Un dizionario di 297.519 parole consultabile
Un rimario di 609.491 parole sempre a disposizione
Un lavoro di 16 anni messo liberamente a disposizione.

Ricerca rime:

Specificare la parola con cui fare rima ed il numero di caratteri finali che devono corrispondere

 
 




Ti sei accorto di un errore o di una definizione sbagliata? Ti chiediamo di segnalarla cliccando

Parola:
avello : (a-vèl-lo)
1 n.m. Piccola tomba, sepolcro.
2: dal v.tr. avellere, indicativo presente. Sradicare, strappare, svellere.



Trovate 333  Rime. VERBI    AGGETTIVI    NOMI    NON DEFINITO    



VERBI  TOP
accannello
(ac-ca-nèl-lo) dal v.tr. accannellare, indicativo presente. Nell’industria tessile, avvolgere il filato sulle bobine, sui cannelli, sui rocchetti.
affastello
(af-fa-stèl-lo) dal v.tr. affastellare, indicativo presente. Ammassare confusamente.
balzello
(bal-zèl-lo) 1 n.m. Tassa, tributo. 2 dal v.intr. balzellare, indicativo presente. Avvanzare a piccoli balzi.
dissuggello
(dis-su-gèl-lo) dal v.tr. dissuggellare, indicativo presente. Liberare dai sigilli.
raggranello
(ra-gra-nèl-lo) dal v.tr. raggranellare, indicativo presente. Mettere assieme a stento, con fatica.

scampanello
(scam-pa-nèl-lo) dal v.intr. scampanellare, indicativo presente. Suonare a lungo un campanello.
strimpello
(strim-pèl-lo) dal v.tr. strimpellare, indicativo presente. Suonare in modo maldestro.
cancello
(can-cèl-lo) 1 n.m. Chiusura a battente posta a sbarramento di accessi. 2 dal v.tr. cancellare, indicativo presente. Eliminare la parole di uno scritto o di un disegno.
flagello
(fla-gèl-lo) 1 n.m. Frusta costituita da funicelle annodate o da strisce di cuoio, usata anticamente come strumento di pena o di supplizio. 2 dal v.tr. flagellare, indicativo presente. Percuotere con il flagello, frusta costituita da funicelle annodate o da strisce di cuoio, usata anticamente come strumento di pena o di supplizio.
interpello
(in-ter-pèl-lo) dal v.tr. interpellare, indicativo presente. Rivolgere una domanda a qualcuno.

puntello
(pun-tèl-lo) 1 n.m. Grossa trave posta a sostegno di qualcosa che può crollare o franare. 2 dal v.tr. puntellare, indicativo presente. Rinforzare con puntelli.
saltello
(sal-tèl-lo) 1 n.m. A Piccolo salto ripetuto più volte. B Diminutivo di salo. 2 dal v.intr. saltellare, indicativo presente. Procedere a piccoli salti.
acquerello
(ac-que-rèl-lo) o acquarello, 1 n.m. Tenica pittorica che usa colori che diluiscono in acqua. 2 dal v.tr. acquerellare, indicativo presente. Dipingere ad acquerello.
addentello
(ad-den-tèl-lo) dal v.tr. addentellare, indicativo presente. Munire di dentelli.
appello
(ap-pèl-lo) 1 n.m. Chiamare, uno per volta, in ordine alfabetico. 2 dal v.tr. appellare, indicativo presente. Chiamare, denominare.

dissello
(dis-sèl-lo) 1 dal v.tr. dissellare, indicativo presente. Togliere la sella ad un cavallo. 2 dal v.intr. dissellare, indicativo presente. Cadere di sella.
fustello
(fu-stèl-lo) dal v.tr. fustellare, indicativo presente. tagliare con la fustella, un utensile per tagliare cuoio, carta e cartone.
macello
(ma-cèl-lo) 1 n.m. A Luogo dove si macellano gli animali destinati all’alimentazione umana. B Grande stragge di persone. 2 dal v.tr. macellare, indicativo presente. Uccidere bestiame che serve all’alimentazione umana.
pennello
(pen-nèl-lo) 1 n.m. Attrezzo adoperato per dipingere. 2 dal v.tr. pennellare, indicativo presente. Coprire col il colore.
randello
(ran-dèl-lo) 1 n.m. Bastone corto e tozzo. 2 dal v.tr. randellare, indicativo presente. Bastonare, percuotere con un randello.

spennello
(spen-nèl-lo) dal v.tr. spennellare, indicativo presente. Passare una superficie con un pennello intinto di un liquido. spiattello, (spiat-tèl-lo), dal v.tr. spiattellare, indicativo presente. Dire apertamente cose che dovrebbero rimanere segrete.
stuello
(stu-èl-lo) dal v.tr. stuellare, indicativo presente. Curare una ferita profonda introducendovi uno stuello od uno zaffo, tampone di garza che si introduce nelle ferite profonde per mantenerle aperte, evitando che cicatrizzino al bordo con formazione di una sacca.
tamburello
(tam-bu-rèl-lo) 1 n.m. Strumento musicale a percussione. 2 dal v.intr. tamburellare, indicativo presente. Battere su una superficie con colpi rapidi.
accoltello
(ac-col-tèl-lo) dal v.tr. accoltellare, indicativo presente. Ferire a colpi di coltello.
arrovello
(ar-ro-vèl-lo) dal v.tr. arrovellare, indicativo presente. Angustiare, preocupare, tormentare, Questo pensiero mi arrovella.

bucherello
(bu-che-rèl-lo) 1 n.m. A Diminutivo di buco. B Piccola apertura tondeggiante. 2 dal v.tr. bucherellare, indicativo presente. Fare tanti piccoli buchi.
cesello
(ce-sèl-lo) 1 n.m. Scalpello dell’incisore. 2 dal v.tr. cesellare, indicativo presente. Scrivere, dipingere o svolgere un’altra attività artistica con estrema accuratezza, mirando alla perfezione.
inanello
(i-na-nèl-lo) dal v.tr. inanellare, indicativo presente. A Dare forma di anello a qualcosa. B Applicare un anello di contrassegno alla zampa di uccelli migratori.
rimodello
(ri-mo-dèl-lo) dal v.tr. rimodellare, indicativo presente. Modellare di nuovo.
sbiello
(sbièl-lo) dal v.intr. sbiellare, indicativo presente. Detto di motore alternativo, cessare di funzionare per la rottura di una o più biella.

sfracello
(sfra-cèl-lo) dal v.tr. sfracellare, indicativo presente. Ridurre a pezzi od a cosa informe..
sfringuello
(sfrin-guèl-lo) 1 dal v.tr. sfringuellare, indicativo presente. Raccontare cianciando. 2 dal v.intr. sfringuellare, indicativo presente. Spettegolare.
sgonnello
(sgon-nèl-lo) dal v.intr. sgonnellare, indicativo presente. Andare in giro qua e là per farsi notare.
debello
(de-bèl-lo) dal v.tr. debellare, indicativo presente. Annientare, sconfiggere in modo definitivo.
dentello
(den-tèl-lo) 1 n.m. Ogni sporgenza a forma di dente. 2 dal v.tr. dentellare, indicativo presente. Intagliare, ritagliare a dentelli.

favello
(fa-vèl-lo) dal v.intr. favellare, indicativo presente. Parlare.
gabello
(ga-bèl-lo) dal v.tr. gabellare, indicatico presente. A Sottoporre a gabella; anche, tassare. B Far passare per ciò che non è, far credere. Gabellare notizie false per vere.
modello
(mo-dèl-lo) 1 n.m. Giovane che posa come modello davanti a pittori, scultori o fotografi, in particolare, uomo che posa per fotografie indossando capi di abbigliamento. 2 dal v.tr. modellare, indicativo presente. Dare forma a qualcosa, utilizzando l’argilla od un altro materiale plastico.
novello
(no-vèl-lo) dal v.tr. novellare, indicativo presente. Raccontare novelle.
rinovello
(ri-no-vèl-lo) dal v.tr. rinovellare, indicativo presente. Ripetere, provare di nuovo. “Tu vuo’ ch’io rinovelli / disperato dolor che ‘l cor mi preme”, Dante Inferno, XXXIII°, 4-5.

saltarello
(sal-ta-rèl-lo) o salterello, 1 n.m. Danza popolare dell’Italia centrale. 2 dal v.intr. salterellare, indicativo presente. Fare piccoli e rapidi saltelli.
sarchiello
(sar-chièl-lo) dal v.tr. sarchiellare, indicativo presente. Sollevare leggermente la terra col sarchiello per estirpare le erbacce.
scartabello
(scar-ta-bèl-lo) dal v.tr. scartabellare, indicatico presente. Sfogliare un volume o dei fogli in fretta e disordinatamente, alla ricerca di qualcosa. Scartabellare un manuale.
trivello
(tri-vèl-lo) 1 n.m. Attrezzo manuale, usato per praticare fori nel legno, succhiello. 2 dal v.tr. trivellare, indicativo. Perforare con trivelli.
smascello
(sma-scèl-lo) dal v.tr. smascellare, indicativo presente. Slogare le mascelle.

succhiello
(suc-chièl-lo) 1 n.m. Utensile manuale per praticare fori di piccolo diametro nel legno. 2 dal v.tr. succhiellare, indicativo presente. Praticare fori col succhiello, utensile manuale per praticare fori di piccolo diametro nel legno.
affardello
(af-far-dèl-lo) dal v.tr. affardellare, indicativo presente. Disporre più cose a formare un fardello.
anello
(a-nèl-lo) 1 n.m. Cerchietto, normalmente in oro, che si porta al dito come simbolo di una condizione. 2 dal v.tr. anellare, indicativo presente. A Munire di anelli. B Avvolgere ad anelli.
avello
(a-vèl-lo) 1 n.m. Piccola tomba, sepolcro. 2 dal v.tr. avellere, indicativo presente. Sradicare, strappare, svellere.
divello
(di-vèl-lo) dal v.tr. divellere, indicativo presente. Sradicare, strappare con forza.

duello
(du-èl-lo) 1 n.m.pl. Combattimento tra due contendenti, ad armi pari, secondo le norme cavalleresche. 2 dal v.intr. duellare, indicativo presente. Fare un duello, battersi in duello.
riappuntello
(ri-ap-pun-tèl-lo) dal v.tr. riappuntellare, indicativo presente. Appuntellare di nuovo.
ruscello
(ru-scèl-lo) 1 n.m. Piccolo corso d’acqua sorgiva. 2 dal v.intr. ruscellare, indicativo presente. Scorrere come un ruscello.
sbocconcello
(sboc-con-cèl-lo) dal v.tr. sbocconcellare, indicativo presente. Mangiare a piccoli bocconi o di malavoglia.
sbrindello
(sbrin-dèl-lo) 1 n.m. Brandello. 2 dal v.tr. sbrindellare, indicativo presente. Ridurre a brandelli.

sello
(sèl-lo) dal v.tr. sellare, indicativo presente. Mettere la sella al cavallo.
suggello
(sug-gèl-lo) dal v.tr. suggellare, indicativo presente. Chiudere con sigilli.
coppello
(cop-pèl-lo) dal v.tr. coppellare, indicativo presente. Purificare i metalli preziozi nella coppella, un piccolo crogiolo a forma di coppa.
incasello
(in-ca-sèl-lo) dal v.tr. incasellare, indicativo presente. Distribuire in caselle rispettando un preciso ordine.
indrappello
(in-drap-pèl-lo) dal v.tr. indrappellare, indicativo presente. Inquadrare in drappelli.

ingioiello
(in-gio-ièl-lo) dal v.tr. ingioiellare, indicativo presente. Abbellire, ornare con gioielli.
smantello
(sman-tèl-lo) dal v.tr. smaltellare, indicativo presente. A Abbattere, demolire. B Dimostrare la falsità di qualcosa.
stornello
(stor-nèl-lo) 1 n.m. Breve canto popolare, tipico dell’Italia centrale, di argomento amoroso o satirico. 2 dal v.intr. stornellare, indicativo presente. Cantare stornelli.
svello
(svèl-lo) dal v.tr. svellere, indicativo presente. Sradicare, strappare con forza.
accastello
(ac-ca-stèl-lo) dal v.tr. accastellare, indicativo presente. Ammucchiare una cosa sull’altra.

acciambello
(ac-ciam-bèl-lo) dal v.tr. acciambellare, indicativo presente. Avvolgere a ciambella.
costello
(co-stèl-lo) dal v.tr. costellare, indicativo presente. Ornare o punteggiare di stelle.
crivello
(cri-vèl-lo) n.m. Sorta di grosso setacco, per vagliare sabbia od altri materiali incoerenti. 2 dal v.tr. crivellare, indicativo presente. A Riempire di buchi, riducendo come un crivello. B Operazione di passare al setaccio.
eccello
(ec-cèl-lo) dal v.intr. eccellere, indicativo presente. Emergere, primeggiare.
incappello
(in-cap-pèl-lo) dal v.tr. incappellare, indicativo presente. Coprire con un cappello. 2 dal v.intr. incappellare, indicativo presente. Mettersi il cappello.

lardello
(lar-dèl-lo) dal v.tr. lardellare, indicativo presente. Incidere ed introdurre pezzetti di lardo nella carne da cuocere per renderla più saporita.
niello
(nièl-lo) dal v.tr. niellare, indicativo presente. Decorare mediante niellatura, decorazione di oggetti d’oro o d’argento, che si esegue incidendo la superficie e riempiendo le incisioni con niello, lega di colore nero.
puddello
(pud-dèl-lo) dal v.tr. puddellare, indicativo presente. Processo, che si usava un tempo, per trasformare la ghisa in acciaio dolce.
rinnovello
(rin-no-vèl-lo) dal v.tr. rinnovellare, indicativo presente. A Rinnovare, rendere nuovo. B Rievocare, ridestare.
sbudello
(sbu-dèl-lo) dal v.tr. sbudellare, indicativo presente. A Riferito a persona, colpite al ventre producendo una grave ferita. B Aprire il ventre ad un animale per levarne le viscere.

scalpello
(scal-pèl-lo) o scarpello, dal v.tr. scalpellare o scarpellare, indicativo presente. Incidere con lo scalpello.
scodello
(sco-dèl-lo) dal v.tr. scodellare, indicativo presente. Versare nelle scodelle.
smartello
(sman-tèl-lo) dal v.tr. smartellare, indicativo presente. Percuotere ripetutamente con il martello.
spello
(spèl-lo) dal v.tr. spellare, indicativo presente. A Strappare la pelle. B Chiedere un compenso esagerato.
trotterello
(trot-te-rèl-lo) dal v.intr. trotterellare, indicativo presente. Andare al piccolo trotto.



AGGETTIVI  TOP
grassottello
(gras-sot-tèl-lo) agg. Vezzeggiativo di grasso.
orfanello
(or-fa-nèl-lo) 1 agg. Che è rimasto privo di uno o entrambi i genitori. 2 n.m. A Chi ha perso uno o entrambi i genitori. B Diminutivo di orfano.
cattivello
(cat-ti-vèl-lo) 1 agg. Birichino, bricconcello. 2 n.m. Anello di ferro al quale è attaccato il battaglio delle campane.
gemello
(ge-mèl-lo) 1 agg. Nato in uno stesso parto con uno o più fratelli o sorelle, fratello gemello. 2 n.m. A Chi è nato dallo stesso parto. B Ognuno dei bottoni doppi con cui si allacciano i polsini a doppio occhiello delle camicie.
morello
(mo-rèl-lo) 1 agg. Riferito ad un colore quasi nero, cavallo morello. 2 n.m. Cavallo dal manto color nero.

saputello
(sa-pu-tèl-lo) 1 agg. A Diminutivo di saputo. B Che si atteggia, nonostante la giovane età, a persona adulta, intervenendo nelle discussioni, affrontando argomenti che non conosce e simili. Un ragazzo saputello. 2 n.m. Chi si atteggia, nonostante la giovane età, a persona adulta, intervenendo nelle discussioni, affrontando argomenti che non conoscoe e simili.
portagioiello
(por-ta-gio-ièl-lo) 1 agg. Riferito ad un portagioie. Un cofanetto portagioielli. 2 n.m. Portagioie.
snello
(snèl-lo) agg. A Affusolato, slanciato, sottile. B Agevole, semplice, slanciato.
stampatello
(stam-pa-tèl-lo) 1 agg. Riferito alla srittura a mano, che imita i caratteri di stampa. 2 n.m. Carattere stampatello maiuscolo o minuscolo.
bello
(bèl-lo) 1 agg. Che è dotato di bellezza, tempo bello. 2 n.m. Ciò che è o consideriamo di grande bellezza, è iscita con il suo bello.

imbello
(im-bèl-lo) agg. A Non atto alla guerra. B Codardo, pauroso, vile.
passatello
(pas-sa-tèl-lo) 1 agg. Si dice di persona non più giovane. 2 n.m. Specialità romagnola e marchigiana di pasta alimentare fresca.
picchiatello
(pic-chia-tèl-lo) 1 agg. Che è un po’ pazzerello, o per lo meno stravagante, ragazzo picchiatello. 2 n.m. Chi è un po’ pazzerelo, non fidarti di quel picchiatello.
cicciottello
(cic-ciot-tèl-lo) agg. A Diminutivo di cicciotto. B Grassoccio, grassotello.
paffutello
(paf-fu-tèl-lo) agg. A Diminutivo di paffuto. B Grassoccio e sodo. Viso paffutello; un bambino paffutello.

pazzerello
(paz-ze-rèl-lo) agg. A Avventato, sconsiderato. B Diminutivo di pazzo.
quello
(quèl-lo) agg.dimostr. Indica persona o cosa lontana, nel tempo o nello spazio, sia da chi parla sia da chi ascolta. Al sing.m. si tronca in quel, davanti a consonante. Resta invece inalterato davanti a gn, pn, ps, s impura, sc, x, z. Si elide in quell’ davanti a vocale. Al pl.m. quélli, o, quéi davanti a consonante. Si usa quégli davanti a vocale, ad n, ph, ps, s impura, sc, x, z. Al sing.f. quélla si elide in quell’ davanti ad a e davanti alle altre vocali. Al pl.f. è regolare. Quelle chiavi laggiù sono mie; quelle ombre, che al calar del sol si allungano eteree ... . B Indica persona o cosa nominata precedentemente e nota a chi ascolta.
bricconcello
(bric-con-cèl-lo) 1 agg. Riferito a giovane astuto. 2 n.m. A Diminutivo di briccone. B Ragazzo furbo e vivace, con una nota di affettuoso sentimento, sei proprio dei gran bricconcello.
  


NOMI  TOP
acquerello
(ac-que-rèl-lo) o acquarello, 1 n.m. Tenica pittorica che usa colori che diluiscono in acqua. 2 dal v.tr. acquerellare, indicativo presente. Dipingere ad acquerello.
cartello
(car-tèl-lo) n.m. Avviso scritto a caratteri ben visibili per comunicazioni al pubblico.
cruschello
(cru-schèl-lo) n.m. Residuo della macinazione dei cereali, impiegato per l’alimentazione animale.
filugello
(fi-lu-gèl-lo) n.m. Baco da seta.
fondello
(fon-dèl-lo) n.m. A Parte posteriore di un bossolo di un proiettile. B Parte interna di un bottone rivestito di stoffa.

fratello
(fra-tèl-lo) n.m. Figli di sesso maschile nati dalla stessa coppia di sposi.
gemello
(ge-mèl-lo) 1 agg. Nato in uno stesso parto con uno o più fratelli o sorelle, fratello gemello. 2 n.m. A Chi è nato dallo stesso parto. B Ognuno dei bottoni doppi con cui si allacciano i polsini a doppio occhiello delle camicie.
massello
(mas-sèl-lo) n.m. Blocco di materia solida destinato a successiva lavorazione.
matterello
(mat-te-rèl-lo) n.m. Lungo cilindro di legno usato in cucina per spianare ed assottigliate la sfoglia di pasta.
monello
(mo-nèl-lo) n.m. Ragazzo discolo, impertinente e poco educato.

orbello
(or-bèl-lo) n.m. Lama metallica rettangolare, non tagliente, incassata, con uno dei lati lunghi, in un manico cilindrico di legno, usata dai cuoiai per distendere e spianare il cuoio.
oricello
(o-ri-cèl-lo) n.m. Varietà di licheno rosso-violaceo, frequente sulle scogliere del mediterraneo.
ostello
(o-stèl-lo) n.m. Albergo che fornisce vitto ed alloggio a basso prezzo.
pennarello
(pen-na-rèl-lo) n.m. Tipo di penna con punta di feltro imbevuta di inchiostro a rapida essicazione.
pennello
(pen-nèl-lo) 1 n.m. Attrezzo adoperato per dipingere. 2 dal v.tr. pennellare, indicativo presente. Coprire col il colore.

polpastrello
(pol-pa-strèl-lo) n.m. La parte tondeggiante e carnosa dell’ultima falange di ogni dito.
portello
(por-tèl-lo) n.m. Piccola porta praticata sui portoni.
rimbalzello
(rim-bal-zèl-lo) n.m. Gioco che consiste nel lanciare dei ciottoli piatti a pelo d’acqua per farli rimbalzare più volte.
sbarbatello
(sbar-ba-tèl-lo) n.m. Giovincelo pretenzioso che cerca di comportarsi come un adulto.
scannello
(scan-nèl-lo) 1 n.m. Taglio magro e tenero di carne bovima, nella parte interna della coscia, tra il girello ed il controgirello. 2 dal v. tr. scannellare, indicativo presente. Incidere facendo delle scanalature. B Svolgere il filato dalle bobine, dai cannelli.

spinello
(spi-nèl-lo) n.m. Sigaretta confezionata artigianalmente con hashish o marijuana.
spiritello
(spi-ri-tèl-lo) n.m. A Piccolo essere sopranaturale, folletto. B Bambini vivacissimi.
succhiello
(suc-chièl-lo) 1 n.m. Utensile manuale per praticare fori di piccolo diametro nel legno. 2 dal v.tr. succhiellare, indicativo presente. Praticare fori col succhiello, utensile manuale per praticare fori di piccolo diametro nel legno.
tamburello
(tam-bu-rèl-lo) 1 n.m. Strumento musicale a percussione. 2 dal v.intr. tamburellare, indicativo presente. Battere su una superficie con colpi rapidi.
tornello
(tor-nèl-lo) n.m. Congegno girevole posto all’ingresso di locali pubblici.

trovatello
(tro-va-tèl-lo) n.m. Bambino piccolissimo abbandonato dai genitori.
unghiello
(un-ghièl-lo) n.m. A Unghia allungata, stretta, incurvata propria dei rettili, degli uccelli e di gran parte dei mammiferi, anche, artiglio, unghiolo. B Escrescenza cornea visibile sulla faccia posteriore del nodello, parte degli arti anteriori e posteriori dei quadrupedi compresa fra lo stinco e la pastoia, dei ruminanti.
beccatello
(bec-ca-tèl-lo) n.m. Mensoletta a sostegno di cornicioni o simili.
bigello
(bi-gèl-lo) n.m. Panno grossolano di colore grigio e pelo lungo.
bottello
(bot-tèl-lo) n.m. Etichetta che si incolla sul dorso dei libri per indicarne il titolo o la segnatura, oppure sulle bottiglie per indicarne il contenuto e, per i vini, l’anno della vendemmia.

capannello
(ca-pa-nèl-lo) n.m. Crocchio di persone riunite in cerchio per commentare un evento.
caramello
(ca-ra-mèl-lo) n.m. Zucchero liquefatto e brunito con la cottura, usato in pasticceria.
chiavistello
(chia-vi-stèl-lo) n.m. Barretta d’acciaio che si fa scorrere, mediante un pomello, entro anelli infissi sulle imposte di porte o finestre, per chiuderle
fotomodello
(fo-to-mo-dèl-lo) n.m. Chi posa per fotografie pubblicitarie, indossando capi di abbigliamento.
ginocchiello
(gi-noc-chièl-lo) n.m. A Cuscinetto di cuoio che si mette ai ginocchi del cavallo per proteggerli. B Nelle armature antiche, ginocchiera. C In macelleria, il ginocchio del maiale.

grimaldello
(gri-mal-dèl-lo) n.m. Ferro ritorto ad una estremità, usato per aprire le serrature senza far uso delle chiavi.
labello
(la-bèl-lo) n.m. Petalo centrale delle orchidee, incurvato a forma di labbro.
listello
(li-stèl-lo) n.m. A Piccola striscia di legno, o altro matariale, usata come sostegno o come rinforzo. B Diminutivo di lista.
livello
(li-vèl-lo) n.m. Altezza di un piano orizzontale, rispetto ad un altro piano orizzontale, preso come riferimento.
mantello
(man-tèl-lo) n.m. Indumento lungo e ampio, senza maniche, che si porta sopra gli abiti appoggiato sulle spalle ed agganciato al collo.

menestrello
(me-ne-strèl-lo) n.m. Nel medioevo, Giullare che componeva e cantava canzoni o poesie.
nodello
(no-dèl-lo) n.m. A In zoologia, parte degli arti anteriori e posteriori dei quadrupedi compresa fra lo stinco e la pastoia. B In botanica, l’ingrossamento a forma di anello nel fusto di una canna.
panello
(pa-nèl-lo) n.m. Formella ottenuta per compressione di semi oleosi, usata come alimento del bestiame di allevamento.
pestello
(pe-stèl-lo) n.m. Arnese di metallo o di legno usato per pestare nel mortaio.
piattello
(piat-tèl-lo) n.m. A Piccolo disco a forma di piatto. B Diminutivo di piato.

picchierello
(pic-chie-rèl-lo) n.m. Tipo di martello usato dagli scultori.
sacello
(sa-cèl-lo) n.m. A Piccola chiesa isolata. B Cappella inglobata in edifici maggiori.
vermicello
(ver-mi-cèl-lo) n.m. A Tipo di pasta da minestra, simile allo spaghetto. B Diminutivo di verme.
bertuello
(ber-tu-èl-lo) n.m. o bertabello, bertibello, bertovello, n.m. A Arnese da pesca simile alla nassa, formato da vari coni di rete uno dentro all’altro. B Rete a forma di imbuto per catturare gli uccelli.
bricconcello
(bric-con-cèl-lo) 1 agg. Riferito a giovane astuto. 2 n.m. A Diminutivo di briccone. B Ragazzo furbo e vivace, con una nota di affettuoso sentimento, sei proprio dei gran bricconcello.

broccatello
(broc-ca-tèl-lo) n.m. A Varietà di marmo durissimo, giallo o rosso, variegato con altri colori B Tesssuto di seta che imita il broccato.
cannello
(can-nèl-lo) n.m. A Piccolo tubo al termine di una conduttura. B Segmento di canna, tagliato fra due nodi e vuoto internamente.
dragoncello
(dra-gon-cèl-lo) n.m. Pianta erbacea aromatica, usata in cucina ed in profumeria.
drappello
(drap-pèl-lo) n.m. Piccolo schieramento di soldati.
fatterello
(fat-te-rèl-lo) n.m. A Avvenimento di scarsa importanza. B Diminutivo di fatto.

favolello
(fa-vo-lèl-lo) n.m. Breve racconto in versi, tipico della letteratura medievale.
fegatello
(fe-ga-tèl-lo) n.m. Pezzetto di fegato di maiale, avvolto nella sua stessa rete, e cucinato allo spiedo o in padella.
flagello
(fla-gèl-lo) 1 n.m. Frusta costituita da funicelle annodate o da strisce di cuoio, usata anticamente come strumento di pena o di supplizio. 2 dal v.tr. flagellare, indicativo presente. Percuotere con il flagello, frusta costituita da funicelle annodate o da strisce di cuoio, usata anticamente come strumento di pena o di supplizio.
latticello
(lat-ti-cèl-lo) n.m. Liquido lattiginoso residuo dalla fabbricazione del burro.
manganello
(man-ga-nèl-lo) n.m. Randello rivestito in gomma, specialmente quello usato dalle forze dell’ordine, chiamato anche sfollagente.

mannello
(man-nèl-lo) n.m. Piccolo fascio di spighe.
mastello
(ma-stèl-lo) n.m. Recipiente di legno a forma tronco conica, più aperto verso l’alto, costruito con doghe, due delle quali più lunghe e munite di foro per il trasporto.
modello
(mo-dèl-lo) 1 n.m. Giovane che posa come modello davanti a pittori, scultori o fotografi, in particolare, uomo che posa per fotografie indossando capi di abbigliamento. 2 dal v.tr. modellare, indicativo presente. Dare forma a qualcosa, utilizzando l’argilla od un altro materiale plastico.
picchiatello
(pic-chia-tèl-lo) 1 agg. Che è un po’ pazzerello, o per lo meno stravagante, ragazzo picchiatello. 2 n.m. Chi è un po’ pazzerelo, non fidarti di quel picchiatello.
pipistrello
(pi-pi-strèl-lo) n.m. Piccolo mammifero insettivoro noturno.

ponticello
(pon-ti-cèl-lo) n.m. A Negli occhiali, segmento di raccordo fra i due cerchi portalenti. B Nelle armi da fuoco, archetto che protegge il grilletto. C Diminutivo di ponte.
portagioiello
(por-ta-gio-ièl-lo) 1 agg. Riferito ad un portagioie. Un cofanetto portagioielli. 2 n.m. Portagioie.
rasatello
(ra-sa-tèl-lo) n.m. A Tessuto di cotone simile al raso, ma più leggero. B Diminutivo di rasato.
rastrello
(ra-strèl-lo) 1 n.m. Arnese che serve ad ammucchiare e raccogliere l’erba tagliata o il fieno essicato, e simili. 2 dal v. tr. rastrellare, indicativo presente. Raccogliere, ripulire col rastrello.
righello
(ri-ghèl-lo) n.m. Asticella, generalmente in plastica trasparente, con bordo o bordi graduati, usata per tracciare linee.

untorello
(un-to-rèl-lo) n.m. A Persona da poco, povero diavolo. B Diminutivo di untore.
vello
(vello) 1 n.m. A La massa di pelo di un animale da lana. B La pelle stessa. 2 dal v. tr. vellere, indicativo presente. Sradicare, svellere,
zimbello
(zim-bèl-lo) n.m. Uccello da richiamo.
appello
(ap-pèl-lo) 1 n.m. Chiamare, uno per volta, in ordine alfabetico. 2 dal v.tr. appellare, indicativo presente. Chiamare, denominare.
arboscello
(ar-bo-scèl-lo) n.m. Albero ancora giovanr, piccola pianta.

bambinello
(bam-bi-nèl-lo) n.m. Diminutivo di bambino.
bello
(bèl-lo) 1 agg. Che è dotato di bellezza, tempo bello. 2 n.m. Ciò che è o consideriamo di grande bellezza, è iscita con il suo bello.
capitello
(ca-pi-tèl-lo) n.m. Estremità superiore delle colonne su cui poggia l’architrave o l’arco.
caratello
(ca-ra-tèl-lo) n.m. Piccola botte per liquori o vini pregiati.
cerebello
(ce-re-bèl-lo) n.m.pl. Cevelletto.

culatello
(cu-la-tèl-lo) n.m. Prosciutto fatto con la parte migliore del lombo di maiale.
dentello
(den-tèl-lo) 1 n.m. Ogni sporgenza a forma di dente. 2 dal v.tr. dentellare, indicativo presente. Intagliare, ritagliare a dentelli.
duello
(du-èl-lo) 1 n.m.pl. Combattimento tra due contendenti, ad armi pari, secondo le norme cavalleresche. 2 dal v.intr. duellare, indicativo presente. Fare un duello, battersi in duello.
fanello
(fa-nèl-lo) n.m. Uccello canoro dell’ordine dei Passeriformi, molto comune in Italia. Ha petto rosso ed il dorso nocciola.
favagello
(fa-va-gèl-lo) n.m. Pianta erbacea con radici tuberose, foglie cuoriformi e fiori gialli.

flabello
(fla-bèl-lo) n.m. A Grande ventaglio, formato da lunghe piume fissate a raggera. B Foglia che ha l’aspetto di un ventaglio.
fringuello
(frin-gu-èl-lo) n.m. A Piccolo uccello canoro, con gola e petto rossicci, ali nere attraversate da due fasce bianche. Vive nei campi o nelle zone boscose. Può adattarsi alla cattività. B Persona ingenua, inesperta; anche, merlo.
giovincello
(gio-vin-cèl-lo) n.m. Vezzeggiativo di giovane.
granello
(gra-nèl-lo) n.m. A Riferito alla sabbia, cosa molto piccola e tondeggiante. B Chicco di grano e di altri cereali C Piccolo seme di molti frutti.
martello
(mar-tèl-lo) 1 n.m. Arnese che serve a battere direttamente un matariale od un utensile. 2 dal v. tr. martellare, indicativo presente. Lavorare con il martello.

mulinello
(mu-li-nèl-lo) n.m. A Vortice formato dalla corrente dell’acqua. B Dispositivo che si applica alle canne da pesca.
nasello
(na-sèl-lo) n.m. Pesce di mare, simile al merluzzo, ma di taglia più piccola.
navicello
(na-vi-cèl-lo) n.m. Piccolo veliero a due alberi.
ombrello
(om-brèl-lo) n.m. Arnese per ripararsi dalla pioggia o dal sole.
orfanello
(or-fa-nèl-lo) 1 agg. Che è rimasto privo di uno o entrambi i genitori. 2 n.m. A Chi ha perso uno o entrambi i genitori. B Diminutivo di orfano.

pastello
(pa-stèl-lo) n.m. Impasto solido di colore misto a sostanze adesive.
pedicello
(pe-di-cèl-lo) n.m. A Gambo che sostiene un organo vegetale. B Peduncolo, picciolo.
pisello
(pi-sèl-lo) n.m. Seme commestibile tondeggiante di colore verde chiaro.
pivello
(pi-vèl-lo) n.m. Ragazzo inesperto, novizio, principiante.
rovello
(ro-vèl-lo) n.m. Stizza rabbiosa, tormento interiore.

saltarello
(sal-ta-rèl-lo) o salterello, 1 n.m. Danza popolare dell’Italia centrale. 2 dal v.intr. salterellare, indicativo presente. Fare piccoli e rapidi saltelli.
sassello
(sas-sèl-lo) n.m. Piccolo tordo, più picolo di quello comune.
secchiello
(sec-chièl-lo) n.m. Piccolo secchio adibito a vari usi. Secchiello per il ghiaccio; secchiello da spiaggia.
stenterello
(sten-te-rèl-lo) n.m. Maschera popolari fiorentina.
tuello
(tu-èl-lo) n.m. In zoologia, la parte interna, non cornea, dello zoccolo del cavallo.

agnello
(a-gnèl-lo) n.m. A Il figlio della pecora in giovane età. B Pesona mite e remissiva.
asinello
(a-si-nèl-lo) n.m. A Diminutivo di asino. B Ragazzino stupido ed ignorante.
autocestello
(au-to-ce-stèl-lo) n.m. Autoveicolo munito di un braccio articolato elevatore alla cui estremità è assicurata una cabina aperta, che permette di eseguire senza pericolo i lavori che si svolgono a notevole altezza dal suolo.
balzello
(bal-zèl-lo) 1 n.m. Tassa, tributo. 2 dal v.intr. balzellare, indicativo presente. Avvanzare a piccoli balzi.
bastardello
(ba-star-dèl-lo) n.m. Registro di minute per atti pubblici o privati.

bidello
(bi-dèl-lo) n.m. Addetto alla custodia ed alla pulizia delle scuole.
bindello
(bin-dèl-lo) n.m. Stretta striscia di latta che chiude ermeticamente il coperchio delle scatole di prodotti alimentari.
brindello
(brin-dèl-lo) n.m. Piccolo pezzetto di cosa lacerata o strappata.
bucherello
(bu-che-rèl-lo) 1 n.m. A Diminutivo di buco. B Piccola apertura tondeggiante. 2 dal v.tr. bucherellare, indicativo presente. Fare tanti piccoli buchi.
carosello
(ca-ro-sèl-lo) n.m. Movimento circolare vorticoso.

castello
(ca-srèl-lo) n.m. Edificio munito di mura e torri, spesso circondato da un fossato, ed erretto come dimora fortificata del signore feudale.
confratello
(con-fra-tèl-lo) n.m. Chi appartiene allo stesso ordine religioso.
fastello
(fa-stèl-lo) n.m. Fascio d’erba o di legna minuta, disposto nel senso della lunghezza e legato insieme.
fermanello
(fer-ma-nèl-lo) n.m. Anello sottile che si infila al dito per tenere assicurato un anello più prezioso.
fusello
(fu-sèl-lo) n.m. Piccolo fuso su cui avvolgere il filo.

gavitello
(ga-vi-tèl-lo) n.m. Piccola boa usata per lo più per segnalazioni.
moscatello
(mo-sca-tèl-lo) n.m. Varietà di vitigno e di vino moscao, bianco o nero.
occhiello
(oc-chièl-lo) n.m. Piccolo taglio, per lo più orlato, praticato in un tessuto per farvi passare un bottone.
ocello
(o-cèl-lo) n.m. Macchia tonda di colore scuro caratteristica del piumaggio del pavone, del pelane del giaguaro, nelle ali delle farfalle, ecc.
pannello
(pan-nèl-lo) n.m. Elemento piano racchiuso in un riquadro portante.

pannicello
(pan-ni-cèl-lo) n.m. A Pezzuola di tela riscaldata ed impregnata di una sostanza medicamentosa, con la quale si effettuano impacchi. B Diminutivo di panno.
porcello
(por-cèl-lo) n.m. A Giovane maiale. B Persona sporca o volgare.
ricciarello
(ric-cia-rèl-lo) n.m. Piccolo dolce senese di pasta di mandorle a forma di rombo.
ruscello
(ru-scèl-lo) 1 n.m. Piccolo corso d’acqua sorgiva. 2 dal v.intr. ruscellare, indicativo presente. Scorrere come un ruscello.
sbrindello
(sbrin-dèl-lo) 1 n.m. Brandello. 2 dal v.tr. sbrindellare, indicativo presente. Ridurre a brandelli.

seccherello
(sec-che-rèl-lo) o seccarello, (sec-ca-rèl-lo), n.m. Pezzetto di pane secco.
spogliarello
(spo-glia-rèl-lo) n.m. Spettacolo in cui un ballerino od una ballerina si spogliano al ritmo di una musica.
travicello
(tra-vi-cèl-lo) n.m. A Trave di dimensioni ridotte. B Diminutivo di trave.
vecchierello
(vec-chie-rèl-lo) n.m. A Anziano d’aspetto mite e fragile. B Diminutivo di vecchio.
aeromodello
(a-e-ro-mo-dèl-lo) n.m. Riproduzione in scala ridotta, a scopo di studio e sperimentazione, di aeromobili in progetto, specialmente, aeroplani ed alianti.

albarello
(al-be-rèl-lo) o alberello, n.m. A Vaso in ceramica da farmacia, con una lieve strozzatura al centro. B Pioppo bianco C Fungo del pioppo o pioppino.
avorniello
(a-vor-nièl-lo) n.m. A Nome regionale del maggiociondolo, piccolo albero di montagna con foglie trifogliate e fiori gialli in grappolo. B Legno scuro fornito da due varietà del genere laburno od ornello od orniello, pianta il cui tronco, inciso, produce la manna.
bertovello
(ber-to-vèl-lo) n.m. Arnese da pesca simile alla nassa, formato da vari coni di rete uno dentro all’altro.
budello
(bu-dèl-lo) n.m. L’intestino dell’uomo e di altri animali.
burchiello
(bur-chièl-lo) n.m. Piccola barca fluviale a remi.

cammello
(cam-mèl-lo) n.m. Grosso mammifero ruminante con due gobbe sul dorso.
campiello
(cam-pièl-lo) n.m. A Venezia, piazzetta nella quale sboccano le calli.
cancello
(can-cèl-lo) 1 n.m. Chiusura a battente posta a sbarramento di accessi. 2 dal v.tr. cancellare, indicativo presente. Eliminare la parole di uno scritto o di un disegno.
carboncello
(car-bon-cèl-lo) n.m. A Piccolo pezzo di carbone. B Fistola, pustola prodotta dal carbonchio, una malattia dei cereali.
cattivello
(cat-ti-vèl-lo) 1 agg. Birichino, bricconcello. 2 n.m. Anello di ferro al quale è attaccato il battaglio delle campane.

chiapparello
(chiap-pa-rèl-lo) o chiapperello, n.m. Gioco per bambini consistente nel rincorrersi per acchiapparsi.
corbello
(cor-bèl-lo) n.m. Cesto rotondo di vimini o di sottili strisce di legno intrecciate.
fardello
(far-dèl-lo) n.m. Grosso fagotto da portare sulla schiena appeso alle spalle.
lavarello
(la-va-rèl-lo) n.m. Cenere di pesce salmonide, marini e/o lacustre.
lavello
(li-vèl-lo) n.m. Vaschetta fissa in cucina, con carico e scarico dell’acqua.

morello
(mo-rèl-lo) 1 agg. Riferito ad un colore quasi nero, cavallo morello. 2 n.m. Cavallo dal manto color nero.
pagello
(pa-gèl-lo) n.m. Pesce di mare commestibile dal corpo appiattito di colore argenteo-rossastro, comune nel Mediterraneo.
passatello
(pas-sa-tèl-lo) 1 agg. Si dice di persona non più giovane. 2 n.m. Specialità romagnola e marchigiana di pasta alimentare fresca.
pomello
(po-mèl-lo) n.m. Oggetto sferico o tondeggiante usato come maniglia.
puntello
(pun-tèl-lo) 1 n.m. Grossa trave posta a sostegno di qualcosa che può crollare o franare. 2 dal v.tr. puntellare, indicativo presente. Rinforzare con puntelli.

ramoscello
(ra-mo-scèl-lo) o ramuscello, n.m. Piccolo ramo.
ritornello
(ri-tor-nèl-lo) n.m. A Parte di una composizione che viene ripetuta. B Verso o gruppo di versi che vengono ripetuti ad ogni stroffa.
spinarello
(spi-na-rèl-lo) n.m. Piccolo pesce di fiume o di mare, comune in Italia, dal corpo affusolato e provvisto di due o tre aculei mobili sul dorso.
sportello
(spor-tèl-lo) n.m. A apertura su una parete, attraverso le quali gli impiegati comunicano con il pubblico. B Piccola imposta.
stampatello
(stam-pa-tèl-lo) 1 agg. Riferito alla srittura a mano, che imita i caratteri di stampa. 2 n.m. Carattere stampatello maiuscolo o minuscolo.

tassello
(tas-sèl-lo) 1 n.m. A Blocchetto di legno o altro materiale, che si adatta a cavità allo scopo di chiuderla. B Cilindretto cavo ad espansione, generalmente di materiele plastico, che inserito in un foro nel muro, con l’introduzione della vite al suo interno, si espande bloccandosi saldamente. 2 dal v. tr. tassellare, indicativo presente. Fissare con tasselli.
torsello
(tor-sèl-lo) n.m. A Panno arrotolato a ciambella che si mette sul capo per sostenere meglio un peso. B Guancialino per spilli.
tortello
(tor-tèl-lo) n.m. Involucro di pasta ripieno.
tranello
(tra-nèl-lo) n.m. Insidia, trabocchetto, trappola.
tritello
(tri-tèl-lo) n.m. Crusca minuta, ottenuta dalla seconda setacciatura del grano, cruschello.

ugello
(u-gèl-lo) n.m. Dispositivo che si applica alla parte terminale di un condotto, allo scopo di incrementare la velocità di uscita del fluido, sfruttarne l’energia cinetica e, al tempo stesso, di disperderne il getto.
vascello
(va-scèl-lo) n.m. Possente nave vellica da guerra.
verdello
(ver-dèl-lo) n.m. Frutto del limone che matura da maggio a settembre.
verricello
(ver-ri-cèl-lo) n.m. Piccolo argano ad asse orizzontale.
vinello
(vi-nèl-lo) n.m. A Vino leggero. B Bevanda ottenuta lasciando in infusione, per poco tempo, le vinacce fermentate. C Diminutivo di vino.

zolfanello
(zol-fa-nèl-lo) o solfanello, n.m. Fiammifero di legno.
anello
(a-nèl-lo) 1 n.m. Cerchietto, normalmente in oro, che si porta al dito come simbolo di una condizione. 2 dal v.tr. anellare, indicativo presente. A Munire di anelli. B Avvolgere ad anelli.
battello
(bat-tèl-lo) n.m. A Grossa imbarcazione per la navigazione costiera. B Imbarcazione a remi o dotata di un piccolo motore.
bordello
(bor-dèl-lo) n.m. A Luogo ove si esercita la prostituzione, postribolo. B Ambiente pieno di vizi. C Fracasso, schiamazzo.
borsello
(bor-sèl-lo) n.m. Borsa per uomini, con le stesse funzioni di quella femminile.

bozzello
(boz-zèl-lo) n.m. Carrucola con una o più pulegge.
capello
(ca-pèl-lo) n.m. Pelo che cresce nel cuoio capelluto.
cappello
(cap-pèl-lo) n.m. A Copricapo di diversa forma e dimensione. B Parte introduttiva di discorsi.
carrello
(car-rèl-lo) n.m. Telaio o supporto montato su ruote.
cartamodello
(car-ta-mo-dèl-lo) n.m. Modello di un indumento riprodotto in carta nelle proporzioni reali.

cestello
(ce-stèl-lo) n.m. A Diminutivo di cesto. B Contenitore, di solito con struttura a gabbia, per trasportare oggetti. C Nelle lavatrici automatiche, il cilindro rotante nel quale si mette la biancheria.
crivello
(cri-vèl-lo) n.m. Sorta di grosso setacco, per vagliare sabbia od altri materiali incoerenti. 2 dal v.tr. crivellare, indicativo presente. A Riempire di buchi, riducendo come un crivello. B Operazione di passare al setaccio.
fiumicello
(fiu-mi-cèl-lo) n.m. A Piccolo corso d’acqua. B Diminutivo di fiume.
fuscello
(fu-scèl-lo) n.m. Rametto sottile di legna secca.
girello
(gi-rèl-lo) 1 n.m. Attrezzo, montato su ruote, che servono a sorreggere i bimbi quando imparano a camminare. 2 dal v. intr. girellare, indicativo presente. Girare qua e là senza una meta.

grumello
(gru-mèl-lo) n.m. Vino rosso predotto in Valtellina.
maccarello
(mac-ca-rèl-lo) n.m. Pesce marino dalle carne commestibili, più conosciuto col nome di scombro.
orpello
(or-pèl-lo) n.m. A Lega di rame e zinco di colore simile all’oro. B Apparenza ingannevole.
orticello
(or-ti-cèl-lo) n.m. A Piccolo appezzamento di terreno nel quale si coltiva ortaggi. B Diminutivo di orto.
paesello
(pa-e-sèl-lo) n.m. Piccola parte di territorio abitato, che si presenta omogeneo sotto un determinato aspetto, paesello di montagna.

pizzutello
(piz-zu-tèl-lo) n.m. Varietà di uva da tavola con acini duri, lunghi ed assottigliati.
quadrello
(qua-drèl-lo) n.m. Mattonella quadrata per pavimentazione.
randello
(ran-dèl-lo) 1 n.m. Bastone corto e tozzo. 2 dal v.tr. randellare, indicativo presente. Bastonare, percuotere con un randello.
ravanello
(ra-va-nèl-lo) o rapanello, n.m. Pianta erbacea che si coltiva per le radici commestibili.
saputello
(sa-pu-tèl-lo) 1 agg. A Diminutivo di saputo. B Che si atteggia, nonostante la giovane età, a persona adulta, intervenendo nelle discussioni, affrontando argomenti che non conosce e simili. Un ragazzo saputello. 2 n.m. Chi si atteggia, nonostante la giovane età, a persona adulta, intervenendo nelle discussioni, affrontando argomenti che non conoscoe e simili.

stornello
(stor-nèl-lo) 1 n.m. Breve canto popolare, tipico dell’Italia centrale, di argomento amoroso o satirico. 2 dal v.intr. stornellare, indicativo presente. Cantare stornelli.
tondello
(ton-dèl-lo) n.m. Piccolo disco metallico pronto per ricevere l’impronta di una moneta o di una medaglia.
torello
(to-rèl-lo) n.m. A Giovane robusto e muscoloso. B Diminutivo di toro.
trivello
(tri-vèl-lo) 1 n.m. Attrezzo manuale, usato per praticare fori nel legno, succhiello. 2 dal v.tr. trivellare, indicativo. Perforare con trivelli.
violoncello
(vio-lon-cèl-lo) n.m. Strumento musicale a corde, molto simili ai violino per forma, ma di dimensioni molto più grandi, e di registro più grave.

vitello
(vi-tèl-lo) n.m. Piccolo della vacca.
assicello
(as-si-cèl-lo) n.m. Striscia di legno di piccolo spessore, diminutivo di asse.
avello
(a-vèl-lo) 1 n.m. Piccola tomba, sepolcro. 2 dal v.tr. avellere, indicativo presente. Sradicare, strappare, svellere.
brandello
(bran-dèl-lo) n.m. Piccolo pezzo di qualcosa che è stato strappato.
campanello
(cam-pa-nèl-lo) n.m. A Piccolo strumento a forma di campana che suona se viene, in qualche modo, azionato. B Dispositivo elettromeccanico di segnalazione acustica.

casello
(ca-sèl-lo) n.m. Impianto situato all’ingresso ed all’uscita dell’autostrada.
cervello
(cer-vèl-lo) n.m. A Ingegno, intelletto. B Parte principale dell’encefalo, costituita da due emisferi cerebrali, contenuti nella parte anteriore e superiore della cavità cranica.
cesello
(ce-sèl-lo) 1 n.m. Scalpello dell’incisore. 2 dal v.tr. cesellare, indicativo presente. Scrivere, dipingere o svolgere un’altra attività artistica con estrema accuratezza, mirando alla perfezione.
coltello
(col-tèl-lo) n.m. Lama d’acciaio affilata da un solo lato e fissata in un manico, usata per tagliare in cucina o come arma.
dislivello
(di-sli-vèl-lo) n.m. Differenza di livello.

fornello
(for-nèl-lo) n.m. A Apparecchio alimentato in vari modi, usato per cuocere i cibi. B Cavità della pipa, nella quale si brucia il tabacco.
fraticello
(fra-ti-cel-lo) n.m. A Francescano spirituale che osserva una povertà rigorosa. B Diminutivo di frate.
frenello
(fre-nèl-lo) n.m. A Staffa di cuoio che assicura i remi allo scalmo. B Congegno con il quale si comanda il timone. C Nastro lavorato con il quale le donne si cingevano la fronte per trattenere i capelli.
gioiello
(gio-ièl-lo) n.m. Monile di metallo prezioso, per lo più ornato con una o più gemme.
grassello
(gras-sèl-lo) n.m. A Grasso contenuto nella carne macellata o nei salumi. B Impasto grasso di calce spenta, acqua e sabbia. C Diminutivo di grasso.

indovinello
(in-do-vi-nèl-lo) n.m. Gioco enigmistico, consistente in brevi frasi, per lo più in versi, il cui oggetto da indovinare è descritto per mezzo di parole che si prestano a diverse interpretazioni.
libello
(li-bèl-lo) n.m. A Opuscolo infamante, per lo più anonimo. B Piccolo libro.
luminello
(lu-mi-nèl-lo) n.m. Barbaglio di luce solare riflessa su superfici lucide.
macello
(ma-cèl-lo) 1 n.m. A Luogo dove si macellano gli animali destinati all’alimentazione umana. B Grande stragge di persone. 2 dal v.tr. macellare, indicativo presente. Uccidere bestiame che serve all’alimentazione umana.
ornello
(ro-nèl-lo) n.m. Pianta arborea simile al frassino comune, coltivata per la manna, una sostanza zuccherina, che si ricava dal fusto inciso.

pazzariello
(paz-za-rièl-lo) n.m. Personaggio del folclore napoletano che va per le strade vistosamente addobbato e accompagnato da alcuni suonatori.
pollastrello
(pol-la-strèl-lo) n.m. A Pollo giovane. B Diminutivo di pollo.
saltello
(sal-tèl-lo) 1 n.m. A Piccolo salto ripetuto più volte. B Diminutivo di salo. 2 dal v.intr. saltellare, indicativo presente. Procedere a piccoli salti.
sgabello
(sga-bèl-lo) n.m. Piccolo sedile senza spalliera e braccioli.
tinello
(ti-nèl-lo) n.m. A Stanza adibita a soggiorno. B Diminutivo di tino.

trasferello
(tra-sfe-rèl-lo) n.m. Lettere, numeri o piccoli disegni su supporti di plastica trasparente, che possono essere trasferiti mediante pressione su altro supporto.
uccello
(uc-cèl-lo) n.m. Animale vertebrato ovipero dal corpo ricoperto di piume; con arti anteriori trasformati in ali.
venticello
(ven-ti-cèl-lo) n.m. A Lieve spostamento di piccole masse d’aria, brezza. B Diminutivo di vento.
  


NON DEFINITO  TOP
ribello
(ri-bèl-lo) dal v. tr. ribellare, indicativo presente. Indurre qualcuno a disobbedire all’autorità costituita e sollevarsi contro di essa.
colonnello
(co-lon-nèl-lo) n.m A Il grado più elevato degli ufficiali superiori. B L’ufficiale che ha questo grado.
scancello
(scan-cèl-lo) dal v. tr. scancellare, indicativo presente. Cancellare
scappello
(scap-pèl-lo) dal v. tr. scappellare, indicativo presente. Privare del cappello o del cappuccio.
repello
(re-pèl-lo) dal v. tr. repellere, indicativo presente. Allontanare, respingere.

giocherello
(gio-che-rèl-lo) dal v. intr. giocherellare, indicativo presente. Giocare senza voglia, senza impegno.
insello
(in-sèl-lo) dal v. tr. insellare, indicativo presente. A Mettere la sella ad un cavallo. B Incurvare, dando la forma di una sella.
   


Se utilizzi il sito ed apprezzi il lavoro svolto in questi anni ti chiediamo di fare una donazione.
Grazie.