuori dal cratere durante un’eruzione. B Corpo lanciato da un pezzo d’artiglieria o da un’altra bocca da fuoco. 2 dal v.tr. proiettare, indicativo presente. A Lanciare fuori od avanti con forza, scagliare. B Inviare su uno schermo, per mezzo di un proiettore.
pugnaletto
(pu-gna-lèt-to) n.m. A Diminutivo di pugnale. B Piccola arma bianca, con lama corta a due tagli e punta acuta.
quadernetto
(qua-der-nèt-to) n.m. A Diminutivo di quaderno. B Fascicolo di fogli cuciti o incollati insieme e raccolti in una copertina, destinato per lo più all’uso scolastico, od impiegato per prendere appunti.

ritaglietto
(ri-ta-gli-èt-to) n.m. A Diminutivo di ritaglio. B Ciò che si toglie via ritagliando, il pezzetto ritagliato.
rivetto
(ri-vèt-to) 1 n.f. Lo stesso che ribattino. 2 dal v.tr. rivettare, indicativo presente. Congiungere mediante rivetti.
rocchetto
(roc-chèt-to) n.m. A Piccolo cilindro di legno, forato e sagomato alle due estremità, su cui sono avvolti i fili per cucire. C La ruota dentatea, con il più piccolo numero di denti fra congegni a due o più ingranaggi.
scaldaletto
(scal-da-lèt-to) n.m. Arnese, di vario tipo e materiale, che si introduce fra le lenzuola per scaldare il letto, uno dei più noti è quello comunemente detto “prete”, scaldino d’epoca primo 900.
scampoletto
(scam-po-lèt-to) n.m. A Diminutivo di scampolo. B Piccolo taglio di tessuto che avanza dalla pezza.

schioppetto
(schiop-pèt-to) n.m. A Diminutivo di schioppo. B Arma da fuoco portatile, più piccola dello schioppo, di cui erano armati fanti e cavalieri dal sec. XVI° al XVII°.
scialletto
(scial-lèt-to) n.m. A Diminutivo di scialle. B Lembo di tessuto, di varia ampiezza e forma, usato per riparo o ornamento, che si porta sulle spalle e si incrocia o si annoda sul petto.
scudetto
(scu-dèt-to) n.m. Distintivo, a forma di piccolo scudo, in particolare, quello tricolore, portato sulla maglia dagli atleti della squadra vincitrice in un campionato nazionale.
solchetto
(sol-chèt-to) n.m. A Diminutivo di solco. B Apertura lunga, più o meno profonda, scavata nel terreno con l’aratro o con altro attrezzo agricolo. C Incavo, lungo e profondo in una superficie.
calendarietto
(ca-len-da-rièt-to) n.m. A Diminutivo di calendario. B Sistema di suddivisione del tempo in periodi costanti, anno, mese, giorno, stabiliti in base alla durata di determinati cicli astronomici.

capoletto
(ca-po-lèt-to) n.m. A Il capo del letto. B Drappo, che si appendeva, per ornamento, al muro, dietro la spalliera del letto.
cartoccetto
(car-toc-cèt-to) n.m. A Diminutivo di cartoccio. B Foglio di carta, ravvolto a cono per incartare prodotti o oggetti minuti, anche, il contenuto del cartoccetto.
cavoletto
(ca-vo-lèt-to) n.m. A Diminutivo di cavolo. B Pianta erbacea delle Crocifere, con fiori gialli riuniti in grappoli e foglie lobate, coltivate in numerose varietà.
celetto
(ce-lèt-to) n.m. A Diminutivo di cielo. B Striscia di carta dipinta, o di stoffa azzurra, che chiude in alto la scena.
corsetto
(cor-sèt-to) n.m. A Bustino femminile, per lo più in tessuto elastico. B Apparecchio ortopedico, usato per la cura delle malattie della colonna vertebrale.

cuscinetto
(cu-sci-nèt-to) n.m. A Diminutivo di cuscino. B Qualsiasi oggetto di forma simile a un piccolo cuscino, cuscinetto per timbri, cuscinetto da lavoro, per appuntarvi aghi e spilli. C In meccanica, elemento d’interposizione che ha la funzione di ridurre l’attrito fra due corpi di cui l’uno ruota facendo perno sull’altro.
demonietto
(de-mo-nièt-to) n.m. A Diminutivo di demonio. B Lo spirito del male, secondo la tradizione ebraico-cristiana. C Riferito ad un ragazzo, non stare mai fermo, essere molto irrequieto, avere il demonio addosso, fare il demonietto.
deschetto
(èt-to)) n.m. A Diminutivo di desco. B Tavolo da lavoro del calzolaio.
diretto
(di-rèt-to) 1 agg. Che tende ad una meta, ad uno scopo. 2 n.m. Programma o servizio radiotelevisivo trasmesso nel momento stesso in cui si realizza.
doppiopetto
(dop-pio-pèt-to) o doppio petto, n.m. Giacca, cappotto od altri indumenti, con i due davanti sovrapposti e chiusi da due file di bottoni.

falcetto
(fal-cèt-to) n.m. A Diminutivo di falce. B Attrezzo a lama robusta e incurvata, usato per lavori di potatura.
falconetto
(fal-co-nèt-to) n.m. A Diminutivo di falcone. B Varietà di falco di dimensioni maggiori di quelle ordinarie, che un tempo si addestrava per la caccia. C Antico pezzo d’artiglieria, più potente della colubrina.
falsetto
(fal-sèt-to) n.m. A Diminutivo di falso. B Tecnica di canto, che sfrutta intensivamente le cavità di risonanza del capo, al fine di ottenere una maggiore estensione della voce verso i suoni alti, fu praticata soprattutto dai tenori nel periodo del belcanto, ed è in uso nella musica leggera e popolare e nella musica non europea. parlare in falsetto, con voce acuta, stridula.
filosofetto
(fi-lo-so-fèt-to) n.m. A Diminutivo di filosofo. B In senso spregiativo, sentenziare con gravità, anche su cose da poco.
fornelletto
(for-nel-lèt-to) n.m. A Diminutivo di fornello. B Apparecchio alimentato da legna, carbone, spirito, gas od energia elettrica, che serve a cuocere vivande o per altri usi.

fornetto
(for-nèt-to) n.m. A Diminutivo di forno. B Costruzione a volta, con apertura rettangolare o circolare, che viene scaldata per cuocervi il pane, dolci o altre vivande.
gabinetto
(ga-bi-nèt-to) n.m. A Stanza adibita a studio privato, od a colloqui riservati. B Nella scuola, sala in cui ha luogo esercitazione pratica di materia scientifica, gabinetto di fisica, di chimica. C Studio, in cui un professionista, specialmente un medico, svolge la sua attività, gabinetto medico, dentistico, radiologico, anche gabinetto fotografico. C Stanza, ambiente nel quale si trovano i servizi igienici.
gagliardetto
(ga-gliar-dèt-to) n.m. A Piccola bandiera a due punte o triangolare, usata in marina per segnalazioni. B Insegna, di varia forma, di partiti politici, società sportive ecc.
gerarchetto
(ge-rar-chèt-to) n.m. A Diminutivo di gerarca. B Colui che occupa un grado elevato in una gerarchia. C Dirigente del Partito nazionale fascista. D Persona autoritaria e dispotica.
ghiretto
(ghi-rèt-to) n.m. A Diminutivo di ghiro. B Piccolo mammifero roditoro, con lunga coda pelosa e muso aguzzo, vivono nei boschi, e cadono in letargo d’inverno.

gnocchetto
(gnoc-chèt-to) n.m. A Diminutivo di gnocco. B Ciascuno dei tocchetti di pasta morbida di forma tondeggiante, fatti per lo più con farina e patate, che si mangiano lessati e conditi con sugo.
guardapetto
(èt-to) n.m. Sorta di scudo, in legno o metallo, usato da chi lavora col trapano per proteggere il petto.
idoletto
(i-do-lèt-to) n.m. A Diminutivo di idolo. B Oggetto od immagine rappresentante una divinità e adorato come se lo fossero di persona.
intelletto
(in-tel-lèt-to) 1 agg. Conosciuto, compreso, capito “O luce etterna che sola in te sidi, / sola t’intendi, e da te intelletta / e intendente te ami e arridi!” Dante, Paradiso, XXXIII°, 124-126. 2 n.m. La facoltà di formare, comprendere e ordinare distintamente i concetti.
ladretto
(la-drèt-to) n.m. A Diminutivo di ladro. B Chi ruba. C Chi richiede prezzi o compensi eccessivi, sproporzionati.

lividetto
(li-vi-dèt-to) 1 agg. A Grigio, plumbeo cielo livido, acque livide. B Pieno di livore, di astio, sguardo lividetto. 2 n.m. A Diminutivo di livido. B Macchia bluastra, che si forma sulla pelle in seguito ad una contusione.
lunarietto
(lu-na-rièt-to) n.m. A Diminutivo di lunario. B Libretto popolare, che contiene un calendario con le fasi della Luna, previsioni meteorologiche, oroscopi e consigli pratici di vario tipo.
manicaretto
(ma-ni-ca-rèt-to) n.m. Pietanza gustosa, preparata con cura.
marginetto
(mar-gi-nèt-to) n.m. A Diminutivo di margine. B La parte estrema di una superficie. C Nel foglio scritto o nella pagina stampata, lo spazio bianco che si lascia sui quattro lati.
mobiletto
(mo-bi-lèt-to) n.m. A Diminutivo di mobile. B Piccolo oggetto di arredamento che, pur potendo essere spostati, hanno in genere stabile collocazione in casa.

mortaretto
(mor-ta-rèt-to) n.m. A Diminutivo di mortaro. B Cilindretto di cartone carico di polvere da sparo, che si fa esplodere in segno di festa.
musetto
(mu-sèt-to) n.m. A Diminutivo di muso. B Viso grazioso.
negozietto
(ne-go-zièt-to) n.m. A Diminutivo di negozio. B Piccolo locale, direttamente accessibili dalla strada, generalmente al pian terreno, dove si vende merce al minuto.
drammetto
(dram-mèt-to) n.m. A Diminutivo di dramma. B Componimento in prosa od in versi destinato alla rappresentazione scenica.
eletto
(e-lèt-to) 1 n.m. Scelto, “io temo forse / che troppo avrà d’indugio nostra eletta” Dante Purgatorio, XIII°, 11-12. 2 dal v.tr. eleggere, participio passato. Scegliere, attraverso votazione, diretta o articolata in più gradi, la persona destinata a un ufficio, a una dignità, a una carica.

fanciulletto
(fan-ciul-lèt-to) n.m. A Diminutivo di fanciullo. B Il giovane tra i sei ed i dieci anni, bambino, ragazzino, ingenuo come un fanciulletto.
frugoletto
(fru-go-lèt-to) n.m. A Diminutivo di frugolo. B Bambino molto vivace, irrequieto.
fuetto
(fu-èt-to) n.m. A Frustino, usato nelle corse al trotto. B Cavo sottile di canapa.
fuochetto
(fuo-chèt-to) n.m. A Diminutivo di fuoco. B L’insieme degli effetti di calore e di luce che, nella combustione, si manifestano con la fiamma.
garzonetto
(gar-zo-nèt-to) n.m. A Diminutivo di garzone. B Piccolo lavoratore non qualificato, addetto ai servizi più semplici.

ghiaietto
(ghia-ièt-to) n.m. A Diminutivo di ghiaia. B Roccia sedimentaria incoerente, costituita soprattutto da frammenti rocciosi arrotondati per rotolamento e depositati dalle acque dei fiumi a valle.
ginocchietto
(gi-noc-chièt-to) n.m. A Diminutivo di ginocchio. B Nelle antiche armature, ginocchiera.
giunchetto
(giun-chèt-to) n.m. A Diminutivo di giunco. B Pianta erbacea monocotiledone, dallo stelo flessibile, che cresce spontanea nei terreni umidi e paludosi, il fusto e le foglie forniscono materiale d’intreccio.
globetto
(glo-bèt-to) n.m. A Diminutivo di globo. B Qualsiasi corpo di forma sferica, globo di vetro.
graffietto
(graf-fièt-to) n.m. A Diminutivo di graffio. B Arnese, di varia foggia, usato per incidere su legno, pietra o metallo.

graziosetto
(gra-zio-sèt-to) 1 agg. Che ha grazia, leggiadria, movimento graziosetto. 2 n.m. A Diminutivo di grazioso. B Giovane simpatico, spiritoso.
marinaretto
(ma-ri-na-rèt-to) n.m. A Diminutivo di marinaro. B Marinaio molto giovane, anche, allievo della scuola nautica. C Bambino vestito alla marinara.
maschietto
(ma-schièt-to) n.m. A Diminutivo di maschio. B Neonato di sesso maschile, è natè un maschietto.
mazzetto
(maz-zèt-to) n.m. A Diminutivo di mazzo. B Fascetto di erbe odorose usato nella preparazione di alcune vivande.
merluzzetto
(mer-luz-zèt-to) n.m. A Diminutivo di merluzzo. B Pesce di mare, ancora giovane, diffuso nell’Atlantico settentrionale, di colore grigio verdastro a macchie gialle, con tre pinne dorsali e un bargiglio sotto la mascella inferiore.

morosetto
(mo-ro-sèt-to) n.m. A Diminutivo di moroso. B Fidanzatino, piccolo innamorato.
moschetto
(mo-schèt-to) n.m. Arma da fuoco portatila, simile ad un fucile a canna corta, leggera e maneggevole, moschetto automatico, quello che può sparare a colpo singolo od a raffica, detto comunemente, mitragliatore.
nanetto
(na-nèt-to) n.m. A Diminutivo di nano. B Persona di piccolissima statura.
ombretto
(om-brèt-to) n.m. Cosmetico, di vario colore, usato per ombreggiare le palpebre.
organetto
(or-ga-nèt-to) n.m. A Diminutivo di organo. B Piccolo piano meccanico montato su ruote, che si suona girando una manovella, è trainato per le strade da suonatori ambulanti.

pacchetto
(pac-chèt-to) n.m. A Diminutivo di pacco. B Involucro usato come confezione di piccole quantità di un prodotto, un pacchetto di sigarette.
pernetto
(per-nèt-to) n.m. A Diminutivo di perno. B Piccolo elemento che costituisce, insieme con i rispettivi cuscinetti, una coppia rotoidale.
pitocchetto
(pi-toc-chèt-to) n.m. Gioco di carte, in cui il vincitore deve totalizzare 35 punti dello stesso colore.
portaoggetto
(por-ta-og-gèt-to) n.m. Contenitore o supporto per oggetti diversi.
portichetto
(por-ti-chèt-to) n.m. A Diminutivo di portico. B Fabbricato aperto su almeno un lato, costruito al piano del suolo e sorretto da pilastri. C Nella fattoria, tettoia su pilastri usata come ricovero di carri e attrezzi agricoli.

quadretto
(qua-drèt-to) n.m. A Diminutivo di quadro. B Dipinto su tela, legno o altro supporto, per lo più di piccole o medie dimensioni.
quintetto
(quin-tèt-to) n.m. A Composizione per cinque strumenti o cinque voci soliste, anche, complesso di cinque strumenti o cinque voci, quintetto d’archi, quintetto vocale. B Gruppo di cinque persone molto affiatato o ben assortito.
rametto
(ra-mèt-to) n.m. A Diminutivo di ramo. B Tutte le parti legnose dell’albero, che hanno origine dal fusto e portano fiori, foglie e frutti.
randelletto
(ran-del-lèt-to) n.m. A Diminutivo di randello. B Piccolo bastone, corto e tozzo, usato come tortore di funi, o appeso al collo di bovini al pascolo per impacciarne i movimenti e impedirne la corsa.
rasoietto
(ra-so-ièt-to) n.m. A Diminutivo di rasoio. B Piccolo strumento, usa e getta, per radere la barba.

rivoletto
(ri-vo-lèt-to) n.m. A Diminutivo di rivolo. B Piccolo ruscello.
ruffianetto
(ruf-fia-nèt-to) n.m. A Diminutivo di ruffiano. B Mezzano degli amori altrui. C Chi aiuta altri in un intrigo. D Persona che ricorre all’adulazione, ed ostenta modi servili, per ottenere il favore altrui.
sciroppetto
(sci-rop-pèt-to) n.m. A Diminutivo di sciroppo. B Soluzione, non molto concentrata, di zucchero in acqua o in succhi di frutta.
sestetto
(se-stèt-to) n.m. A Composizione per sei voci o sei strumenti, anche, complesso musicale di sei voci o sei strumenti. B Gruppo di sei persone che fanno qualcosa insieme.
sgabelletto
(sga-bel-lèt-to) n.m. A Diminutivo di sgabello. B Piccolo sedile di legno o di altro materiale, senza spalliera né braccioli, anche, panchetto per appoggiarvi i piedi.

sonetto
(so-nèt-to) n.m. Componimento poetico, costituito da quattordici versi endecasillabi variamente rimati e divisi in due quartine e due terzine. Sonetto minore, I versi sono in misura minore dell’endecasillabo, per esempio i settenari. Sonetto caudato, è un sonetto che, alla fine vengono aggiunte due terzine che si compongono di un settenario, rimato con l'ultimo verso. Sonetto doppio, rinterzato, è quello in cui rispettivamente sei od otto settenari sono inseriti tra gli endecasillabi.
reggipetto
(reg-gi-pèt-to) n.m. A Reggiseno. C Nei finimenti dei cavalli, cinghia che sostiene il pettorale.
rigoletto
(ri-go-lèt-to) n.m. A Antica danza, ballata da un gruppo di persone che si tenevano per mano girando in tondo. B Cerchio di persone.
ronchetto
(ron-chèt-to) n.m. A Diminutivo di ronca. B Piccola ronca, usata per rifinire le potature.
roncoletto
(ron-co-lèt-to) n.m. A Diminutivo di roncolo. B Coltello a serramanico, con la lama ricurva come quella di una roncola, usato dagli agricoltori per spiccare frutti, potare e mondare rami sottili.

rospetto
(ro-spèt-to) n.m. Diminutivo di rospo, nome comune di alcune specie di piccoli anfibi dal corpo tozzo, con la pelle viscida coperta di verruche contenenti ghiandole a secrezione irritante.
schiavetto
(schia-vèt-to) n.m. A Diminutivo di schiavo. B Bambino privato della libertà e di ogni altro diritto umano, giuridicamente considerato proprietà assoluta di un padrone.
seghetto
(se-ghèt-to) 1 n.m. A Diminutivo di sega. B Utensile usato per tagliare materiali diversi, costituito da una lama di acciaio munita di denti, inserita in un telaio od in un manico. 2 dal v.tr. seghettare, indicativo presente. Intagliare qualcosa per renderla dentellata come la lama di una sega.
sorcetto
(sor-cèt-to) n.m. A Diminutivo di sorcio. B Piccolo topo. Detto famigliare, far vedere i sorci verdi a qualcuno, farlo spaventare, metterlo in seria difficoltà.
stipetto
(sti-pèt-to) n.m. A Diminutivo di stipo. B Nello stabile della scuola, delle società sportive, e simili, armadietto per ogni iscritto.

strappetto
(strap-pèt-to) n.m. A Diminutivo di strappo. B Piccola lacerazione, piccolo squarco, farsi uno strappetto ai calzoni, rammendare dei strappetti, aver subito uno strappetto muscolare. B Piccola frattura nei rapporti fra due persone.
tempietto
(tem-pièt-to) n.m. A Diminutivo di tempio. B Piccolo edificio, destinato al culto religioso.
trespoletto
(tre-spo-lèt-to) n.m. A Diminutivo di trespolo. B Supporto o sgabello di varia forma che poggia su tre o anche su quattro piedi il trespoletto del pappagallo. C Veicolo malandato.
versetto
(ver-sèt-to) n.m. A Diminutivo di verso. B Breve periodo in cui è suddivisa/o la Bibbia ed il Corano.
vicoletto
(vi-co-lèt-to) n.m. A Diminutivo di vicolo. B Strada molto stretta e di secondaria importanza, in un centro urbano.

visetto
(vi-sèt-to) n.m. A Diminutivo di viso. B Volto, faccia giovanile, un bel visetto.
palazzetto
(pa-laz-zèt-to) n.m. A Diminutivo di palazzo. B Edificio adibito a manifestazione sportiva, anche, palasport.
parapetto
(pa-ra-pèt-to) n.m. Struttura rigida di sicurezza, posta ai bordi di ponti, terrazze, finestre, strade rialzate e simili.
peduncoletto
(pe-dun-co-lèt-to) n.m. A Diminutivo di peduncolo. B Gambo, più o meno sottilr, che sostiene il fiore o l'infiorescenza.
pelaghetto
(pe-la-ghèt-to) n.m. A Diminutivo di pelago. B Mare aperto, per estensione, ampia distesa di acque profonde e minacciose, “uscito fuor del pelago alla riva”, Dante, Inferno, 23.

poggioletto
(pog-gio-lèt-to) n.m. A Diminutivo di poggiolo. B Terrazzino, balconcino.
pranzetto
(pran-zèt-to) n.m. A Diminutivo di pranzo. B Pranzo senza formalità, semplice, ma gustoso.
protetto
(pro-tèt-to) 1 agg. Munito di difesa, strada protetta dalle valanghe. 2 n.m. Colui che gode di particolari favori o appoggi, sono un suo protetto.
pugnetto
(pu-gnèt-to) n.m. A Diminutivo di pugno. B La mano di un bimbo, con le dita serrate e piegate sul palmo.
reietto
(re-èt-to) 1 agg. Che è stato respinto, ripudiato, figlio reietto. 2 n.m. Colui che è stato respinto, ripudiato, i reietti della società.

romanzetto
(ro-man-zèt-to) n.m. A Diminutivo di romanzo. B Romanzo di scarso valore, è stato premiato, ma non è che un romanzetto.
rubinetto
(ru-bi-nèt-to) n.m. Dispositivo, che si inserisce in una tubazione di piccolo diametro, o si applica alla sua estremità, per interrompere o regolare l’erogazione di liquidi o di gas.
rumoretto
(ru-mo-rèt-to) n.m. A Diminutivo di rumore. B Denominazionr generica di fenomeni acustici, dovuti a vibrazioni irregolari, che producono una sensazione sgradevole.
sassetto
(sas-sèt-to) n.m. A Diminutivo di sasso. B Piccolo frammento di pietra, anche, ciottolo.
scampetto
(scam-pèt-to) n.m. A Diminutivo di scampo. B Piccolo crostaceo marino, dal corpo bianco-rosato, ricoperto di una corazza divisa in segmenti, la sua carni è molto pregiata.

schizzetto
(schiz-zèt-to) n.m. A Diminutivo di schizzo. B Giocattolo, munito di pompetta per schizzare liquidi. C Strumento fornito di stantuffo, usato per iniettare un liquido medicamentoso in cavità del corpo, schizzetto vaginale. D Fuciletto di poca efficacia o di piccolo calibro.
scoglietto
(sco-glièt-to) n.m. A Diminutivo di scoglio. B Piccola roccia, che affiora od emerge dalle acque del mare, di un fiume o di un lago.
sgorbietto
(sgor-bièt-to) n.m. A Diminutivo di sgorbio. B Macchia d’inchiostro fatta scrivendo, anche, scarabocchio, parole illeggibili, caro ragazzo, i tuoi sgorbietti non li capisce nessuno. C Disegno, scritto, od altre cose brutte, mal fatte.
sorsetto
(sor-sèt-to) n.m. A Diminutivo di sorso. B Piccola quantità di liquido appena sorseggiato.
sospiretto
(so-spi-rèt-to) n.m. A Diminutivo di sospiro. B Inspirazione profonda, seguita da espirazioni più o meno prolungate, che producono un rumore simile ad un soffio, ed esprimono un turbamento dell’animo, lieve e profondo sospiro. C Ciò che fa sospirare, perché si desidera o si rimpiange, “amore, / sospiro acerbo de’ provetti giorni” Leopardi, Il passero solitario, 20-21.

sposetto
(spo-sèt-to) n.m. A Diminutivo di sposo. B L’uomo nel giorno del matrimonio.
spruzzetto
(spruz-zèt-to) n.m. A Diminutivo di spruzzo. B Getto d’acqua o d’altra sostanza liquida o semiliquida in gocce o schizzi minuti.
tiretto
(ti-rèt-to) n.m. A Cassetto. B In meccanica, levetta degli orologi, che si aziona tirando in fuori il bottone di carica, che a sua volta mette in funzione il meccanismo di messa all’ora.
trabiccoletto
(tra-bic-co-lèt-to) n.m. A Diminutivo di trabiccolo. B Macchina vecchia ed in cattivo stato, in particolare, veicolo malsicuro e traballante, questa vetturetta è un trabiccoletto.
vanghetto
(van-ghèt-to) n.m. A Diminutivo di vanga. B Attrezzo portatile a forma di vanga, usato per piccoli lavori campali di sterro.

vaporetto
(va-po-rèt-to) n.m. A Diminutivo di vapore. B Piccola nave a vapore, adibita, per lo più, alla navigazione lacustre o fluviale.
vermetto
(ver-mèt-to) n.m. A Diminutivo di verme. B Nome generico di animali invertebrati dal corpo molle, contrattile, piatto o cilindrico, privo di zampe e diviso per lo più in segmenti.
viaggetto
(vi-ag-gèt-to) n.m. A Diminutivo di viaggio. B Breve trasferimento da un luogo ad un’altro.
villaggetto
(vil-lag-gèt-to) n.m. A Diminutivo di villaggio. B Centro abitato di limitate dimensioni, un villaggetto di campagna, un villaggetto alpino.
vulcanetto
(vul-ca-nèt-to) n.m. A Diminutivo di vulcano. B Piccola apertura, di varia forma, della crosta terrestre, dalla quala fuoriesce il magma, sotto forma di lava più o meno fluida, accompagnata da emanazioni gassose.

zainetto
(zai-nèt-to) n.m. A Diminutivo di zaino. B Piccolo sacco alpino, sacco da montagna.
zoccoletto
(zoc-co-lèt-to) n.m. A Diminutivo di zoccolo. B Calzatura in cui la suola è costituita da un unico pezzo di legno, e la tomaia da una o più strisce di cuoio.
polipetto
(po-li-pèt-to) n.m. A Diminutivo di polipo. B Piccolo animale marino dei celenterati, con corpo a forma di calice, munito di tentacoli nell’estremità superiore, vivono in colonie. C Tumore benigno, molle e peduncolato, che si sviluppa sulle mucose.
pomodoretto
(po-mo-do-rèt-to) n.m. A Diminutivo di pomodoro. B Pianta erbacea annuale, con foglie composte imparipennate, fiori gialli piccoli in grappoli e frutto a bacca. C Il frutto rosso, carnoso e commestibile di tale pianta.
progetto
(pro-gèt-to) 1 n.m. Ideazione di lavoro, di attività, anche, proposito vago, fantastico, difficilmente realizzabile. 2 dal v.tr. progettare, indicativo presente. Ideare la costruzione di una macchina, di un edificio o di un’altra struttura, e compiere gli studi, i calcoli, i disegni necessari alla sua realizzazione.

ragazzetto
(ra-gaz-zèt-to) n.m. A Diminutivo di ragazzo. B Giovane adolescente, un bravo ragazzetto.
risparmietto
(ri-spar-mièt-to) n.m. A Diminutivo di risparmio. B Ciò che si risparmia o si è risparmiato.
scolaretto
(sco-la-rèt-to) n.m. A Diminutivo di scolaro. B Alunno delle prime classi elementari.
secchietto
(sec-chièt-to) n.m. A Diminutivo di secchio. B In particolare, quello usato per attingere acqua, un secchietto di rame, di zinco; tirare su il secchietto dal pozzo.
spazietto
(spa-zièt-to) n.m. A Diminutivo di spazio. B Estensione limitata di spazio, circoscritta, libera od occupata da altri corpi.

stiletto
(sti-lèt-to) 1 n.m. A Diminutivo di stilo. B Arma bianca, simile ad un pugnale, dalla lama molto sottile e acuminata. 2 dal v.tr. stilettare, indicativo presente. Colpire con uno stiletto.
taglieretto
(èt-to) n.m. A Diminutivo di tagliere. B Asse di legno duro, di forma rettangolare o circolare, sul quale si affetta, taglia o tritura ingredienti di cucina o cibi già cotti.
tetto
(tèt-to) n.m. Struttura atta a coprire edifici, costituita in genere da una travatura ricoperta da embrici, tegole o altro materiale impermeabile.
trabocchetto
(tra-boc-chèt-to) n.m. Dispositivo, consistente in un piano cedevole, o mobile a comando, che si apre sotto i piedi di chi vi sta o vi passa sopra, facendolo precipitare in una buca sottostante.
trastulletto
(tra-stul-lèt-to) n.m. A Diminutivo di trastullo. B Gioco, divertimento, passatempo, i trastulletti dei bambini.

trincetto
(trin-cèt-to) n.m. Strumento usato dai calzolai per tagliare il cuoio, costituito da una lama d’acciaio leggermente curva, con il tagliente obliquo.
trogoletto
(tro-go-lèt-to) n.m. A Diminutivo di trogolo. B Piccola vasca rustica, quadrangolare o rettangolare, in pietra od in muratura, con un foro sul fondo per lo scarico, in cui si raccoglie acqua per lavare i panni o per altri usi, fare il bucato nel trogoletto.
tronchetto
(tron-chèt-to) n.m. A Diminutivo di tronco. B In botanica, tronchetto della felicità, varietà di dracena originaria dell’India di cui si coltivano sezioni di tronco a scopo ornamentale. C In gastronomia, sorta di dolce o gelato a forma di rotolo, corto e tozzo, che si taglia a fette.
tronetto
(tro-nèt-to) n.m. A Diminutivo di trono. B Seggio di sovrani o di papi, elevato su alcuni gradini, per lo più coperto da un baldacchino o da padiglione, è usato nelle cerimonie ufficiali.
trucchetto
(truc-chèt-to) n.m. A Diminutivo di trucco. B Artificio con cui si altera la realtà, per simulare quanto di fatto non esiste.

tuffetto
(tuf-fèt-to) n.m. A Diminutivo di tuffo. B Piccolo uccello palustro, dal piumaggio bruno lucido sul dorso e grigio sull'addome, abilissimo nel tuffarsi e nel nuotare sommerso.
vialetto
(via-lèt-to) n.m. A Diminutivo di viale. B Stradina in un giardino, in un parco.
violetto
(vio-lèt-to) 1 agg. Detto di colore viola, tessuto violetto, luci violette. 2 n.m. Sostanza colorante che tinge di viola.
zampilletto
(zam-pil-lèt-to) n.m. A Diminutivo di zampillo. B Piccolo getto di acqua o di altro liquido, che esce con poco impeto da una stretta apertura e si innalza di pochi centimetri, per ricadere subito in basso.
zucchetto
(zuc-chèt-to) n.m. A Copricapo a forma di piccola calotta sferica, portato dagli ecclesiastici, di colore diverso secondo la dignità. B Copricapo, della stessa foggia, portati dagli ebrei osservanti.

succhietto
(suc-chièt-to) o succhiotto, n.m. Tettarella di gomma, non bucata, che si dà da succhiare al lattante quando non prende il latte, per tenerlo calmo o farlo addormentare più facilmente.
telaietto
(te-la-ièt-to) n.m. A Diminutivo di telaio. B Piccola macchina per tessere, che intreccia i fili dell’ordito con quelli della trama.
transetto
(tran-sèt-to) n.m. Nella chiesa cristiana a croce latina, la navata trasversale, che rappresenta il braccio minore della croce.
triangoletto
(tri-an-go-lèt-to) n.m. A Diminutivo di triangolo. B Poligono, di piccole dimensioni, avente tre lati e tre angoli.
ufficialetto
(uf-fi-cia-lèt-to) n.m. A Diminutivo di ufficiale. B Giovane ufficiale appena promosso.

zufoletto
(zu-fo-lèt-to) n.m.pl. A Diminutivo di zufolo. B Piccolo strumento popolare a fiato, costituito da un piccolo cilindro cavo di legno di bosso o di canna, con un taglio trasversale all’imboccatura, e uno o più fori.
stipendietto
(sti-pen-dièt-to) n.m. A Diminutivo di stipendio. B Piccola retribuzione fisse, per lo più mensile, corrisposta a coloro che prestano continuativamente un lavoro subordinato di concetto.
tacchetto
(tac-chèt-to) n.m. A Diminutivo di tacco. B Piccolo tacco, specialmente quello delle scarpe da donna. C Dischetto di cuoio o di altro materiale posto sotto le scarpette da calcio per favorire la presa sul terreno.
tappetto
(tap-pèt-to) n.m. A Diminutivo di tappo. B Piccolo accessorio di sughero, di plastica, od altro materiale, di forma cilindrica o tronco-conica, che si applica a pressione, o per avvitamento, alla bocca di bottiglie, fiaschi ecc.
tavolinetto
(ta-vo-li-nèt-to) n.m. A Diminutivo di tavolo. B Piccolo tavolo usato per scrivere, per studiare.

terzetto
(ter-zèt-to) n.m. A In musica, composizione a tre parti vocali, di solito, accompagnate da uno o più strumenti, anche, il gruppo dei tre esecutori. B Insieme di tre persone accomunate da una caratteristica o da qualche particolarità per lo più negativa, un bel terzetto di mascalzoni.
tonfetto
(ton-fèt-to) n.m. A Diminutivo di tonfo. B Rumore sordo e cupo prodotto dalla caduta di un corpo, specialmente in acqua.
totanetto
(to-ta-nèt-to) n.m. A Diminutivo di totano. B Mollusco marino giovane, commestibile, con corpo allungato, pinne triangolari posteriori e dieci tentacoli provvisti di ventose, è conosciuto anche col nome di todaro.
tubetto
(tu-bèt-to) n.m. A Diminutivo di tubo. B Piccolo cilindro, di vario materiale, usato per la confezione di medicinali, caramelle, cosmetici e simili, il tubetto del rossetto, i tubetti delle compresse. C Piccolo tubo deformabilo a pressione, con tappo a vite, usato per conservare pomate, sostanze alimentari e simili, il tubetto del dentifricio, della maionese ecc.
valletto
(val-lèt-to) n.m. A Nel medioevo e fino al ‘700 circa, paggio, staffiere, giovane servitore. B Usciere municipale che, in livrea di cerimonia, segue, nei cortei solenni, la bandiera del comune. C Giovane aiutante di un presentatore televisivo.

vasetto
(va-sèt-to) n.m. A Diminutivo di vaso. B Contenitore, generalmente cilindrico, per lo più di vetro, per prodotti alimentari. C Piccolo recipiente di vario materiale, forma e grandezza, destinato a contenere liquidi o materie solide, od usato a solo scopo ornamentale.
vecchietto
(vec-chièt-to) n.f. A Diminutivo di vecchio. B Uomo anziano di piccola statura e di corporatura esile.
vigliacchetto
(vi-gliac-chèt-to) 1 agg. A Che manca di coraggio, che evita ogni occasione di pericolo, magari subendo passivamente sopraffazioni e prepotenze, giovane vigliacchetto. B Che è prepotente con i deboli, comportamento da vigliacco. 2 n.m. A Diminutivo di vigliacco. B Colui che manca di coraggio, che evita ogni occasione di pericolo, magari subendo passivamente sopraffazioni e prepotenze.
zaffiretto
(zaf-fi-rèt-to) n.m. A Diminutivo di zaffiro. B Varietà di corindone di colore azzurro trasparente, usata come pietre preziosa.
occhialetto
(oc-chia-lèt-to) n.m. A Diminutivo di occhiale. B Occhiale per signora, oggi disusato, che non ha stanghette e si regge con la mano per mezzo di un lungo manico.

occhietto
(oc-chièt-to) n.m. A Diminutivo di occhio. B Fare l’occhiolino, ammiccare.
paletto
(pa-lèt-to) n.m. A Diminutivo di palo. B Piccolo palo metallico o di legno, che si conficca nel terreno per fissarvi qualcosa, anche, picchetto.
pannetto
(pan-nèt-to) n.m. A Diminutivo di panno. B Piccolo tessuto di lana follato o feltratro, in cui non si distingue l’intreccio delle fibre per l’infeltrimento superficiale.
pappagalletto
(pap-pa-gal-lèt-to) n.m. A Diminutivo di pappagallo. B Piccolo uccello esotico, addomesticabile, con caratteristico becco adunco e colori smaglianti. Alcune specie imitano le parole del linguaggio umano.
paragrilletto
(pa-ra-gril-lèt-to) n.m. Nelle armi da fuoco, elemento di metallo posto a difesa del grilletto per evitare la partenza accidentale del colpo.

paranchetto
(pa-ran-chèt-to) n.m. A Diminutivo di paranco. B Piccolo apparecchio, usato per sollevare grossi pesi, demoltiplicando lo sforzo.
peletto
(pe-lèt-to) n.m. A Diminutivo di pelo. B Sottile formazione filiforme di sostanza cornea, costituita da un bulbo ed una radice interne all’epidermide, e da una parte che affiora e riveste il corpo dell'uomo e di molti altri Mammiferi.
pertugetto
(per-tu-gèt-to) n.m. A Diminutivo di pertugio. B Piccola e stretta apertura, passaggio angusto.
pialletto
(pial-lèt-to) n.m. A Diminutivo di pialla. B Piccola pialla da falegname.
poggetto
(pog-gèt-to) n.m. A Diminutivo di poggio. B Modesta altura o collina tondeggiante.

quartetto
(quar-tèt-to) n.m. A Nella musica strumentale, composizione destinata a quattro esecutori. Nella musica vocale, composizioni per quattro voci soliste. B Gruppo di quattro persone molto affiatato o ben assortito.
ranocchietto
(ra-noc-chièt-to) n.m. A Diminutivo di ranocchio. B La rana comune da giovane. C Persona piccola e di aspetto sgraziato. D Detto scherzosamente, bambino.
raschietto
(ra-schièt-to) n.m. Utensile di varia forma, il cui elemento essenziale è una lama d’acciaio a bordo tagliente, usato per raschiare superfici diverse.
retto
(rèt-to) 1 agg. Onesto, leale, animo, uomo retto. 2 n.m. A Faccia anteriore del foglio. B Faccia di moneta sulla quale è incisa una figura.
rulletto
(rul-lèt-to) n.m. A Diminutivo di rullo. B Piccolo arnese munito di una rotella zigrinata, usato dall'incisore.

ruscelletto
(ru-scel-lèt-to) n.m. A Diminutivo di ruscello. B Piccolo corso d’acqua di montagna.
scherzetto
(scher-zèt-to) n.m. A Diminutivo di scherzo. B Ciò che è fatto o detto per scherzare.
servetto
(ser-vèt-to) n.m. A Diminutivo di servo. B Giovane che è in stato di servitù.
servizietto
(ser-vi-zièt-to) n.m. A Diminutivo di servizio. B Piccolo servizio, cosa da poco, fatta però con gentilezza.
sonaglietto
(so-na-glièt-to) n.m. A Diminutivo di sonaglio. B Sferetta cava di metallo, con una o più fessure, contenente una pallina che, scossa, urta contro le pareti producendo un suono squillante. C Nome generico di strumento idiofono a scotimento, costituito da più corpi risonanti che, urtandosi tra loro, producono il suono.

stanchetto
(stan-chèt-to) n.m. A Diminutivo di stanco. B Affaticato e bisognoso di riposo, essere un po’ stanco fisicamente e/o mentalmente.
stornelletto
(stor-nel-lèt-to) n.m. A Diminutivo di stornello. B Breve canto popolare, tipico dell’Italia centrale, d’argomento amoroso o satirico; generalmente improvvisato, è formato da un quinario, che contiene di solito l’invocazione ad un fiore, e da due endecasillabi, il secondo dei quali rima col verso d’apertura.
straccetto
(strac-cèt-to) n.m. A Diminutivo di straccio. B Piccolo pezzo di tessuto, impiegato in usi domestici per pulire e spolverare. C Ragazzetto stremato da una gara di corsa, stremato come uno straccetto.
tesoretto
(te-so-rèt-to) n.m. A Diminutivo di tesoro. B Grande quantità di monete, di oggetti preziosi, di gemme, accumulata e custodita con cura. C Persona molto amata, che si considerano preziose più di qualsiasi teroso.
timidetto
(ti-mi-dèt-to) n.m. A Diminutivo di timido. B Detto di persona o di animale che prova qualche timore, che non è tanto coraggioso, un ragazzo timidetto.

topetto
(to-pèt-to) n.m. A Diminutivo di topo. B Nome comune di varie specie di piccoli mammiferi roditori con pelo corto e folto, generalmente grigio, zampe anteriori più corte delle posteriori, muso aguzzo e lunga coda coperta di piccole squame.
traghetto
(tra-ghèt-to) 1 n.m. A Il traghettare, il traversare navigando, anche, il luogo dove si effettua tale passaggio. B Il mezzo che serve a traghettare. 2 dal v.tr. traghettare, indicativo presente. Trasportare da una sponda all’altra con una nave, una barca o un altro natante.
vagonetto
(va-go-nèt-to) n.m. A Diminutivo di vagone. B Carrello a cassone per il trasporto su rotaie di materiale nelle miniere.
visonetto
(vi-so-nèt-to) n.m. A Diminutivo di visone. B Piccolo mammifero carnivoro, con pelo bruno, morbido e lucente sul dorso, più chiaro sul ventre, originario dell’America del Nord. C La pelliccia, molto pregiata, fornita da tale mammifero.
sonnetto
(son-nèt-to) n.m. A Diminutivo di sonno. B Cessazione temporanea, spontanea e periodica, di ogni attività psichica superiore, caratterizzata dalla perdita della conoscenza del mondo esterno, dall'abolizione più o meno completa delle funzioni dei centri nervosi e, dal rallentamento delle funzioni della vita organica, dormire un breve sonnetto o sonnellino.

sorrisetto
(sor-ri-sèt-to) n.m. A Diminutivo di sorriso. B Il sorridere, anche, il modo in cui si sorride: un sorrisetto dolce, amaro, affettuoso; un sorisetto beffardo.
sottotetto
(sot-to-tèt-to) n.m. Piano di edificio immediatamente sottostante al tetto, anche, solaio, soffitta.
spaghetto
(spa-ghèt-to) n.m. Pasta alimentare, di forma cilindrica lunga e sottile, che si mangia generalmente asciutta, spaghetti al sugo.
spilletto
(spil-lèt-to) n.m. A Diminutivo di spillo. B Sottile bastoncino d’acciaio, appuntito a un’estremità e munito di capocchia all’altra, che servono per fissare provvisoriamente due lembi di tessuto, fogli di carta, ecc.
sterletto
(ster-lèt-to) n.m. Piccolo pesce, simile allo storione, le cui uova forniscono la migliore qualità di caviale.

sudicetto
(su-di-cèt-to) n.m. A Diminutivo di sudicio. B Sporco, ma non troppo, leggermente imbrattato, mano sudicia, grembiule sudicetto.
tabarretto
(ta-bar-rèt-to) n.m. A Diminutivo di tabarro. B Mantello da uomo, da indossare sull’abito od anche sopra il cappotto.
torchietto
(tor-chièt-to) n.m. A Diminutivo di torchio. B Apparecchio usato nella tecnica fotografica della stampa a contatto, per comprimere il negativo contro la carta sensibile.
trafiletto
(tra-fi-lèt-to) n.m. Nel linguaggio giornalistico, breve notizia o commento, spesso senza titolo, pubblicato tuttavia con un certo rilievo tipografico.
travetto
(tra-vèt-to) n.m. A Diminutivo di trave. B Elemento in laterizio precompresso, impiegato sopratrtutto nelle costruzioni di solai.

turaccioletto
(tu-rac-cio-lèt-to) n.m. A Diminutivo di turacciolo. B Tappo di sughero o di plastica che serve a turare bottiglie, fiaschi e simili.
uncinetto
(un-ci-nèt-to) n.m. A Diminutivo di uncino. B Sorta di grosso ago, con punta a forma di uncino, usato per fare pizzi, lavori a maglia od a rete.
verginetto
(ver-gi-nèt-to) n.m. Fanciullo, ragazzo, giovinetto, che non ha avuto rapporti sessuali completi.
zibetto
(zi-bèt-to) n.m. A Mammifero carnivoro notturno dei paesi orientali, simile alla viverra, ma con pelliccia più morbida e pregiata. B Il prodotto secreto dalle ghiandole perineali di questo animale e della viverra, dall’odore intensissimo di muschio, usati in profumeria.
ragnetto
(ra-gnèt-to) n.m. A Diminutivo di ragno. B Nome generice di artropode della classe degli aracnidi, diffuso in tutto il mondo, dal corpo generalmente breve e diviso in due parti, capotorace e addome, con otto zampe e particolari apparati all’estremità dell’addome, filiere, che secernono il caratteristico filo.

rastrelletto
(ra-strel-lèt-to) n.m. A Diminutivo di rastrello. B Piccolo arnese, costituito da un manico, che reca all’estremità un’asta trasversale munita di denti o rebbi.
regaletto
(re-ga-lèt-to) n.m. A Diminutivo di regalo. B Munuteria che si regala, che si dona o si omaggia.
rispetto
(ri-spèt-to) 1 n.m. Sentimento di deferenza e di stima nei confronti di una persona ritenuta degna. 2 dal v.tr. rispettare, indicativo presente. Riconoscere i diritti, la dignità degli altri, delle loro cose.
sacchetto
(sac-chèt-to) n.m. A Diminutivo di sacco. B Piccolo sacco di carta, tela o plastica, usato per conservare o trasportare cose varie, anche, il suo contenuto.
sbadiglietto
(sba-di-glièt-to) n.m. A Diminutivo di sbadiglio. B Piccolo atto involontario, accessorio della respirazione, caratterizzato da un’abnorme apertura della bocca e, spesso, dallo stiramento degli arti superiori, seguito da una rapida espirazione, segno di sonno, fame o noia.

scaffaletto
(scaf-fa-lèt-to) n.m. A Diminutivo di scaffale. B Mobile aperto, costituito di una serie di ripiani orizzontali, sovrapposti ad una certa distanza, con o senza sportelli.
schiaffetto
(schiaf-fèt-to) n.m. A Diminutivo di schiaffo. B Piccolo, leggero colpetto, dati sulla faccia a mano aperta.
scrignetto
(scri-gnèt-to) n.m. A Diminutivo di scrigno. B Piccola cassettea, anche, piccolo forziere, per conservare gioielli o altri oggetti preziosi.
scuretto
(scu-rèt-to) 1 agg. Leggermente scuro; anche poco o male illuminato. 2 n.m. A Diminutivo di scuro. B Fascia in rilievo, per lo più di legno, che si colloca alla sommità di una parete per sottolineare la partizione dello spazio. C Imposta interna, completamente cieca, di finestra o di una porta a vetri, che si chiude per impedire il passaggio della luce.
sigaretto
(si-ga-rèt-to) n.m. Rotolino cilindrico di tabacco trinciato, che si fuma avvolto in un foglietto di carta sottile a lenta combustione.

soffietto
(sof-fièt-to) n.m. A Piccolo mantice a mano, per accendere o ravvivare il fuoco, per spargere polveri insetticide, ecc. B Nel gergo dei giornalisti, articolo elogiativo, che tende a mettere qualcuno o qualcosa, in una luce favorevole presso il pubblico.
soletto
(so-lèt-to) n.m.pl. A Diminutivo di solo. B poetico, solo, tutto solo, “una donna soletta che si gia”, Dante, Purgatorio, XXVIII°, 40. C Soli soletti, soli, da soli, con valore rafforzativo od espressivo, se ne andava solo soletto.
sorbetto
(sor-bèt-to) n.m. Gelato, per lo più a base di succhi di frutta ghiacciata granita molto finemente.
specchietto
(spec-chièt-to) n.m. A Diminutivo di specchio. B Superfice liscia, che produce una riflessione regolare dei raggi luminosi.
titoletto
(ti-to-lèt-to) n.m. A Diminutivo di titolo. B Nome o breve frase, con cui si indica il soggetto di uno scritto, di un testo, di un’opera d’arte.

tocchetto
(toc-chèt-to) oggi, guazzetto, (guaz-zèt-to), n.m.pl. A Diminutivo di tocco. B Modo di cuocere la carne o il pesce, con abbondante sugo brodoso, coniglio, baccalà in guazzetto.
tonnetto
(ton-nèt-to) n.m. Pesce di mare simile al tonno, ma più piccolo, detto anche palamite, le sue carni sono buone, ma meno pregiate di quelle del tonno.
uccelletto
(uc-cel-lèt-to) n.m. A Diminutivo di uccello. B Piccolo animaletto vertebrato, oviparo, dal corpo coperto di penne e piume, con arti anteriori trasformati in ali, arti posteriori rivestiti di squame ossee e spesso palmati, becco corneo, respirazione polmonare, e circolazione sanguigna arteriosa e venosa separate.
ventaglietto
(ven-ta-glièt-to) n.m. A Diminutivo di ventaglio. B Piccolo arnese per farsi vento.
verdetto
(ver-dèt-to) n.m. A In alcuni ordinamenti processuali, la risposta dei giurati al quesito posto dal giudice, verdetto di condanna o d’assoluzione. B Qualsiasi decisione stabilita da una giuria o da un arbitro, il verdetto dei giudici di gara.

zerbinetto
(zer-bi-nèt-to) n.m. A Diminutivo di zerbino. B Piccolo e spesso tappeti rettangolare, per lo più di fibre vegetali, che si pone davanti alle porte perché chi entra vi si pulisca le scarpe.
    


NON DEFINITO  TOP
getto
pioggia.
fiacchetto
(fiac-chèt-to) agg A Diminutivo di fiacco. B Che non ha vigore, energia, in senso fisico e morale, sentirsi fiacchetto.
pozzetto
(poz-zèt-to) n.n. A Diminutivo di pozzo. B Piccola cavità per contenere liquidi.
oggetto
uno no strato di stagno.
 


Se utilizzi il sito ed apprezzi il lavoro svolto in questi anni ti chiediamo di fare una donazione.
Grazie.